E adesso? Riflessioni sulla Brexit.

“Questo è il nostro ultimo addio | Odio sentire che l'amore tra noi due finisca | Ma è finito | Ascolta solo queste parole e poi me ne andrò | Mi hai dato qualcosa in più per cui vivere | Molto più di quanto tu possa immaginare.” (Jeff Buckley)

Sono arrabbiata. Anzi no, perché questo aggettivo non racchiude neanche un terzo della frustrazione e tristezza con cui convivo da ieri mattina. Sono furibonda.

Furibonda non tanto per l’effettivo risultato del referendum visto che, in quanto fedele credente della democrazia, ho sempre supportato e difeso il diritto della gente di avere una propria opinione. Il popolo Inglese si è espresso e la sua decisione deve essere pertanto accettata.

La mia rabbia nasce da come tale risultato sia stato ottenuto. La campagna del Leave è stata condotta in modo quantomeno scorretto in quanto ha promosso un messaggio tanto xenofobo quanto basato su fatti sbagliati: Boris Johnson, Michael Gove, e Nigel Farage hanno sfruttato la paura degli immigrati scaturiti dalla crisi dei profughi, e le conseguenze della crisi economica del 2008.

Ai “leavers” sono stati promessi controlli incrementali sui confini britannici – da molti interpretati come una totale cessazione dell’immigrazione – e una rinnovata presa di potere da parte dei politici “derubati” dall’Unione Europea. Sono state promesse 350 milioni di sterline da iniettare nel servizio sanitario nazionale (NHS).

Insomma, ai Britannici è stato promesso il ritorno della Gran Bretagna libera dalla burocrazia ed i dettami di Bruxelles.

In particolare, gli Inglesi non amano che l’Unione Europea possa esprimere un’opinione sulle leggi varate dal Parlamento Britannico: l’ammontare delle tasse e l’Human Rights Act 1998 – la versione nazionale della European Convention on Human Rights (ECHR) – creano i principali problemi.

Personalmente, la posizione britannica sulla questione dei diritti umani è sempre apparsa quantomeno paradossale vista la forte prevalenza inglese tra i creatori della ECHR – generata dalla volontà dell’Europa di evitare eventi drammatici quali il genocidio nazista di ebrei, disabili ed omosessuali durante la Seconda Guerra Mondiale. Sir Patrick Stewart – famoso per la sua interpretazione di Charles Xavier nei film sugli X-Men – qualche mese fa ha anche sottolineato l’ipocrisia della situazione in un video pubblicato sul The Guardian.

Neanche ventiquattro ore dopo la proclamazione ufficiale dei risultati a Manchester e le promesse sono già state infrante. La mattina del 24 Giugno 2016 il leader dello UKIP (Partito per l’Indipendenza del Regno Unito) Nigel Farage ha partecipato alla trasmissione Good Morning Britain ed ha ammesso che gli agognati £350 milioni difficilmente verranno usati per l’NHS.

“No, non posso [garantirli], e non avrei mai fatto una promessa simile. È stato uno degli errori che penso la campagna del Leave abbia fatto.”

La questione economica – che ha rappresentato il punto fulcro della campagna Remain – ha comunque sempre avuto un ruolo di secondo piano per i leavers. È stata infatti l’immigrazione ad avere più peso sulla decisione di quel 51.9% di lasciare l’Unione Europea.

Testimonianza di ciò è un alquanto volgare e mal pensato poster creato dallo UKIP sul quale centinaia di migranti sono fotografati in fila ed accompagnati dalla scritta “Breaking Point” (Punto di Rottura). La fotografia è stata da molti paragonata a filmati prodotti dal partito nazista negli anni ’30, ed il poster è stato denunciato alla polizia in quanto “incita all’odio raziale.”

Vari esponenti della fazione conservatrice della campagna – capitanata dall’ex sindaco di Londra, Johnson, e l’ex ministro dell’Educazione, Gove – dopo il risultato hanno affermato che l’immigrazione verso il Regno Unito difatti continuerà e ci vorrà del tempo per stabilire nuove regole di controllo dei confini. Difficile da spiegare agli elettori convinti dell’immediata cessazione del flusso migratorio.

L’impatto dell’immigrazione, vista come fortemente negativa ed accompagnata da molti pregiudizi sulla capacità dei lavoratori europei di “rubare” il lavoro ai locali, è stata enorme. Guardando velocemente i dati più recenti sull’effettivo numero annuale di migranti in entrata in Inghilterra si vede però che le cifre sono state gonfiate a dismisura: su una popolazione attuale di 64.6 milioni gli immigrati nel 2015 sono 300,000 in più, un incremento dello 0,5%.

La terza promessa, quella di invocare immediatamente l’Art. 50 del Trattato di Lisbona che mette in moto il processo di uscita dall’Unione ufficiale, sembra seguire l’esempio delle altre due in quanto David Cameron, annunciando le sue dimissioni dalla carica di primo ministro, ha rincarato la dose confermando che spetterà al suo successore – nominato prima dell’annuale riunione del partito di Ottobre a Birmingham – dare l’avvio alle trattative con Bruxelles.

Come ho detto prima, credo nella democrazia ed è giusto che la popolazione venga ascoltata. Però, con una presenza alle urne di meno del 75% degli aventi diritti al voto, una vittoria totale dell’ideologia Leave mi sembra perlomeno inesatta. Infatti mancano 12,922,659 Britannici all’appello, tra i quali molti espatriati che o non hanno ricevuto le schede per il voto postale o le hanno ricevute troppo tardi.

Osservando le sezioni dei commenti su vari giornali britannici – sia pro che contro l’uscita dall’UE – rimango comunque allibita nel notare che il concetto di democrazia appare essere a senso unico per molti.

Gli espatriati difatti non avrebbero diritto di voto in quanto volontariamente emigrati in altri paesi; la Scozia, espressasi a favore del restare in Europa, non avrebbe diritto a chiedere a sua volta un referendum per continuare a farne parte perché legata al Regno Unito – unione confermata da un referendum del 2014, durante il quale il governo Cameron aveva però assicurato la continuata adesione all’UE in cambio della permanenza della Scozia – ed altre affermazioni che mi fanno seriamente dubitare della coerenza di alcuni.

Dei problemi causati dai risultati del 23 Giugno ha preso nota una petizione lanciata ieri pomeriggio sul sito del governo e parlamento del Regno Unito che ha raccolto più di due milioni di firme: si richiede l’implementazione di una nuova regola secondo la quale, per la vittoria ufficiale di Leave o Remain, sarebbe necessario tener contro della proporzione di votanti per stabilire una percentuale minima di voti per la vittoria.

I giornali inglesi hanno discusso l’esistenza della petizione e in molti stanno considerando l’effettiva possibilità di un secondo referendum. In questo i giornali italiani, La Repubblica in primis, mi fanno debolmente sperare in quanto hanno sottolineato che esiste un precedente, in Irlanda, dove un referendum è stato annullato da un successivo voto.

Per ora quello che è certo è che la frustrazione dei risultati è ampiamente condivisa dalla maggior parte dei giovani, sia Inglesi che Europei. Con il 75% delle preferenze, la popolazione di età tra i 18 e 24 anni ha dato una risonante preferenza all’Unione Europea.

Su Twitter come su altri social media, i giovani accusano donne e uomini con più di 65 anni di aver loro rubato il futuro. Ci – visto che le ripercussioni del voto ricadranno anche sulle migliaia di Italiani, Francesi, Spagnoli etc. che sognavano un futuro in Regno Unito – hanno messo un limite alla possibilità di dimostrare la nostra utilità, la nostra voglia di arricchire l’Inghilterra e l’Europa con la nostra creatività e tenacia.

Rimane però allarmante il fatto che quel 75% è anch’esso un numero fuorviante: difatti solo il 36% dell fascia 18-24 si è presentato ai seggi cosí mettendo a rischio non solo il loro futuro, ma anche quello dei giovani tra i 16 e 17 anni scesi ieri a Westminster per protestare la loro esclusione dal voto.

Prima del 23 Giugno prendevo in giro mia madre, che ha sempre vissuto in Italia e che l’Inglese lo ha imparato sulle serie di BBC ed ITV, perché per mesi mi inviava articoli di giornali sulla Brexit, ed andava in giro borbottando quando leggeva qualcosa sulla campagna Leave. Io, forse per ingenuità o per troppa fiducia negli altri e nei sondaggi, ignoravo la sua preoccupazione. Ho sbagliato.

Perché quando mio padre (in Italia) ed i miei amici/colleghi (in Inghilterra e Galles) mi hanno svegliata venerdì mattina ho capito come mai mia madre per mesi guardava con ansia i giornali. Lei, nata e cresciuta con il sogno di un Europa unita post-bellica, è probabilmente più incazzata di me.

Oggi non parlo da Italiana, né tantomeno da Inglese d’adozione. Oggi parlo – con molto orgoglio – da Europea. Perché è l’essere cittadina Europea che mi ha dato l’opportunità di vivere e studiare in Inghilterra, di poter espandere i miei orizzonti grazie alle moltitudini di autoctoni e altri stranieri che ho conosciuto in questi ultimi quattro anni. E mi sento seriamente derubata.

Ovviamente le ripercussioni più gravi – escluso il crollo della sterlina, che ha preceduto di ore la vittoria Leave – inizieranno a farsi sentire quando il Regno Unito avvierà il processo di uscita e le nuove leggi sugli spostamenti ed i diritti di residenza saranno varate. Fatto sta che le giovani generazioni devono iniziare a preoccuparsi oggi del loro futuro, prima di essere travolti dal cambiamento vero e proprio.

Nel frattempo, un po’ per intrinseca cattiveria, un po’ per pura e semplice meschinità, ho cancellato la Cornovaglia dai posti da visitare: dopo aver votato in maggioranza per l’uscita dall’Unione Europea, il consiglio della regione ha pregato l’UE di continuare a fornire fondi alla zona caratterizzata da un’economia debole.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento