Poesia in viaggio: consigli di lettura da e per Italians

Dopo esser passata per i tornelli della stazione metro vicino casa, butto sempre un occhio sulla rastrelliera accanto alle macchinette per ricaricare la Oyster Card. Lì sono allineate ben bene le mappe della metro e volantini vari per offerte e programmi per pendolari e turisti. Nell’ondata di messaggi solidali del post-Brexit che nella capitale inglese, sotto invito del sindaco Sadiq Khan, son fioriti sotto il titolo di #LondonisOpen, un volantino un po’ più corposo è spuntato nell’espositore.

Si trattava di uno dei librettini di Poems on the Underground, un’iniziativa che vede la collaborazione del Transport for London, l’Arts Council England ed il British Council. L’edizione del 2016 si apriva con il sonetto ‘Composed upon Westminster Bridge, September 3, 1802’, un’ode romantica di William Wordsworth, inspirata dalla vista dal ponte di fronte al Parlamento e dedicata all’industriale Londra del diciannovesimo secolo. La collezione includeva composizioni di autori più o meno famosi, celebrando la diversità della nazione, nel suo passato, presente, e futuro di paese che accoglie.

Una più recente edizione, quella distribuita nel 2017, presentava rime di poeti Indiani dell’epoca contemporanea. Gli autori offrivano svariati spunti di riflessione, sulla natura, sulla diaspora del popolo Indiano, sulle tradizioni familiari.

Per l’attento viaggiatore, le poesie, di qualunque di queste pubblicazioni, posson esser lette al di sopra dei sedili nei vagoni della metro. Lanciata per la prima nel 1986, l’iniziativa Poems on the Underground nacque dall’idea di tre scrittori: Judith Chernaik, Gerard Benson, e Cicely Herbert. Oltre che esporre le proprie opere ad un pubblico decisamente più ampio e vario che quello delle biblioteche, il progetto ha lo scopo di portare una spolverata di arte e qualche linea di inspirazione nelle frenetiche vite dei passeggeri.

Non sono pochi gli italiani, inglesi e stranieri vari che, dopo alcuni anni nella movimentata e attraente città, hanno deciso poi di trasferirsi se non nelle aree più in periferia, addirittura in una delle cittadine poco fuori dalla M25 – l’autostrada che circonda Greater London. Le loro esperienze raccontano di vite piuttosto stressate e troppo di corsa. Al di là del luccichio delle strade, delle infinite possibilità culturali e di divertimento, della super flessibile e multitasking vita possibile, Londra è frenetica. Recentemente, stanno spuntando fuori alcuni sondaggi e studi che rivelano alti livelli di solitudine e stress dei cittadini. Per non parlare del tasso di inquinamento, non solo per quel che riguarda l’aria che respiriamo, ma anche per la vera e propria spazzatura, la cultura dell’usa e getta, che “tanto non c’è tempo”, “sbrigati, lascia lì”, e via dicendo, il quale deprime abbastanza se si pensa alle tante proteste e buoni propositi per salvare il pianeta.

Non c’è molto da meravigliarsi che il trasporto sia uno degli argomenti favoriti di chiacchiere e polemiche. Gli scioperi dei lavoratori per quello cittadino sono veramente pochi, ma le linee metropolitane di tanto in tanto rischiano rallentamenti, più o meno leggeri, per via di guasti tecnici o lavori in corso ,ora a quella stazione ora ad un’altra. Chiusure improvvise e inaspettati lunghi tempi di attesa sulla banchina. Ci sono persino due fasce di prezzo differenti, l’off-peak (più economica) e la standard, per scoraggiare turisti e occasionali viaggiatori dal prendere il treno all’ora di punta e sperare così di render i vagoni meno gremiti – pieni zeppi, se rende meglio l’idea – di quanto già non lo siano la mattina alle otto o il pomeriggio alle cinque e mezza.

C’è chi, dopo un po’ di necessaria esperienza lavorativa e sociale nel cuore della city, accetta di non poter più sostenere certi ritmi e che un cambio di stile di vita, mantenendo una distanza decente con la capitale, sia dovuto. È chi, come un vero innamorato/a, non riesce a metter il piede troppo fuori da Londra, e cerca di adattarsi come meglio può agli orari fuori orario, ai prezzi senza calmiere, alle pozzanghere sempre presenti sui marciapiedi, nei parchi, davanti alla porta di casa.

Nelle gallerie della ramificata rete metropolitana continua a non esserci campo né un alternativo accesso ad Internet (se non in alcune stazioni con wi-fi). Qualcuno indossa le cuffie e continua imperterrito a far scorrere il dito sullo schermo del cellulare fisso all’ultima pagina web aperta. Qualcuno sfoglia il Metro mentre il vicino allunga il collo per farsi un’idea dei titoli della giornata. Qualcuno sonnecchia, qualcuno ha aperto un libro. Al di là dell’assordante rumore dell’accelerazione e freno del treno, nella moltitudine e varietà dei tanti passeggeri accomunati da quella corsa, tra gli accattivanti e petulanti cartelloni della pubblicità, un piccolo squarcio si apre al leggere dei versi di poesia, ora di Sujata Bhatt, ora di Robert Burns, Louis MacNeice risiede in questo vagone, Emily Dickinson in quell’altro.

Si tratta di poche parole, di qualche verso, ma per molti pendolari sul punto di cedere a nostalgici ricordi di casa, alla deprimente pila di lavoro in attesa in ufficio, o all’emozionante ma anche affollata settimana che si ha davanti, posson rivelarsi come provvidenziale boccata d’aria fresca.

E visto che la letteratura è quel portale per comprendere l’altro, vorrei tanto che simili progetti di poesia in viaggio diano anche quel guizzo di inspirazione ad abbracciare una cultura più europea, per gli inglesi, e più accogliente, per gli Italiani.

Non è grossa, non è pesante

la valigia dell’emigrante…

C’è un po’ di terra del mio villaggio,

per non restar solo in viaggio…

un vestito, un pane, un frutto

e questo è tutto.

Ma il cuore no, non l’ho portato:

nella valigia non c’è entrato.

Troppa pena aveva a partire,

oltre il mare non vuole venire.

Lui resta, fedele come un cane.

nella terra che non mi dà pane:

un piccolo campo, proprio lassù…

Ma il treno corre: non si vede più.

Il treno degli emigranti, Gianni Rodari

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento