L’ennesimo italiano a Londra?

Diciotto mesi. Ogni tanto sembra passato un secolo, altre volte sembra ieri. Biglietto di sola andata per Londra, valigia strapiena di aspettative, curiosità e qualche timore. E una domanda su tutte: avrò fatto la scelta giusta?

La possibilità di trasferirsi in pianta stabile all’estero c’era già stata, qualche anno fa, dopo la fantomatica esperienza Erasmus. Quella volta però aveva prevalso la volontà di restare in Italia, appena sprofondata nella crisi globale. Restare per aiutare il Paese a crescere, nonostante tutto. La frase “se tutti i giovani se ne vanno, chi farà ripartire l’Italia?” che risuonava come un mantra. A sei anni di distanza, però, quel mantra era diventato troppo flebile, e con lui erano scomparse tutte le energie. L’imperativo era ritrovare gli stimoli. Restare o andare? Avrà senso essere l’ennesimo italiano a Londra?

Lasciare il proprio Paese a 30 anni per ricominciare da zero altrove può essere tanto elettrizzante quanto terrificante, sia che si tratti di una scelta che di una necessità. Soprattutto se si abbandona l’Italia, dove a 30 anni si è spesso considerati dei giovani appena usciti dall’università, e si approda in Gran Bretagna, dove invece a quell’età si possono avere alle spalle già sei o sette anni di solida esperienza lavorativa. Il tutto diventa meno terrificante, però, se in pochi mesi si riescono a provare sulla propria pelle aspetti del mondo del lavoro come la meritocrazia e le possibilità concrete, che fino ad allora erano rimasti concetti astratti e nebulosi.

Un anno e mezzo e diverse soddisfazioni dopo, molti dei dubbi della partenza hanno trovato una loro risposta. Londra si fa amare facilmente, nonostante la vita frenetica, i cieli grigi, gli onnipresenti chicken shop e tutti gli altri cliché vari ed eventuali. Perché in fondo Londra è tutto e il contrario di tutto e sta a te cercare la nicchia dove realizzarti e sentirti a casa.

Paradossalmente però, nonostante tu ti senta a tuo agio nella cultura anglosassone e nella la tua nuova città, continui a chiederti come sarebbe stato se fossi rimasto. Una domanda che va ben oltre a quelle abitudini e quei luoghi profondamente italiani di cui senti la mancanza. Continui a chiederti come sarebbero andate le cose se le idee e le energie della tua generazione non fossero state, loro malgrado, disperse in mezzo mondo, ma avessero avuto la possibilità di svilupparsi laddove erano nate. Vedere la stragrande maggioranza dei tuoi amici più brillanti che scrivono dalla Germania, da Hong Kong o da chissà dove, non può che ricordarti ogni giorno di una grande occasione persa da un Paese che, nonostante i suoi difetti, tutti amiamo profondamente.

Improvvisamente quindi ti ritrovi a parlare poco di quanto tutto in patria faccia schifo e molto più spesso di quali siano i suoi tanti aspetti genuini e vincenti. Che tu stia parlando con un connazionale più disilluso di te o con un amico britannico, diventa quasi una missione ricordargli che l’Italia non è solo pizza mafia e mandolino. Dal design Made in Italy alla ricerca scientifica, dalle arti all’innovazione, l’Italia è molto più degli stereotipi che si porta dietro. E ti ritrovi a fantasticare sul giorno in cui, forti di questa consapevolezza e di un’esperienza internazionale, tutti i “cervelli in fuga” torneranno a casa. “Sky is the limit”, come direbbero qui.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento