Articoli

Un lavoro in cambio della Primavera.

In Primavera è più difficile. Sarà il vento caldo che si leva, le giornate che si allungano, le foto dei tuoi amici al mare, vedere la tua squadra di calcio che gioca con la maglia a maniche corte o semplicemente la stanchezza di un inverno che sembra non voler finire, ma in Primavera vivere in un paese del Nord Europa è più difficile. A Dublino poi, non ne parliamo. Svegliarsi a metà maggio e confondere il cielo con quello di febbraio, lasciare l’imbottitura nella giacca, mettere kway e zuccotto di lana nello zaino, sperando che almeno oggi non debba utilizzarli. Dettagli, piccolezze?! Non per un italiano. Continua a leggere

THE ITALIANS: SUCCESSO PER IL LANCIO DEL NUOVO SITO WEB

“Si è tenuta ieri pomeriggio presso gli uffici del Comune di Roma di via delle Vergini la conferenza di lancio del nuovo sito web di The Italians. Il Think Tank fondato nel settembre 2013 da Costanza Balboni Cestelli, ha come obiettivo ultimo il rientro dei giovani italiani altamente qualificati che attualmente vivono, ma soprattutto lavorano all’estero. Il tema infatti è esattamente questo, come evitare che l’Italia continui a perdere risorse lavorative dopo aver investito nell’istruzione e nella formazione dei propri studenti.

Hanno partecipato al panel Costanza Balboni Cestelli, founder del Think Tank; Stefano La Marca, giornalista e caporedattore di News Mediaset, esperto di mercato del lavoro; Alessandra Buccini, redattrice di Piazza Pulita; il Professor Gianfranco Lizza, già ordinario di Geografia politica ed economica presso l’ Università La Sapienza. Anche l’onorevole Lavinia Mennuni, grazie alla quale si è potuto organizzare l’incontro è passata a fare un saluto ai partecipanti alla conferenza.

Il Think tank, tramite il lancio del nuovo sito intende anche rilanciare le finalità del progetto che si serviranno adesso anche di nuovi mezzi, dunque non solo paper e proposte di legge elaborate dai giovani ricercatori, ma anche un blog scritto dai protagonisti, da chi vive le difficoltà ma anche i piaceri di essere costretto a cercar fortuna altrove. Non mancheranno iniziative di carattere culturale, dibattiti, interviste a esperti del settore e una rubrica che si ripromette di aiutare chi ha bisogno di informazioni riguardo il brain drain, l’emigrazione qualificata e anche il brain gain appunto che consiste nel fenomeno del rientro dei cosiddetti “giovani cervelli” scopo finale del Think The Italians.

L’incontro ha avuto molto successo, hanno partecipato persone di tutte le età, sintomo del continuo interesse verso la materia, The Italians dunque si prefigge di continuare a crescere e a promuovere tutte le iniziative che porteranno un guadagno doppio nell’investimento a lungo termine dei giovani italiani non solo nella fase della loro formazione ma anche nella fase della loro valorizzazione nel mondo del lavoro”

Lo dichiara in una nota il team di The Italians Unconventional thinking.

L’Isis a Frittole.

Qualche giorno fa un amico mi ha chiamato per andare a fare una gita al mare, in un posto bellissimo e incontaminato a circa 2 ore di traballante guida tra le dune da Misurata. Con la sopravvenuta calda primavera, che nella Libia costiera dura giusto quei pochi giorni che servono al corpo per prepararsi alla canicola estiva che da maggio moltiplica le mosche e scolorisce i cartelloni pubblicitari di compagnie aeree che non volano più qui da un pezzo, non è raro che il venerdì, dopo i bagordi del giovedì sera, si organizzino dei safari. Carne di agnello, tè scuro, pane, pomodori, taniche d’acqua e un piccolo compressore per sgonfiare e rigonfiare le gomme sono l’arredo di base dei portabagagli di pick up e jeep. Una sorta di paniere istat delle scampagnate libiche. Poi, certo, se qualcuno all’ultimo momento, prima di chiudere lo sportello, ci infila anche un kalashnikov non c’è nulla di strano. Anzi, quasi quasi ti fa stare più tranquillo. Continua a leggere

Estero better. Casa best.

Dalla finestra della mia camera, in una casa nel nord di Dublino, fisso con sguardo assente ma consapevole la gente passare, odo l’indistinguibile vociferare, vuoi per il sovrapporsi delle voci, vuoi per quell’accento tipico degli irlandesi nel parlare una lingua, resa così ancora più straniera. Lo strillo dei gabbiani mi avvicina al mare del mio Paese, mentre una macchina che va contromano mi riporta lontano migliaia di chilometri dal suo odore. Ah, testardi anglosassoni con le loro manie e la loro guida a destra.

Continua a leggere

Welcome on board! Giancarlo Chiarucci – blogger #theitalians

La ciurma si fa grande! Un nuovo blogger entra a far parte del team The Italians, Giancarlo.

Ve lo presentiamo oggi, in poche parole. Ve lo lasciamo scoprire passo passo, con i suoi post, presto online, ma nel frattempo…
Continua a leggere

Italiano in Libia. Suggestioni dell’a(r)mato Rimbaud

Per iniziare, vorrei spendere qualche riga sull’argomento trattato da Davide nel suo precedente post (caro Davide, prendo solo uno spunto). Su questo dilagante delirio dell’essere qualcuno, del Je suis, che tanto mi ricorda il delirio del nominare con cui Gianfranco Contini metteva a fuoco una caratteristica della poesia di Montale. Non si trattava di una previsione provocatoria, un poeta che fa il giurato del Grande Fratello, ma della tendenza a oggettivare emozioni e significati racchiudendoli in un portacipria o nell’odore di ciambelle bruciate. Peccato, se presenziassero in televisione, i poeti guadagnerebbero due soldi, dato che carmina non dant panem. E neanche companatico, come diceva Vito Riviello. Continua a leggere

Welcome on board! Alessandro Boni – blogger #theitalians

Alessandro Boni, classe 1982, è docente di Lingua e Letteratura Italiana presso l’Università Misurata. In Libia. Dal Novembre 2013 vive e lavora in una città controllata da una delle più potenti milizie del Paese in un caos, spesso calmo, che confonde. La vita di un professore universitario dedito e appassionato, e quella dei suoi studenti, che si mischiano con la realtà cruda di una guerra civile. Appassionato di letteratura da sempre, Alessandro non si è mai fermato. Dopo la laurea con lode in Italianistica, ha insegnato un pò ovunque, persino in Cina, all’Università degli Studi Internazionali di Sichuan (SISU). 

Continua a leggere

The Italians meets Geopolitica.info – La nostra selezione per partecipare alla IX Winter School in Geopolitica e Relazioni Internazionali

perpostgeo

Da oggi diamo il via ad una selezione speciale, grazie alla vostra partecipazione attiva e alla vostra voglia di fare,  offriremo ai nostri follower una partecipazione alla IX Winter School in Geopolitica e Relazioni Internazionali – Il Nuovo Arco di Crisi, Il gioco delle potenze tra Europa Orientale e Grande Medio Oriente.

Inoltre, i migliori contributi verranno pubblicati sul nostro blog ufficiale e sul sito di Geopolitica.info.

Continua a leggere

L’IMPORTANZA DELLA NON EVIDENZA

Scetticismo, occhio critico. Il modo più facile per informarci su Salute e Sanità è il web. La libera  informazione sanitaria non è un male. Anzi, l’uso del web è in aumento anche tra gli operatori  sanitari stessi, e il social media e le nuove tecnologie saranno sempre più utilizzati nei Sistemi Sanitari del futuro. Ma quanto è attendibile l’informazione sanitaria a prova di click? Quando un’informazione è scientificamente provata, vuol dire che è la migliore disponibile? Non necessariamente, e vediamo il perché.

Non tutti gli studi scientifici ed epidemiologici sono uguali. Si differenziano per metodologia, ovvero per disegno dello studio, come spiegato da David Schwartz in un breve cartone animato. Il disegno dello studio determina un diverso livello di prova di efficacia, o di evidenza, dei risultati ottenuti. Graficamente, gli studi epidemiologici si dispongono su una piramide dell’evidenza, in cui ogni gradino rappresenta un livello di prova di efficacia. Alla base troviamo prove meno solide, salendo verso il vertice l’evidenza cresce, fino ad arrivare in cima alla sperimentazione clinica. Non tutta l’informazione sanitaria scientificamente provata che leggiamo si colloca nei gradini più alti. Ma  potrebbe, e da qui il monito: attenzione a cosa leggete.

Continua a leggere