Ore 9: Ricorda fare foto rinnovo passaporto

Stamattina sono arrivata dieci minuti in ritardo in ufficio a causa di un appuntamento molto glamour: 6 fotografie (formato fototessera che deve spaccare il millimetro a 35x40mm, £9.99, ‘Miss, here is your change‘) per il rinnovo del passaporto. Mi dispiacerà abbandonare quel documento un poco bruttino e ormai maltrattatissimo, soprattutto perché perderò visti e bolli di una manciata di paesi diversi, la testimonianza del mio percorso e dei miei viaggi in quattro continenti. Un secondo passaporto a 24 anni è comunque, in fin dei conti, un buon segno.

Mi serve con una certa urgenza, per motivi di lavoro e per una remota possibilità: che il Regno Unito lasci l’Unione Europea, quest’anno, un giorno, si vedrà. In questo clima di ‘Brexit‘ e discussioni pro e contro l’Unione, sono pur sempre un’Italiana a Londra. Nonostante io non faccia ancora parte di quella che risulterebbe al Censo Italiano come ‘tredicesima città italiana per abitanti‘ – devo ancora affrontare la burocrazia per spostare ufficialmente la residenza – sento di essere ‘più qui che altrove’, e con ottime ragioni per rimanere nel futuro più immediato.

Sono arrivata presto a concepire la mia carriera e vita personale come non legata necessariamente all’Italia come unica opzione e casa. L’aver studiato in particolar modo Lingue prima e Relazioni Internazionali poi mi sta portando lontano, sicuramente avvantaggiata da un punto di partenza positivo per quanto riguarda supporto da parte della mia famiglia. La mia faccia da Italian l’ho truccata negli ultimi 5 anni, in cui ho arraffato due lauree nel tempo più breve possibile nei tempi dell’università italiana includendo studio e tirocinio all’estero. L’obiettivo: entrare nel mondo del lavoro su mercati ai miei occhi più attraenti di quello italiano, spinta dal sogno di una carriera globale.

Cosmopolita dunque? … la mia identità di italiana all’estero si è rafforzata proprio grazie a questa vita all’estero, quasi come uno scudo e una rivendicazione della mia identità che non avrei saputo ritrovare altrimenti. Per carità, non tacciatemi di vano patriottismo da osteria! Non mi sono mai sentita più italiana di quando ero in Cina, di quando dovevo affrontare gli stereotipi alla ‘The Godfather’ in California o di quando in Brasile ragazzi e ragazze del posto mi raccontavano orgogliosi di nonni e bisnonni emigrati da tutt’Italia. Molti Italians sembrano riconoscersi in un simile processo di riscoperta, altri invece si distaccano totalmente da questa etichetta a loro stretta. Per esperienza personale posso dire però che questi ultimi sono sempre poco numerosi, e spesso semplicemente frustrati e disillusi nei confronti di un Paese visto comunque con affetto. Insomma, la storia di molti ‘Italians in fuga’ che ci è stata documentata in video, in ‘istruzioni per l’uso’ e reti varie di supporto e assistenza. La mia idea per ‘Facce da Italians’ è dettata meno dal concetto di fuga e più da un’accettazione riconoscente delle opportunità che ho potuto ricavarmi.

E quindi come sono questi Italiani che partono? Come vengono visti e come si presentano? Mi sono trovata spesso a fare domande simili nel momento in cui riconoscevo il mio bisogno di appartenenza e alle diverse culture e storie che mi si trovavano davanti. Sento davvero il bisogno di condividere questo esercizio di riconoscimento dell’ ‘Italian’, perché’ vorrei aiutare a sfatare il mito dell’expat altezzoso, di chi guarda il coetaneo rimasto in Italia dall’alto al basso, il mito che fa dell’Italian emigrato un piacione e un piagnucoloso in terra straniera. Chiarire questo punto, sia tra chi è via e chi è in Italia, è un passo necessario a capire i bisogni, le aspirazioni e le idee di chi resta e chi va, con l’idea, un giorno, di informare chi le politiche su questi temi le fa.

Nel frattempo, sul mio passaporto ‘very Italian’, una nuova faccia, per i prossimi 10 anni.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento