Credi, Prega e Chiedi. I tuoi desideri verranno esauditi.

L’atmosfera di Natale in un paese musulmano é un po’ diversa da come ce la aspettiamo. Dopo la festa del Tabaski, a settembre, o anche chiamata Eid al-Adha, il momento religioso in cui si celebra il sacrificio dell’agnello da parte di Abramo, e di tutta la popolazione senegalese musulmana in questo caso, il Senegal ha appena festeggiato la festa del Magal di Touba, dove, nel terzo weekend di novembre, tutti i senegalesi musulmani si sono recati alla città sacra di Touba in pellegrinaggio per commemorare la partenza in esilio di Ahmadou Bamba in Gabon. Magal in wolof significa “rendere omaggio, celebrare, rendere magnifico”.

Parallelamente al calendario musulmano e delle feste religiose, i cristiani-cattolici si preparano alla celebrazione del natale con celebrazioni della messa la domenica, spiritualmente connessi agli altri credenti, e con mercatini e bazaar natalizi che propongono regali, oggettistica, abiti, borse, prodotti tipici, oli essenziali e decorazioni natalizie.

Il clima é sempre caldo, la neve non c’é, e la stagione della pioggia é terminata; si possono pero’ acquistare alberi di natale e le palline per decorare. Immaginano il mare sia una bella opportunità per incontrare amici e famiglia durante le vacanze natalizie, cucinando pesce e riso a casa o mangiando un buon piatto di pesce fresco, succhi di frutta e patatine fritte in spiaggia.

Le due religioni armoniosamente convivono, penso presto vedremo le decorazioni anche nella città, e le riunioni familiari o i viaggi per rientrare a vedere la famiglia, per ricaricare le energie e per ricominciare.

E’ interessante vedere come i differenti paesi marcano feste specifiche, che cosa scelgono di celebrare, e come si riuniscono, e come queste scelte influiscano direttamente sulla popolazione, la sua cultura e le sue tradizioni, e sulla mappatura e disposizione socio-geografica della città.

Penso l’apprendimento maggiore di questa esperienza senegalese sia stata di comprendere il ritmo di un paese, le differenti attività, e le dinamiche sociali. Qui sembra che il tempo sia dilatato, tutto va un pochino più piano, ma si vive di più e si apprezzano maggiormente le relazioni sociali e il contatto umano.

La notte dell’11 dicembre poi, abbiamo celebrato la nascita del profeta Maometto, canti religiosi dagli altoparlanti dei quartieri della città, nelle moschee, in cui si leggeva il Corano e si pregava per la pace nel mondo, perché i desideri di ciascuno venissero esauditi, perché Maometto possa far seguire i suoi precetti di uomini fedeli, responsabili, devoti alla pace e al rispetto degli altri, alla solidarietà e all’aiuto dei più poveri. Si è pregato molto affinché gli uomini (e le donne) di fede possano adempiere ai 5 pilastri dell’Islam (le due testimonianze di fede, le preghiere di rito, offrire elemosina, digiuno durante il mese del Ramadan e il pellegrinaggio alla Mecca almeno una volta nella vita per tutti quelli che siano in grado di affrontarlo).

Vedo molto somiglianza tra il Cristianesimo e l’Islam, come regioni monoteiste e come precetti e valori di altruismo, di fede e di correttezza, di profeti che, con il loro esempio, insegnano a noi uomini a vivere insieme sulla terra, nel rispetto e nella dignità, nell’aiuto e nell’ascolto, nella preghiera e nelle parole di incoraggiamento.

Il Senegal mi ha insegnato a vivere in comunità, ad apprendere a vivere “sulla stessa piroga” espressione per definire il vivere insieme ( qui è un paese dove i pescatori sono numerosi e le attività di pesca sono economicamente proficue), in pace e con un’attitudine positiva verso la vita e verso le situazioni. Qui la fede e il credere sono cosi forti che esiste più amicizia e meno paura dell’altro. Queste, a mio parere, sono le chiavi per una vita speciale, felice e senza inquietudine verso il futuro. Se vi sono preoccupazioni, ci si affida completamente al cielo e, nell’attesa, si crede nel meglio. Perché, come il mio amico Ahmed mi ha insegnato, nuotando sulla spiaggia di Ngor a Dakar nel giorno della nascita di Maometto. Se oggi si attende ma qualcosa non funziona, domani sarà sicuramente meglio. Perché il Signore ci mette davanti ostacoli che possiamo affrontare e superare, e ci da la forza per continuare, sempre apprendendo e facendo del bene agli altri.

Buon Natale a tutti e un abbraccio del Senegal!

 

Gaia

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento