Le tempistiche della scelta

 

“Ogni impresa sembra impossibile finché non viene realizzata.” (Nelson Mandela)

 

Ed eccoci finalmente giunti a giugno, con le sue giornate sempre più lunghe ed le frenetiche ultime settimane di scuola prima della placida accettazione che ormai la fine è vicina.

La maturità ha abbandonato il suo mantello d’ombra ed aspetta che le maree di studenti italiani si gettino disperati tra le sue braccia nella speranza di potersi lasciare finalmente gli anni del liceo alle spalle ed iniziare il loro viaggio indipendente nelle istituzioni universitarie da loro scelte.

O anche no, visto che in Italia la scelta dell’università può essere facilmente posticipata alla fine dell’estate per potersi godere pienamente la libertà guadagnata con le ore passate sui libri a memorizzare fatti che nella vita non torneranno mai più utili – tranne che in quei brevi momenti di nostalgia durante le sessioni esami in cui le declinazioni di latino sembreranno giochi da ragazzi.

Per esperienza, anche i maturandi intenzionati a sottoporsi agli esami di ammissioni in facoltà come Medicina hanno la tendenza a rimandare ad Agosto l’inizio dello studio intensivo: dopotutto molti degli argomenti sono ancora freschi nelle loro teste e rilassarsi un po’ dopo anni di terrorismo psicologico caratterizzato da frasi come “La maturità vi farà a pezzi,” fa solamente bene alla salute mentale.

Mentre in Italia la scelta dell’università è ponderata e supportata da interminabili giornate di orientamento durante l’ultimo anno di studi, in Regno Unito lo stress per l’iscrizione inizia addirittura il penultimo anno: studenti e genitori consultano i vari elenchi compilati da enti indipendenti e giornali per scoprire quali università hanno ottenuto i punteggi piú alti in varie categorie d’interesse. Partendo dal numero di laureati impiegati nei primi sei mesi dall’uscita dell’ateneo, questi elenchi collezionano dati sul livello di soddisfazione degli studenti per dare un’idea generale ai futuri iscritti su cosa potrebbero ottenere a livello personale e professionale durante i tre anni di studio.

Essendo un processo totalmente estraneo a quello solitamente raccontato ai liceali italiani, il primo impatto che ho avuto quando mi sono dovuta iscrivere io è stato traumatico. Grazie al mio caro amico Google ho scoperto che anziché contattare direttamente l’ateneo scelto mi sarei dovuta iscrivere al fantomatico sito della UCAS, che annualmente gestisce le pratiche di iscrizione di migliaia di studenti su tutto il territorio britannico.

Registratami al sito ed immessi i miei dati personali, il sito mi ha in seguito inviato una lista di tutta la documentazione necessaria per presentare la mia richiesta d’iscrizione a massimo cinque università da me scelte: innanzitutto un elaborato in cui spiegare le mie motivazioni per intraprendere una carriera universitaria – un documento importante sia per monitorare il livello di conoscenza della lingua sia per permettere all’ufficio ammissioni di conoscere meglio il candidato – la lista dei voti ottenuti negli ultimi tre anni di scuola superiore, ed una predizione del possibile voto finale di maturità controfirmato da due insegnanti.

Molto diverso dalla semplice pre-iscrizione ed immatricolazione a cui si era sottoposta mia sorella.

Ottenuti questi documenti, scritto il mio elaborato ed ottenuto – dopo settimane di inseguimenti – due referenze dalle professoresse di Latino ed Inglese, sono finalmente riuscita a mandare la mia candidatura ai cinque istituti di mia scelta prima della data di scadenza. Quest’ultima varia in base alla facoltà scelta: medicina, veterinaria ed odontoiatria sono le prime a dover ricevere le richieste il 15 di Ottobre; le altre solitamente accettano la documentazione entro il 15 di Gennaio dell’anno in cui si vuole iniziare. Alcune università, la maggior parte quelle che includono corsi a sfondo artistico, rimandano a Marzo la presentazione in modo tale da consentire agli aspiranti studenti di creare un portfolio per dimostrare le loro doti.

Mesi dopo, quando ormai mi trovavo già a Londra e cercavo di capire come non perdermi dentro la torre di amianto anni ‘70 della mia sede, ho scoperto che alcune delle università includono nel processo di iscrizione un colloquio con i candidati in lizza per poterne giudicare personalmente il carattere e la voglia di lavorare duramente per una laurea. Col senno di poi non sarebbe stata un’esperienza così malvagia, visto tutti i colloqui di lavoro che sono venuti dopo.

Le cose sono un po’ diverse quando si tratta di proseguire gli studi dopo la triennale. Le iscrizioni per i master sono quasi interamente gestiti dalle università, che quindi hanno creati portali appositi per presentare il materiale richiesto all’ufficio di competenza interno. Questo significa che si ha un contatto diretto con i membri dello staff fin dall’inizio, un rapporto più personale rispetto a quello instaurato con la piattaforma UCAS precedentemente.

L’aspetto negativo è che bisogna creare elaborati diversi per ogni corso a cui si vuole accedere: tutto a posto se si ha il tempo ma diventa più complicato se l’iscrizione va di pari passo con l’impegno rivolto al progetto finale del corso o alla stesura della tesi. In quel caso bisogna sfoderare tutte le abilità di multi-tasker acquisite col tempo.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento