Articoli

Welcome on board! Michelle Crisantemi – blogger #theitalians

Londra in questo momento è in fervore. La pausa pranzo è finita, la gente esce dai locali abbottonandosi il giacchino. Qualcuno sfrutta gli ultimi secondi di relax al parco. Ti passano accanto milioni di vite sconosciute, nella fretta non c’è neppure il tempo di guardarsi in faccia; eppure qui, il senso di comunità è fortissimo.

A raccontarci la vita quotidiana di una società multiculturale come Londra è Michelle Crisantemi, la new entry del team internazionale di The Italians. Classe 1989 di origini umbre, la storia di Michelle inizia con un semestre di studi a Barcellona, quando decide di lasciare definitivamente l’Italia. L’approdo a Londra, dove consegue un master in giornalismo presso l’università di Kingston e il diploma in giornalismo riconosciuto dal Consiglio nazionale per la formazione giornalisti (NCTJ), è solo il punto di partenza.

Il vocazione di Michelle è la scrittura: dopo alcuni stage in giornali italiani e inglesi come il The Times e l’Independent, al momento è ricercatrice presso una compagnia che si occupa di marketing e business intelligence nel settore europeo delle telecomunicazioni. Per The Italians inizia il suo blog Catene umane: uno spazio attuale dove parlare di comunità, solidarietà, società che cambiano e sentimenti in contrasto.

Michelle, welcome on board!

Se vi dicessi che in Game of Thrones si parla anche di cambiamento climatico?

Se vi dicessi che in Game of Thrones si parla anche di cambiamento climatico?

Come tante altre persone, chi prima o chi dopo, cinque anni fa mi sono incastrato nel mastodontico universo di Game of Thrones (no, non lo chiamerò “Il Trono di Spade” perché è una pigra traduzione forzata). Ogni estate, è ormai diventata una tradizione: mi ritrovo con i miei amici del mare e insieme ci godiamo quello che la nuova stagione ha da offrire. Le puntate le centelliniamo o le vediamo tutte in una volta, ma il risultato è sempre lo stesso: ci teniamo aggiornati sulle vicende degli Stark, Lannister, Targaryen e tutti gli altri.

Senza elencare i motivi di spessore per cui molti seguono questa serie (ovviamente parlo dei draghi e degli inaspettati colpi di scena, vero?), quest’anno mi sono accorto del fatto che altri fattori mi abbiano tenuto attaccato allo schermo. Infatti, il creatore di quest’universo, Geroge R. R. Martin, e gli sceneggiatori della serie, sono stati abili nel mostrare agli spettatori cosa sia il “potere”. Foucault avrebbe apprezzato il modo in cui gli autori hanno dato forma alle relazioni di potere tra casate ma anche tra singoli personaggi: il potere è dappertutto e, se esercitato, crea delle conseguenze. E le conseguenze sono lì sullo schermo; sono le vicende che l’hanno portato avanti fino alla settima e (tra due anni) all’ottava, ed ultima, stagione. Tuttavia c’è un altro elemento che ha reso la serie, a mio avviso, interessante ed ha a che fare con la minaccia che proviene dall’altra parte della barriera e con l’interpretazione che ne vorrei dare.

*Occhio agli spoiler da qui in poi*

Non scordiamoci perciò di una cosa. Mi riferisco al fatto che Game of Thrones non parli solo delle casate e della loro battaglia per il trono di spade, ma anche della guerra contro i White Walkers (sì, lo guardo in inglese) e i loro pseudo zombie surgelati. Se ne parlava fin dalla prima stagione ma nella settima, uscita quest’estate, gli incubi sono diventati realtà e le truppe di non-morti si sono finalmente avvicinate al mondo dei vivi.

I protagonisti si sono trovanti di fronte un’armata talmente inarrestabile che sarebbe capace di spazzare via ogni singolo abitante sulla faccia della terra, se non fermata. I cui soldati sono molto difficili da sconfiggere (se non con specifiche armi) e hanno una natura completamente diversa da quella umana. Questa incredibile minaccia ha infatti portato i pochi personaggi “buoni” di Game of Thrones ad unirsi, e a cercare di creare un’alleanza di tutta l’umanità per affrontare l’esercito dei non-morti. Non avrebbe senso continuare a farsi la guerra tra uomini, pensando solo ai propri interessi mentre si è consapevoli dell’arrivo di un pericolo capace di porre fine all’umanità, no? Sembra un ragionamento logico…

Detto ciò, non vi suona nessun campanello? Non si accende nessuna lampadina? Allora rileggete un attimo il paragrafo precedente e sostituite i “personaggi di Game of Thrones” con i veri abitanti del nostro pianeta e la “minaccia dei non-morti surgelati” con il cambiamento climatico.

Mind-blowing, vero? Tristemente, c’è questo parallelismo tra le due minacce che due mondi (uno è inventato ma l’altro è proprio il nostro) dovranno affrontare nel futuro prossimo. Perché anche noi sul pianeta terra, similmente, siamo quasi alla fine dello scontro; siamo alla settima e penultima stagione: il nemico sta bussando alle nostre porte, sta iniziando a far vedere quanto male potrebbe farci, ci sta dando un assaggino del suo potere distruttivo, ma non è ancora completamente arrivato. Così come l’esercito degli zombie: lo scontro finale avverrà nell’ottava ed ultima stagione, ma è da un pezzo che danno problemi a Jon Snow e compagnia bella. E quindi anche noi ci siamo mossi, abbiamo stretto alleanze, firmato intese e agreements, per far in modo che il nostro pianeta non venisse mangiato dal cambiamento climatico. Tuttavia qualche morso ha già iniziato a darlo… Basti pensare al caldo torrido senza precedenti di quest’estate e ai tornado dall’incredibile intensità che hanno colpito l’America nello scorso mese. Noi dobbiamo affrontare le tempeste e le ondate di caldo, mentre, Jon Snow un esercito di zombie e il congelamento totale del continente. Siamo sulla stessa barca. Eppure, così come nel mondo di GoT, c’è chi si diverte a trapanare buchi qua e là, condannando tutti i passeggeri. Sì, dico proprio a te, Donald, che stai accovacciato nell’angolo con un trapano in mano.

E quindi, quando arriverà la nostra “ottava (ed ultima) stagione”? Quando si tratterà di sconfiggere o essere sconfitti da questo male? Saremo capaci di unirci o saremo i Cersei Lannister della situazione e penseremo, di nuovo, solo al nostro misero giardinetto, mentre il mondo brucia intorno a noi? Saremo capaci di unirci o faremo come Trump che ha dichiarato di volersi tirar fuori dagli Accordi di Parigi, e mandare in fumo le conquiste fatte negli ultimi anni? Che poi, detto tra noi, Cersei e Trump potrebbero essere fratello e sorella: capelli arancioni, sete di potere, egoismo. Ma conoscendo Cersei e il rapporto che ha con i suoi fratelli, o lo amerebbe, come Jamie, o lo vorrebbe morto, come Tyrion. Voto per la seconda.

E’ interessante vedere come, anche da una serie tv che abbiamo iniziato a vedere per le scene di sesso trame avvincenti ed epiche, si possa trarre un insegnamento. Magari, accorgendosi del parallelismo tra le due imminenti minacce nel mondo di Game of Thrones e nel mondo reale, qualcuno capirà che sarà necessario intervenire al più presto. Perché, dopotutto, possiamo parlare di ius soli, migranti, crisi economica, PIL e governi, ma non ci sarà più nessun governo se il cambiamento climatico non verrà fermato. “Solo cenere”, come suggerisce Daenerys Targaryen.

 

Welcome on board! Nicola Blasetti – blogger #theitalians

Classe 1997 – avete sentito bene, millenovecentonovantasette – e un milione di interessi. Chi ha detto che i millennials sono pigri non é mai stato tanto in errore come in questo caso. Perché oggi vi presentiamo Nicola Blasetti, nuovo giovanissimo membro del team editoriale firmato The Italians!

Ma chi é Nicola?

Nasce a Macerata nel 1997 e passa la propria infanzia riempiendo di domande il padre  – biologo – e giocando con gli animali nella fattoria del nonno, imparando così ad amare la natura in tutta la sua fragilità e bellezza. Frequenta il Liceo Scientifico G. Galilei di Macerata, dove nel 2016 si diploma con il massimo dei voti. Nell’ottobre 2016 parte per Coventry, Inghilterra, dove frequenta la University of Warwick, iniziando una doppia laurea in Politics and International Studies & Global Sustainable Development. La sua passione per la politica e lo sviluppo sostenibile lo hanno portato lontano dalla propria patria, ma il suo cuore rimane là dov’è cresciuto e dove spera di avere un impatto positivo, un giorno non troppo lontano.

Membro attivo nella comunità universitaria, tra societies e organizzazione di eventi legati alla sostenibilità, non si pone mai nessun limite: canta in una band, suona la chitarra e dà lezioni di cucina -esatto, avete sentito bene, ancora, lezioni-di-cucina.

Seppur sia ancora uno studente, è pronto a imparare il più possibile e ad esplorare i vari settori della sostenibilità.

Ed é proprio di questo tema (e non solo…) che Nicola ci parlerà nella sua sezione nel blog di The Italians, “Chiedimi se sono sostenibile“, presto in uscita con i primi post da Coventry.

E cos’altro aggiungere se non… Nicola, Welcome on board!

Intervista a Stefania Betti – Italians “di ritorno”. Bruxelles – Italia sola andata.

Per l’intervista del mese abbiamo deciso di raccontarvi la storia di Stefania Betti, Italians di 28 anni originaria di Rieti da poco rientrata in Italia dopo ben sei anni di lavoro a Bruxelles. La sua è una di quelle esperienze capace di infondere autostima e positività: finita la triennale a Perugia, nel 2011 Stefania è approdata per la prima volta a Bruxelles e da qui non si è più fermata. Dopo aver vissuto ad Urbino, ad Angers in Francia, in provincia di Macerata, a Milano e di nuovo a Bruxelles, adesso ha iniziato una nuova avventura: tornare in patria. Attualmente si trova ad Ancona dove lavora come Business Developer per GGF Group, “una realtà marchigiana stimolante e in crescita – racconta Stefania – con un team di persone dai profili diversi da cui ho molto da imparare”.

 

Ciao Stefania! Per te dire che sei un’Italian non basta, è poco. Sappiamo infatti che da circa due mesi sei tornata in Italia dopo un totale di 6 anni di lavoro a Bruxelles. Puoi raccontarci cosa ti ha spinto a prendere questa decisione?

Devo ammettere che non ho mai immaginato di passare la mia vita all’estero, e che ho sempre vissuto le mie esperienze fuori come dei passi per crescere e riportare qualcosa “a casa”. Bruxelles mi ha dato tanto (e mi piace pensare che anche io abbia dato qualcosa a lei), ma dopo tanti anni iniziavo a sentire la mancanza di quelle piccole abitudini, della concezione della vita e del calore che in Belgio non ho mai totalmente trovato.

Quando si inizia a vivere all’estero si è presi da un’euforia che ci fa vedere tutto sotto la magica luce della novità, ma quando poi si arriva alla inevitabile routine, quando le persone con cui hai legato vanno via, quando inizi a sentire un piccolo fastidio che ti spinge a cambiare qualcosa, allora ti tornano in mente le cose belle dell’Italia che hai lasciato, e si fa avanti l’idea di provare a tornare e fare di tutto per essere parte di quel cambiamento che tutti ci auspichiamo per l’Italia. Avrei cambiato lavoro comunque, e quindi a dicembre ho deciso di provare a mandare qualche CV anche in Italia.

 

Attualmente sei Business Developer per un’azienda che si occupa di Customer Experience e Business Analysis ad Ancona: in cosa consiste il tuo compito? Quali sono le difficoltà inevitabili che il rientro in patria ti porta ad affrontare? È per te una vittoria?

È indubbiamente una vittoria.

Le difficoltà sono tante, a livello personale e a livello pratico.

Partiamo dal lavoro, dove invece che di difficoltà parlerei di sfide: è un contesto nuovo, devo ancora imparare le dinamiche interne e come usare al meglio le mie capacità per dar valore al mio ruolo e contribuire al successo dell’azienda. Il mio compito oscilla tra una figura di marketing e una figura commerciale: questo implica che devo rimettermi a studiare il mercato italiano e i suoi andamenti, le aziende competitors e come la mia azienda si è inserita nel contesto attuale, dove vuole andare, come vuole crescere, chi approcciare e come. Ovviamente tutto questo rappresenta uno stimolo molto importante e una spinta a livello personale.

A livello personale è difficile re-inserirsi in dinamiche sociali che dopo tanti anni all’estero si sono un po’ perse: ci si abitua a tutto, ma il passaggio da un’abitudine all’altra non è mai immediato. A livello pratico mi sto scontrando con la burocrazia: non che in Belgio fosse meglio, assolutamente. Ma a volte qui in Italia si sfiora l’impraticabilità totale. La cosa che mi manca, invece, è il respiro internazionale, parlare una lingua diversa dall’italiano e conoscere persone da tutto il mondo, ma probabilmente questo è legato alla dimensione della città dove mi trovo adesso.

 

Molti dei giovani italiani che partono per l’Europa o ancora più lontano dicono di farlo perché qui in Italia, la loro casa, non c’è lavoro o è difficile trovarlo. Tu ci sei riuscita, invece: che consiglio daresti a quanti come te sono partiti e a quelli che invece vorrebbero farlo? Credi sia necessario, per trovare lavoro in Italia, fare dell’esperienze fuori?

Parlando con i miei coetanei vedo che c’è molta rigidità rispetto ai ruoli che sono disposti ad accettare e alle città dove sono disposti a spostarsi.

Non dico che sia facile, io stessa ho mandato oltre 50 CV per ottenere 3 colloqui. Il mio consiglio è di iniziare dal basso con l’idea di arrivare in alto, essere disponibili a spostarsi e a fare dei sacrifici all’inizio. Una cosa molto sottovalutata da chi dice di non trovare lavoro è imparare a fare marketing di sé, lavorando sulla redazione del proprio curriculum e delle lettere di presentazione. Insomma, occorre avere una mente aperta e accettare il cambiamento.

Inoltre le esperienze lavorative che si fanno durante gli studi sono a mio avviso fondamentali: non tanto per metterle sul CV (non è sempre necessario) ma per capire cosa ci piace e cosa non ci piace, come confrontarsi con i diversi ruoli aziendali, come comportarsi con le persone, e soprattutto in cosa si è bravi e in cosa no.

L’esperienza all’estero aiuta molto a trovare lavoro in Italia perché ci permette di candidarsi per posizioni che vanno oltre lo stage e che richiedono esperienza comprovata: ma è necessario sapere che tornare può significare ripartire da ruoli diversi e da stipendi più bassi.

 

Ma facciamo un passo indietro: la tua esperienza all’estero comincia durante gli studi con un master universitario a Angers in Strategie di Internazionalizzazione. Ma spiegaci meglio: come sei arrivata in Francia? Hai trovato differenze tra il sistema educativo italiano e quello francese?

È corretto, ma prima di Angers c’è stata Bruxelles, in entrambi i casi per questioni di Erasmus. Ho scelto di fare l’Erasmus studio durante la specialistica perché mentre da noi al secondo anno si hanno meno esami e si ha tempo per scrivere la tesi, spesso le specialistiche all’estero durano solo un anno: questo mi avrebbe permesso di fare contemporaneamente la specialistica italiana a quella straniera, spesso chiamata Master, mentre mi orientavo per la stesura della tesi. E così è stato.

Onestamente ho trovato molte difficoltà ad adattarmi al sistema francese, a partire dal fatto che gli esami sono principalmente scritti e che il materiale didattico è molto ridotto e spesso è costituito solamente dagli appunti presi a lezione, cosa che a mio parere riduce sia le competenze che la capacità analitica e critica dello studente. Inoltre, in Francia non è necessario passare tutti gli esami per essere ammessi all’anno successivo, ma basta avere la media della sufficienza a fine anno. Insomma, ritengo che il nostro sistema universitario sia più valido per quella che è stata la mia esperienza ad Angers e qualche anno prima a Brighton, dove però sono stata solo un mese.

 

Dagli studi al lavoro, dalla Francia a Bruxelles: com’è lavorare come responsabile promozione e internazionalizzazione presso la camera di commercio belgo-italiana? Di cosa ti occupavi e come sei riuscita, se possiamo chiederlo, ad ottenere questo incarico ambito da molti?

È un lavoro bellissimo, non ci sono dubbi.

Immersa in un contesto internazionale, si viaggia molto, si creano delle bellissime relazioni professionali, dà molta soddisfazione. Spesso si ignora che le Camere di Commercio Italiane all’Estero siano degli enti privati di diritto del Paese dove sono costituite, perciò delle vere e proprie aziende nelle quali si entra non tramite concorso pubblico ma per capacità ed esperienza.

Non sei la prima persona che mi chiede “Come sei riuscita ad entrare in Camera?”, e questo implica che ancora c’è l’idea, magari inconscia, che alcuni lavori siano inaccessibili a persone “normali”.

Per molto tempo ho risposto a questa domanda dicendo: “sono capitata al momento giusto”, ma non credo più che sia vero.

Credo di aver lavorato sodo, e se pure era il momento giusto, so di essermelo meritato. Ho iniziato con uno stage, sono poi diventata responsabile per le Fiere e gli Eventi, e quando mi sono stati affidati altri compiti oltre alle fiere (B2B, incoming, outgoing, docenze, progetti, social media) ho cambiato titolo.

La stessa cosa posso dire adesso: ho trovato un lavoro che mi piace in Italia in un’azienda valida perché ho risposto ad un annuncio nel momento in cui l’azienda stava cercando, ma evidentemente avevo anche le competenze che l’azienda stava cercando. Ora sta a me giocarmele tutte per rimanerci.

  

Inoltre, parlando di politiche europee ed euro-progettazione, tema che credo ti sia caro e familiare visto il tuo ultimo lavoro: cosa ne pensi e a che punto è, secondo te, l’Europa e più nello specifico l’Italia?

Credo ci sia tanta disinformazione in Italia rispetto all’Unione Europea, e poca formazione rispetto all’Europrogettazione e i Fondi Europei.

La Camera di Commercio Belgo-Italiana si è sempre molto impegnata ad invertire il trend, ma l’azione andrebbe fatta capillarmente da più enti, e soprattutto in Italia bisognerebbe essere disposti ad accogliere suggerimenti.

Personalmente ritengo che l’Europrogettazione sia un tema che in futuro farà parlare ancor più di sé, in termini di opportunità create e posti di lavoro generati. L’Italia, soprattutto il sud, è indietro rispetto al resto d’Europa per progetti presentati e vinti, e credo sia dovuto a due problemi principali.

Per prima cosa, un campanilismo che purtroppo esiste in Italia, e che preferisce il “portare acqua al proprio mulino” al bene comune, e in seconda battuta una sorta di presunzione di saper scrivere progetti europei benissimo da soli anche al primo approccio, e riluttanza ad investire nella consulenza di un europrogettista qualificato.

 

Bruxelles è terra di expat, avrai conosciuto tantissimi giovani italiani e tantissime storie differenti sul perché abbiano lasciato l’Italia. Molto spesso si parla del problema della mancata meritocrazia nel Belpaese: pensi che sia solo questo il motivo che spinge sempre più Italians a portare altrove le proprie competenze? O c’è anche altro da considerare?

Credo sia solo uno dei motivi, in realtà.

Parlando con altri expats a Bruxelles e altrove, mi sono resa conto che si va all’estero anche per accrescere le proprie competenze, per mettersi alla prova, per crescere, per confrontarsi per realtà diverse o semplicemente per fare un’esperienza. A volte si parte per l’estero senza neanche aver provato prima a trovare lavoro in Italia, cosa che suggerisce una scelta deliberata di andare a vivere all’estero a prescindere dalle opportunità o dalle aspettative.

Ovviamente il problema della meritocrazia è molto sentito, ma posso assicurarti che non è un problema solamente italiano. Da noi probabilmente è accentuato anche dalla difficoltà in generale di trovare lavoro, ma è un tema delicato da trattare. Sentiamo spesso storie di persone validissime scartate a favore di un forse meno valido parente o amico, ma questo porta a fare di tutta l’erba un fascio, quando invece anche in Italia esistono aziende dove la meritocrazia è altamente riconosciuta e valorizzata.

 

Il nostro motto è “Riportiamo l’eccellenza italiana nel mondo al servizio del Paese”: cosa si potrebbe fare, a tuo parere, per velocizzare questo processo? Partendo dalla tua esperienza personale: quali sono i presupposti base che l’Italia dovrebbe garantire ai propri giovani e come potrebbe farlo? E, domanda ancora più difficile, perché non lo sta già facendo?

Una volta persa la fiducia, è molto difficile riconquistarla.

In Italia iniziare a lavorare può essere difficile, e questo scoraggia la maggior parte delle persone che ci prova: stage mal pagati, contratti senza garanzie, poco ricambio generazionale e poche prospettive concrete, salvo ovviamente eccezioni da lodare e prendere ad esempio.

Chi rientra parte da una posizione leggermente avvantaggiata, sa già cosa vuole e se la gioca con competenze e spirito di adattamento.

Onestamente ho notato un cambiamento rispetto alla mia generazione: i ragazzi ora possono usufruire di molti programmi di alternanza scuola lavoro, possibilità di stage già da molto giovani, borse di studio per accedere a master con tirocinio garantito e altro ancora. Ovviamente non basta avere l’opportunità, ma bisogna guadagnarsi il posto alla fine dell’opportunità, e questo spesso è sottovalutato.

Non tutti i settori funzionano allo stesso modo, e le politiche dovrebbero essere adeguate: c’è differenza tra scuola, start-up, imprese commerciali e ad esempio il settore della ricerca o quello medico, per non parlare del giornalismo. Le dinamiche andrebbero analizzate e sarebbe opportuno cercare di capire di cosa ha bisogno ogni settore per poter crescere e quindi generare posti di lavoro reali. Non so perché l’Italia non stia già facendo tutto questo o perché sia ancora così complicato trovare lavoro per la mia generazione e soprattutto per la generazione prima della mia, e non ho le competenze necessarie per fare un’analisi economico-politica. Quello che nel mio piccolo vedo è che alcune politiche occupazionali cozzano con altre, orientarsi tra le forme contrattuali è impossibile, e mancano garanzie sia per il datore di lavoro che per l’aspirante lavoratore.

 

Sempre più giovani che tornano in patria e, sfruttando le proprie competenze e i talenti accresciuti dalle molteplici realtà di vita conosciute, un’Italia che migliora e cresce. Credi che sia un futuro auspicabile e realizzabile? Se dovessi fare una classifica dei problemi da risolvere, cosa metteresti sul podio?

Sì, credo che sia un futuro auspicabile e possibile, ma lo vedo ancora abbastanza lontano. Spesso quando racconto di essere tornata in Italia per una scelta consapevole mi sento rispondere che sono fuori di testa, che ho sbagliato, che me ne pentirò e che stavo sicuramente meglio dove stavo, o peggio ancora che sono tornata per amore o perché qui avevo lavoro garantito (entrambe cose non vere, tra l’altro)

Chi mi dice tutto questo, però, spesso non è mai uscito neanche dalla sua città natale e non conosce le difficoltà che si hanno a costruire una vita in una città diversa, figuriamoci all’estero. Il vero problema sta nella mentalità di tutti noi, nei nostri preconcetti e nella sfiducia diffusa che genera malcontento anche solo per sentito dire. Questa credo che sia la difficoltà maggiore: ridare fiducia alle persone.

 

Per concludere, parlando di progetti futuri: adesso che sei in Italia, hai intenzione di restarci a lungo, di piantare di nuovo le tue radici qui? Oppure ti attende presto una nuova avventura?

Mi fai una domanda davvero difficile.

Una vita come la mia ti porta ad abbandonare il superfluo e il materiale a cercare la stabilità nei rapporti umani e in te stessa piuttosto che nelle cose o nei luoghi. Devo dire che l’idea di rientrate è stata accompagnata da una certa voglia di fermarmi da qualche parte, e che il lavoro che ho adesso mi piace molto, come anche il contesto socio-culturale in cui mi trovo. Ma in tutta sincerità non so dirti se qui è il posto dove starò per sempre, o se starò per sempre in un posto. “Se non ci piace dove siamo, possiamo spostarci. Non siamo alberi.” Citazione di Snoopy, niente di meno.

 

Una riflessione che vorresti condividere con chi si trova nella tua stessa posizione o con chi vorrebbe tornare in Italia?

Il messaggio che vorrei trasparisse è che dovremmo essere come fiumi e non come le montagne. Si dovrebbe scorrere e prendere quello che la vita ci dà con serenità. Tra i miei coetanei vedo tanta sfiducia ma anche poca voglia di fare, tanta rigidità e poco entusiasmo. Ci si concentra tanto sulle difficoltà dell’Italia e non sulle opportunità, o ci si arrende con facilità e a volte si tradiscono i principi che uno ha dentro da sempre per un’apparenza di stabilità o per una realtà confortante, a discapito di una felicità che poi si cerca per tutta la vita senza successo. Non voglio essere naif e dire che in realtà è tutto semplice e tutto è possibile, ma vorrei che chi legge la mia storia pensasse: cavolo ma allora qualcuno ce la fa a tornare, anche per un po’ e non ma chi te lo ha fatto fare di tornare in Italia, stavi tanto bene fuori.  

 

Vivere all’estero & portafogli: penny risparmiati sono penny guadagnati

Mi alzo e la prima cosa che vedo dopo aver spento la sveglia è un SMS automatico della banca che mi avverte che mi è stata depositata la paga del mese – ‘SOGLIA SUPERATA’ . E’ fine mese, è pay day, ed è sempre una sensazione di festa mista a sospiro di sollievo che fa dire a colleghi giovani e non: “Oh, birra dopo l’ufficio stasera allora?!”. In viaggio verso lavoro, tra una fermata e l’altra della metropolitana, usando il Wi-Fi delle stazioni, apro un paio di pagine sul telefono: apro ASOS e lo richiudo subito, apro Rightmove (piattaforma di agenzie immobiliari) per controllare se ci sono nuovi bilocali nella zona in cui sto cercando e, guardando gli affitti e i depositi, mi sento subito in colpa per aver fatto scorta di costosi avocado la sera prima.

Soldi e spese non sono esattamente uno degli argomenti più facili, o più socialmente accettabili di cui parlare in compagnia di amici e famiglia, specie all’inizio di una carriera / vita ‘adulta’. Come mezzo mondo sa, città come Londra sono armi a doppio taglio: piene di stimoli e tentazioni ma costose da far impallidire un fantasma. Pur con uno stipendio decente, che convertito in Euro, e applicato alla vita in Italia farebbe dire a chiunque “bell’inizio alla tua età!”, mi ritrovo a Googlare cose come “creare budget personali”, “tassi d’interesse sui conti risparmio”, oppure – per quando mi sento più avventurosa – “fondi investimenti per under 30”. In quest’ultimo anno e mezzo, sono diventata molto più responsabile finanziariamente, molto più accorta, accarezzando quella mentalità più zio Paperone che Paperino che stuzzica le mie manie di controllo.

Ci lamenta spesso in certi circoli di come la scuola (italiana ma ovunque è così, ve lo assicuro) non prepari a pagare tasse, a paragonare e scegliere prodotti bancari, a investire e risparmiare – partendo dall’importanza dei fondi pensione. Cose che però sono inevitabili nella vita, e finiscono per diventare un campo minato nel momento in cui s’inizia a diventare completamente indipendenti. Tuttavia posso dire che l’ambiente qui nel Regno Unito favorisce una certa auto imprenditorialità nel gestire le proprie finanze, sostenuta da agevolazioni governative e non verso i giovani che vogliono impegnarsi a mettere via qualcosina per il futuro. O ripagare i debiti d’onore delle università inglesi – argomento controverso che non mi permetto di toccare.

Ci sarà una spiegazione storica senz’altro, sicuramente dettata dal retaggio della Sterlina (nei secoli pre-Brexit per lo meno, e post-Brexit chissà), dell’importanza della City come una delle capitali della finanza globale, sarà l’etica protestante che ha nei secoli soppresso l’equazione ‘denaro = cosa sporca’. In lingua inglese, è un fioccare di editoriali sul Financial Times o The Economist di manuali di sopravvivenza per Millennials che vogliono essere finanziariamente stabili, blog di ragazzi e ragazze che vogliono sentirsi appagati nel lavoro che fanno e al tempo stesso vogliono assicurarsi di avere un futuro solido, coprirsi le spalle di fronte alle instabilità della macroeconomia targata anni ’10, lo spauracchio di affitti, mutui e carte di credito. Sì, la mia nuova passione sono approfondimenti di questa natura, quando prima la mia ricerca media su Internet era ‘rossetti rossi freddi o rossi caldi?’ (Scherzo. Forse).

L’atteggiamento intraprendente dei miei coetanei inglesi mi ha fatto abbandonare scetticismi magari tutti italiani (la bankehh!!1!), magari tutti miei, nei confronti di questo argomento delicato, che nessuno di noi – emigrati e non – può permettersi di soprassedere. Iniziative per i giovani rivolte all’educazione finanziaria sono un buon punto di partenza guardando a programmi per chi è ancora nella scuola dell’obbligo, ma bisognerebbe in generale favorire una cultura meno timida e più onesta sulla questione ‘denaro e come gestirlo’ anche per noi nella fascia di età 20-30. Una raccomandazione che va di certo di pari passo a necessari cambiamenti sistemici in Italia, in come il mondo del lavoro, le aziende e il settore finanziario stesso si rapportano con i giovani, nelle opportunità a disposizione. Il mio consiglio iniziale è riconoscere che l’argomento non deve essere taboo, e che è meglio prenderne dimestichezza fin da subito: dalle emoji di banconote 💵 📈 ai fogli Excel, vi prometto il futuro voi stesso vi ringrazierà per la lungimiranza.

Intervista a Mary Franzese, confondatrice e CMO di Neuron Guard

Forse Mary la conoscete già, o forse avrete sentito parlare di Neuron Guard, ma per tutti quelli che vivono in un universo differente dal nostro, o che non sono avvezzi ai social network, ci penseremo noi. Partiamo subito col raccontarvi che grazie a Mary, dopo ben sei anni, l’Italia – o meglio, una giovane italiana – è tornata di nuovo a comparire tra le dodici finaliste del Premio Europeo dedicato a donne e innovazione, l’EU Prize for Women Innovators (ed. 2017). Direi niente male, ma partiamo da principio.

Mary è una brillante trentunenne italiana, nasce a San Giuseppe Vesuviano (NA) e vive, fino al diciottesimo anno di età, ad Ottaviano (NA). Oggi vive a Modena per Neuron Guard, ma non si è fatta scappare qualche altra tappa in giro per il mondo tra Buenos Aires (Argentina), Shanghai (Cina) e Turku (Finlandia), per motivi di studio e perché no, un po’ di sana curiosità e spirito avventuriero, perché di certo non possiamo dire che le manchi il coraggio. Lo stesso che, insieme alla passione, l’hanno portata a dove è oggi: co-fondatrice e CMO di Neuron Guard, start-up innovativa impegnata nello sviluppo di un dispositivo medico salva-vita che mira a rivoluzionare il trattamento dei danni cerebrali. il loro motto? “Time is brain.. Freeze it!”

Curiosi di scoprirne di più? E allora, cominciamo!

 

 

Ciao Mary! Per prima cosa vorrei ringraziarti per il tempo che ci hai dedicato, sappiamo che non é facile ritagliarsi del tempo, soprattutto in questo periodo cosi frenetico – ed eccitante – della tua vita, quindi grazie!

Cominciamo subito col dire che scoprire il tuo progetto tra i 12 candidati al EU Prize for women innovators, ci ha subito fatti innamorare! Erano ben sei anni che nessun talento italiano veniva candidato a questo premio, ma raccontaci di più…

Tutto è iniziato grazie a dei tweet e ad alcune email di amici che mi invitavano a candidarmi per il Premio EU Prize for Women Innovators perché quest’anno, per la prima volta, la Commissione Europea deciso di premiare anche le giovani donne, con età massima di 30 anni, che hanno co-fondato startup. Non ho resistito un attimo e mi sono detta “facciamo conoscere il talento femminile italiano e Neuron Guard anche in Europa”. E così è stato. Avevo tanta voglia di mostrare il lavoro portato avanti in questi miei primi quattro anni con Neuron Guard, un progetto imprenditoriale di cui mi sono appassionata sin dalla prima volta in cui Enrico mi ha presentato la sua idea, decidendo coraggiosamente di condividerla con me per aiutarlo trasformarla in realtà. Una startup che ha la missione di salvare vite umane, e l’ambizione di trasformare radicalmente il modo in cui si interviene per il trattamento di patologie quali ictus, arresto cardiaco e trauma cranico. Sono orgogliosa di essere italiana, e sono molto fiera di rappresentare le giovani innovatrici della nostra terra in Europa.

Opportunità come questa non solo permettono di mettere in luce il talento femminile, spesso purtroppo sottovalutato o poco enfatizzato nel mondo del lavoro, ma danno anche l’opportunità di riscoprire i veri talenti, giovani e meno giovani, che possono fungere da forza motrice nella società. Credi che in Italia si debba fare di più per mettere in risalto ed offrire migliori opportunità a questo tipo di talenti?

Credo che in Italia ci si debba lamentare di meno e gioire di più dei successi altrui. Mi è capitato di recente di leggere forti critiche sulla mia persona e su altre ragazze che come me erano state scelte come miglior imprenditrici under 30 solo perché, a detta di questo vocio, ex studentesse di Università private. Mi chiedo: ma la gente, prima di giudicare, sa per caso i sacrifici che ci sono dietro queste scelte? Non si deve essere necessariamente “figli di” per ottenere dei riconoscimenti. Prima di digitare qualche parolina di troppo, inviterei le persone a cercare opportunità di confronto e di crescita. L’Italia è lenta, e noi italiani siamo troppo burocrati, non ammettiamo scelte “errate” e siamo sempre sul chi va là per addossare le colpe a qualcuno. Perché non ci diamo una mossa, ci rimbocchiamo le maniche, e iniziamo a LAVORARE facendoci in quattro per il nostro futuro? Pensando a noi, penseremo alla nostra comunità e al benessere del nostro Paese.

Sappiamo che non molto tempo fa sei stata a Bruxelles, terra di expat, per un congresso #unconventional proprio per parlare del tuo progetto. Cos’hai notato di diverso dagli ambienti italiani, se di differenze ce ne sono?

La forte dinamicità ed il continuo confronto. Quando partecipo agli eventi all’estero ci sono sempre tante domande a ravvivare le sessioni di Q&A. In Italia, invece, tante volte si partecipa agli eventi tanto per postare una foto sui social e dire “c’ero anche io”. Dobbiamo imparare a fare networking, a sfruttare queste occasioni per dire la nostra e per entrare in contatto con le persone che seguiamo come modelli di ispirazione. Poi, ti dirò: anche una chiacchierata con il vicino e la vicina possono trasformarsi in opportunità di business. Homo faber fortunae suae dicevano gli antichi romani, ed io oggi dico “datevi da fare” che dalle occasioni sprecate non è mai emerso nulla.

Noi parliamo spesso di questione intergenerazionale, di un problema che frena i talenti e drena risorse. Tu cosa ne pensi? Cosa faresti per migliorare le cose, se pensi vadano migliorate?

Credo nella necessità di dare spazio ai giovani meritevoli e talentuosi, così come penso sia necessario un supporto di modelli di riferimento senior con esperienza. I due mondi devono lavorare insieme, comunicare e scambiarsi costantemente informazioni, perché ciascuno di loro ha tanto da insegnare all’altro.

Come forse saprai, il nostro motto è “Riportiamo l’eccellenza italiana nel mondo al servizio del Paese”, ma sappiamo che – invece – la perdita di talenti (e non solo dal punto di vista economico, seppur importante) è inestimabile. Tu cosa faresti, beninteso se potessi, per invertire la tendenza?

Snellirei il sistema scolastico con meno anni di scuola superiore, potenzierei lo studio delle materie STEM, punterei più sulla pratica che sulla mera teoria, sfrutterei al massimo le potenzialità del digitale per dare ai bambini la libertà di creare/codificare e agli adulti quella di lavorare da qualunque postazione. Da ultimo, intensificherei il legame scuole-aziende da consentire un più facile accesso al mondo del lavoro.

La meritocrazia c’entra qualcosa in tutto questo? Pensi che in Italia ci si sia davvero scordati di cosa sia il merito, o la trovi una retorica stantia e poco funzionale a migliorare le cose?

La meritocrazia c’entra ma non del tutto. Lo scorso Febbraio è stato presentato dall’OCSE il rapporto “Economic Survey of Italy 2017”, ed il suo segretario generale, Angel Gurria, ha palesato forti preoccupazioni circa l’aumento della povertà tra i giovani e l’incremento del tasso di disoccupazione. Dobbiamo fare in modo che il nostro Paese si risollevi da questa crisi e cresca affinché ci sia voglia di viverlo. Il Governo deve favorire la crescita della produttività e degli investimenti, perché se il nostro sistema economico funziona, in pochi si chiederanno della questione meritocratica. Saremo tutti impegnati a lavorare per noi, e per il nostro Paese.

Restando in tema giovani talenti, spulciando il tuo profilo online ci siamo accorte che fai parte anche tu, come la nostra fondatrice, del team di adviser dell’Innovation Hub dello IULM, a Milano. Come sei approdata a questa nuova esperienza? Come intendi aiutare i “giovani innovatori” in quanto adviser?

Io vivo per i giovani ed amo stare tra i giovani. Sono felice di trascorrere del tempo con loro, di lasciarli liberi di comunicarmi le loro idee, di osservarli mentre sognano ad occhi aperti. Condividere esperienze quali anche lo Startup Weekend a Caserta mi ha dato la possibilità di mettermi in gioco e di capire che non voglio che loro commettano i miei stessi errori. Non voglio che siano imprudenti, superficiali o frettolosi nel voler raggiungere “tutto e subito” senza i mezzi adeguati. Le situazioni devono essere analizzate, studiate e poi affrontate. La passione, la tenacia ed il coraggio a loro non mancano.

E adesso vado forse un po’ fuori tema, ma non posso astenermi. Donne e imprenditorialità innovativa in Italia, oggi. Per alcuni é una mission impossible, tu che – diciamolo – ce l’hai fatta e coon ottimi risultati, cosa ne pensi?

Io ce la sto mettendo tutta per farcela. Nulla è impossibile se si crede davvero in quello che si fa. Bisogna crederci e mettere insieme quello che aiuta nel raggiungimento degli obiettivi. Bisogna essere tenaci, coraggiose e pazienti, perché come spesso accade, le cose più belle arrivano solo con il tempo e dopo aver fatto tanti sacrifici.

Che consigli ti sentiresti di dare a dei giovani professionisti che desiderano avviare la propria azienda o carriera professionale in Italia?

Quello di cui sopra, oltre a studiate, studiate, studiate! Vale tanto per le donne quanto per gli uomini. Per me non vi è differenza alcuna. Siate curiosi, leggete, documentatevi. Noi donne fatichiamo di più, ma se ci uniamo agli uomini e chiediamo anche aiuto a loro nel favorire questo nostro percorso di crescita, sono certa che sarà possibile avviare qualunque tipo di carriera.

Concludiamo invece con una domanda di rito. Che consigli daresti invece, ai policy makers italiani al fine di combattere quella questione intergenerazionale che così fortemente drena talenti e frena risorse, con un impatto a dir poco negativo sul sistema italiano e, forse ancor più drammaticamente, pesa sui giovani professionisti del nostro Paese?

Fate spazio ai giovani talentuosi e volenterosi di mettere il proprio sapere al servizio del nostro Paese!

In bocca al lupo, Mary! E grazie infinite.

L’energia (solare) di Nairobi

Sono arrivata a Nairobi, chiamata la citta’ verde nel sole, capitale del Kenya, Africa dell’Est, da quasi un mese ormai. La temperatura è di circa 25-28 gradi durante la giornata, fresco alla sera e ci stiamo preparando al’inverno (18 -20 gradi). Respiro aria fresca, a 143 km dall’Equatore, molto verde intorno a me e persone gentili e affabili, che parlano inglese e Swahili.

Mi trovo qui per questioni lavorative: sono con Unesco nella pubblica informazione, e più nello specifico mi occupo di promuovere le attività dei cinque settori dell’Organizzazione delle Nazioni Unitie che sono l’educazione, le scienze naturali, quelle umane e sociali, la comunicazione e l’informazione ed infine la cultura.

“Habari Za Asubuhi” significa “Buongiorno”; “Asante Sana” invece “Grazie”. Queste sono le prime parole che ho imparato in Swahili, utili per connettermi ai Kenioti che guidano gli Uber per la città, molto trafficata a tutte le ore del giorno.

C’è molta vegetazione, alberi, piante, scimmiette, foreste e parchi nazionali, il sole ci riscalda e le persone parlano di elezioni presidenziali (agosto di quest’anno). I Kenioti qui si animano molto per la politica e amano uscire alla sera per parlare e guardare le partite del football inglese (tracce della presenza britannica in Kenya fino al 1963, anno della sua indipendenza).

I miei primi amici sono di origine pakistana e indiana. Ad oggi, dei 3,138 milioni di abitanti di Nairobi, 46,000 sono kenioti di origine asiatica, e tra gli asiatici la maggioranza proviene dalle regioni indiane del Gujarat, Odisha e Punjab.

La città offre molta musica (la scorsa settimana, per esempio, è stata la settimana del Jazz, organizzata e proposta da Safaricom, la compagnia telefonica maggiore in Kenya). Safaricom è un’azienda privata molto presente sul territorio, pioniera di M-Pesa (M per mobile, pesa significa denaro in Swahili), un servizio di telefonia che permette il trasferimento, deposito, ritiro e trasferimento di denaro, nonché pagamento di beni e servizi, tutto attraverso il proprio cellulare. Si tratta di una rivoluzione del finanziamento e della micro finanza, lanciato nel 2007 da Vodafone per Safaricom e Vodacom, i più grandi operatori di telefonia mobile dell’epoca in Kenya e Tanzania. Da allora il servizio M-Pesa si è espanso in Afghanistan, Sud Africa, India e nel 2014 in Romania, nel 2015 in Albania. Questo ha richiesto un’educazione finanziaria, permettendo un empowerment economico della popolazione, in grado di utilizzare i servizi finanziari e gestire le proprie finanze. Una rivoluzione tecnologica finanziaria senza precedenti.

Nel frattempo passeggio per le foreste, ascolto i suoni della natura, degli alberi e moltissimi uccellini cantare, e ci aggiorniamo presto con le nuove avventure dell’Africa dell’Est, dal Kenya, passando per il Madagascar, Zanzibar, Tanzania e Seychelles!

 

Karibu! Benvenuti!

 

 

Intervista a Adele Posani, maestro flautista all’Edward Said National Conservatory of Palestine

Per l’intervista di questo mese vi proponiamo una storia diversa, sia nella forma che nella sostanza. Questa volta abbiamo deciso di lasciare da parte le domande formali, a favore di una ben più costruttiva chiacchierata che, diciamocelo, a volte può risultare molto più utile e comprensiva. Conosciamo dunque la nostra Italians Adele Posani, 28enne romana oggi musicista, 3 master alle spalle, insegnante di flauto, musica d’insieme per fiati, storia della musica presso l’Edward Said National Conservatory of Palestine nelle sedi di Betlemme e Ramallah.

Adele non si considera un cervello in fuga, anzi: “Ho sempre avuto la tendenza (o la nevrosi?) a spostarmi – ci racconta la musicista – vivevo a Roma ma il conservatorio era a L’Aquila, poi ho vissuto a Pescara, poi a Ferrara, poi a Milano, poi a Lugano. Avrò cambiato una ventina di case”.

La domanda sorge spontanea, e quando chiediamo ad Adele come è arrivata in Palestina, la risposta nasce semplice allo stesso modo: “Ho visto l’offerta su internet e ho deciso di fare domanda. In realtà, la Palestina non è poi così diversa dall’Italia, sono entrambi paesi mediterranei e questo, per come la vivo io, ha più rilevanza che essere parte dell’Unione Europea o no. La musica è molto viva qui, i concerti raramente sono senza un pubblico interessato, anche se spesso non educato come siamo abituati in Italia”. Anche se la musica è un linguaggio universale, qualche problema in più rispetto all’Italia c’è: “L’aspetto più frustrante del dover insegnare musica classica occidentale in un paese arabo è il fatto che il bagaglio culturale è molto diverso. In Italia, chiunque abbia studiato musica anche solo a scuola, conosce i nomi di Mozart, Rossini, Verdi e altri, sa, a grandi linee, che cosa sia un’opera, una sinfonia, una sonata. Qui no. Ma conoscono a menadito l’intero repertorio di canti tradizionali”.

È vero anche che, mai come negli ultimi anni, la professione del musicista è cambiata radicalmente. E sul problema della (mancata?) meritocrazia in Italia, Adele nella sua esperienza musicale ne parla così: “Le audizioni per orchestra sembrerebbero l’espressione più autentica di meritocrazia in ambito musicale, in teoria. Eppure in pratica: chi accede alle audizioni si trova davanti ad una commissione che magari ha già ascoltato altri 20 candidati suonare la stessa cosa, o magari nessuno, e quindi non sa realmente come fare paragoni e cosa aspettarsi dopo”.

Questo è solo un esempio. Poi, ci racconta Adele, c’è l’aspetto sociale: “Chi non ha avuto accesso a una scuola prestigiosa, chi non ha avuto il sostegno economico, chi ha dovuto affrontare traumi, chi ha subito abusi … Come si può parlare di “merito” senza considerare tutto questo? Non è più onesto dire che l’azienda assume la persona che ritiene renderà maggiori profitti? Questa è la verità, il profitto, non il merito”.

Idee certamente forti, ma d’altronde quello che la musicista vive tutti i giorni nella sua nuova casa non è da meno. “I giornali italiani non parlano di tutto – spiega – avere un mitra puntato in faccia quando vai a comprare il latte; ragazzini di 11 anni arrestati, picchiati, costretti a firmare una confessione scritta in una lingua che non sanno leggere; non avere un passaporto; gli allenamenti dei soldati “dal vivo” nei campi di rifugiati; essere rifugiati nel proprio paese; il gas lacrimogeno, le bombe di suono, le bombe di puzza. L’ansia e il senso d’impotenza possono corroderti dentro”.

Restando nell’ambito dell’insegnamento musicale, invece, abbiamo chiesto ad Adale quali sono le tendenze e le differenze che lei stessa ha potuto osservare tra il sistema italiano e quello estero. Sarebbe stato possibile, restando in Italia, cogliere le stesse opportunità?

“No, ovviamente in Italia non avrei potuto insegnare in un Conservatorio. Prima cosa perché in Italia stanno chiudendo o si stanno trasformando in qualcosa di diverso, più simile al concetto di liceo musicale. L’accesso a questi posti di lavoro è garantito da un sistema a concorso, o comunque per graduatoria: e questo mi sembra l’unico modo se si vuole garantire la famosa meritocrazia”.

Cambiando area geografica, sappiamo che quest’estate Adele andrà per la seconda volta in Bolivia, dove insegna e fa concerti. Qui la situazione è diversa: “Voglio tornarci perché le opportunità sono attraenti e si può costruire molto. C’è una sete di cultura che ho visto raramente. La Bolivia è un paese affascinante, le facce delle persone sono espressive, gli sguardi raccontano storie senza tempo, ma sicuramente arcaiche. L’orgoglio di un popolo, povero economicamente ma ricco di storia, si percepisce prima di arrivare, ma è un orgoglio modesto, anche se non ha senso. Questo è forse l’aspetto più controverso e interessante”.

E per un musicista, invece, la situazione in Italia com’è? “Non credo che ci siano esperienze obbligatorie per un musicista, penso però che il mondo accademico musicale si stia chiudendo molto, ho molti colleghi che credono fermamente che il lavoro in orchestra sia l’unico, per essere un musicista rispettato. Ho colleghi che si ossessionano su audizioni e audizioni, che alla fine hanno ben poco a che fare con la musica. L’orchestra ha sicuramente un’attrattiva importante nelle aspirazioni di un musicista, ma credo che non molti si siano realmente posti la domanda più importante: questo è veramente quello che fa per me? La musica è un mondo vastissimo per fortuna, e si può essere musicisti e vivere di musica in mille modi diversi. Il difficile è trovare quello giusto per te”.

Almeno per il momento, la strada di Adele Posani sembra essere ben delineata nella sua mente: “Non credo che tornerò in Italia. In Palestina mi trovo bene ma so che la mia carriera non si può fermare qui. Probabilmente cercherò di coltivare le possibilità che si sono aperte in Bolivia e in Sud America in generale. So anche che prima o poi vorrò fare un dottorato, un po’ per ampliare le mie possibilità lavorative un po’ perché prima o poi sentirò la mancanza dell’ambiente accademico, anche se per ora questo sentimento è molto distante”.

Chissà se, presto o tardi, sentiremo di nuove le sue storie di note felici o di acciaccature provenire da tutte le parti del mondo. Per adesso, non resta che augurale un grande in bocca al lupo. Confidando che, quel bagaglio culturale che raccolgono e si portano dietro tutti gli Italians sparsi nel mondo, servirà un giorno per risolvere problemi e per creare le condizioni necessarie per vivere bene anche in Italia.

Il problema delle fonti ritardatarie

“La pazienza è amara, ma il suo frutto è dolce” Jean-Jacques Rousseau

Trovare fonti autorevoli è una cosa difficile. Trovare fonti autorevoli ti rispondano prima della scadenza è praticamente impossibile.

La prima settimana da reporter del giornale dell’università è stato un susseguirsi di telefonate snervanti e continui messaggi su ogni piattaforma social disponibile: avessi avuto Snapchat all’epoca non mi sarei fatta particolari problemi pur di ottenere una semplicissima citazione da usare in un articolo.

Settembre 2014. Londra soleggiata, il che è già di per sé è un miracolo, ed un caldo post-estivo amplificato dalla presenza di 20 baldi giovani in una stanza mal condizionata piena di computer e stampanti in funzione. L’anno del referendum della Scozia – e che se lo sarebbe immaginata di finirci meno di due anni dopo – dei mesi di grande tensione tra Israele e Palestina – che poi quelli ci sono anche se le news non ne parlano, ma nel 2014 hanno fatto davvero paura – e dell’epidemia di Ebola che continuava a mietere vittime sul continente Africano.

Soprattutto era l’ultimo anno di triennale, quello che valeva la candela: i primi due anni erano stati un allenamento, un continuo stato di tensione e nervi che avevano portato a questa minuscola redazione dove, per sei mesi, dovevi sbatterti per costruirti un curriculum decente per un buon inizio carriera.

C’erano come minimo altri quaranta aspiranti giornalisti suddivisi tra due stanze con cui dovevi competere per ottenere almeno un anelato spazietto nel giornale che dovete aiutare a lanciare – perché quello vecchio, che era andato bene per gli ultimi otto anni, improvvisamente non piaceva più ai tutor quindi bisogna inventarsene uno nuovo – o sul sito online. Non c’era tempo per gli errori: tutto doveva essere perfetto ed il ciclo di notizie costante.

Ovviamente io, con quel fare un po’ smargiasso da Sabauda, ero partita con l’idea di fare un bell’articolo su come l’epidemia di Ebola stesse toccando le centinaia di studenti che stavano ritornando a Londra dalle vacanze estive.

In linea generale pareva una bella idea: la notizia dopotutto era corrente, c’era voglia di sapere cosa stesse succedendo ma senza dover leggere per l’ennesima volta un articolo ricco di roba trita e ritrita su come la malattia potesse diffondersi e gli effetti che poteva avere sulla gente.

L’aeroporto di Gatwick, in seguito ad un incremento di casi, aveva aumentato i controlli dai paesi di colpiti; il governo aveva emesso linee guida su come comportarsi su suolo britannico; la gente su Twitter si lamentava dei ritardi e delle code.

C’erano  tutti gli ingredienti per una storia perfetta.

Ma poi eccole, che si avvicinano come i Cavalieri dell’Apocalisse affamati di sangue e frustrazione: le fonti che decidono di non risponderti. Perché fondamentalmente io mica li contattavo per lavorare. Non sapendo cosa fare chiamavo il ministero dei Trasporti e quattro aeroporti diversi per divertirmi, eccerto.

12 ore, otto messaggi Facebook, nove messaggi diretti su Twitter e millemila telefonate dopo, la notizia non era più importante. I professori avevano deciso che il cambiamento in fondo sarebbe stato più stilistico che editoriale, quindi ci saremmo dovuti concentrare sulle notizie locali.

Ora, non dico che tra gli articoli scritti nelle prime 48 ore di vita della nostra rivista ci fosse un futuro premio Pulitzer, però è stato estremamente fastidioso dover abbandonare un progetto perché qualcun altro aveva deciso di cambiare le regole. Adesso mi rendo conto che è stata una fortuita lezione di vita.

Quei sei mesi di apprendistato, segnati da giornate di nulla totale seguite da ore di pressione soffocante, hanno fortificato la mia pazienza fino ad arrivare ad un livello disumano e mi hanno insegnato che alle volte bisogna aspettare. Aspettare per la storia giusta, le parole più adatte* per meglio trasmettere quello che veramente si è capito e si vuole passare ad altri. Mi hanno insegnato che non sempre la prima idea è quella giusta e che l’ispirazione prima o poi arriva per tutti.

La mia prima vera storia non vedrà mai le carta stampata, ma me la ricorderò sempre come una pietra miliare della mia carriera. Ne sono seguite molte – sui più svariati temi, partendo dalle recensioni fino ad arrivare ad un accoltellamento – e spero ne seguiranno altre.

* Questo non è assolutamente un tentativo di rientrare nelle grazie delle due editors di The Italians che purtroppo sono costrette ad aspettare a loro volta che l’ispirazione colga i loro bloggers. Assolutamente no, vi pare?

Intervista a Giulia Liberati – ricercatrice a Louvain la Neuve

 

Oggi chiacchieriamo con Giulia Liberati, 34enne italiana in Belgio. Nata a Roma, già da bambina Giulia ha presto fatto le valigie, destinazione New York prima, Stoccolma poi, con la sua famiglia. Crescendo, ha sempre colto l’occasione per non privarsi di nessuna nuova, eccitante esperienza. Prepara la tesi della sua laurea triennale a Varsavia grazie ad una borsa Erasmus; trascorre 3 anni a Tübingen (Germania) durante il periodo di dottorato e da 4anni vive nella capitale belga, facendo la spola con Louvain la Neuve.

Giulia inizia la sua carriera professionale nell’ambito della ricerca a Roma, nel 2008, alla Facoltà di Psicologia della Sapienza, grazie a una borsa di collaborazione universitaria. L’anno successivo iniziato il suo dottorato, dove ha potuto occuparsi di  interfacce cervello-computer (dispositivi per la comunicazione e la riabilitazione motoria di pazienti con deficit motori, che si basano sulla classificazione di segnali cerebrali, ci spiega).

Poco dopo aver discusso la tesi di dottorato, Giulia presenta il suo lavoro in un seminario all’Università di Louvain la Neuve, dove è potuta entrare in contatto con una docente e alcuni ricercatori della Facoltà di Psicologia dell’Université Catholique de Louvain, dove ha svolto il suo primo post-doc. Successivamente, Giulia ottiene una posizione da Research Assistant alla facoltà di Medicina della stessa università (con sede a Bruxelles) ed è lì che ha iniziato a occuparsi di percezione del dolore.

 

Quando le chiediamo di dirci di più, uscire dal mood puramente biografico delle – necessarie – presentazioni, Giulia ci racconta: “Non ho mai considerato la mia scelta di lasciare l’Italia una “fuga”, come spesso viene definita la decisione dei ricercatori di lasciare il proprio paese. In Italia mi sono trovata bene e ho anche avuto la fortuna di fare ciò che mi piaceva e di essere sempre retribuita per il mio lavoro – cosa purtroppo non scontata in ambito accademico. Piuttosto, nel mio caso, trasferirmi è stata una questione di opportunità, legata sia a collaborazioni e a offerte di lavoro interessanti, che a motivi più personali, dato che anche il mio compagno vive a Bruxelles.

Che dire, cominciamo?

 

Parliamo un po’ meglio dalla tua esperienza da “Italians”: sappiamo che sei nata a Roma e che ora vivi a Bruxelles. Raccontaci di più su questo cambiamento, su come sono andate le cose. Coincidenza o progetto?

Pochi giorni dopo la discussione della tesi di dottorato, sono stata invitata a presentare parte del mio lavoro in un seminario all’Università di Louvain la Neuve. Questo mi ha permesso di entrare in contatto con alcuni docenti e ricercatori della Facoltà di Psicologia, che poco tempo dopo mi hanno offerto una posizione. Ho deciso di prendere un appartamento a Bruxelles, anziché a Louvain la Neuve (che dista 40 minuti di treno), perché preferivo vivere in una città più grande. Prima di trasferirmi, Bruxelles non aveva mai rappresentato la meta dei miei sogni, anche perché la conoscevo poco. Devo dire che oggi sono però estremamente soddisfatta della mia scelta. Bruxelles è una città molto viva e al tempo stesso a misura d’uomo. Anche il mio ambiente di lavoro è stimolante e piacevole. Insomma, non mi lamento!

 

Sappiamo che ti occupi di ricerca, ma dicci di più sul tuo lavoro! Spulciando i tuoi social sono approdata sull’hashtag #NocionsLab e ho scoperto che ti occupi di percezione del dolore, raccontaci di più!

Dal 2014 lavoro come ricercatrice nel Nocions Lab (http://www.nocions.org/), diretto dal Prof. André Mouraux, all’Institute of Neuroscience dell’Université catholique di Louvain. La principale linea di ricerca del laboratorio, che ha sede a Bruxelles, è lo studio dei processi cerebrali che sono alla base della percezione del dolore negli essere umani. In particolare, le mie sperimentazioni si svolgono nell’ospedale universitario di Saint-Luc, dove lavoro con pazienti con elettrodi impiantati nel cervello. Questo mi permette di registrare direttamente l’attività elettrofisiologica legata alla percezione di stimoli dolorosi. Di recente, ho ottenuto un finanziamento FNRS (Fonds National de la Recherche Scientifique), che mi permetterà di continuare a lavorare in questo ambito per i prossimi 3 anni.

 

Restando nell’ambito ricerca e università, di cui anche noi ci siamo occupati, quali sono le tendenze e le differenze che hai potuto osservare tra il sistema italiano e quello estero (Belga, per l’esattezza). Credi inoltre che in Italia avresti potuto avere le stesse opportunità?

La prima lampante differenza tra università italiana e belga è di tipo economico. Per quanto in graduale diminuzione, i fondi per la ricerca messi a disposizione in Belgio sono nettamente superiori rispetto all’Italia. Innanzi tutto, a parità di costo della vita, gli stipendi dei ricercatori sono decisamente più alti qui. Inoltre, ci sono maggiori possibilità di partecipare a convegni internazionali, di pubblicare su riviste scientifiche open access (il cui costo può essere anche di migliaia di euro), di acquistare strumentazioni più all’avanguardia, e di usufruire di numerosi spazi dedicati alla ricerca (in Italia avevamo un’unica stanzetta che poteva – su prenotazione – essere adibita a laboratorio). Queste possibilità, che non dipendono dalla professionalità e competenza dei ricercatori, influiscono pesantemente sulla qualità della ricerca e sulla reputazione di un laboratorio.

Un’altra differenza che ho riscontrato è che nell’università belga non si lavora gratis, mai. Non esiste che un dottorando lavori senza borsa. Non esiste che un ricercatore tenga un corso solo perché “fa curriculum”. La ricerca è vista come un lavoro vero e proprio, e un lavoro non è tale senza retribuzione. In Italia, purtroppo, viene spesso dato per scontato che la passione e la determinazione possano compensare la mancanza di una retribuzione dignitosa.

Infine, il Belgio accoglie molti più studenti e ricercatori stranieri rispetto all’Italia. Esiste un’iniziativa, quella della cosiddetta “mobilité internationale”, che prevede agevolazioni per chi viene da università straniere, in modo da favorire gli scambi inter-universitari. Al tempo stesso, gli studenti e ricercatori belgi sono fortemente incoraggiati a trascorrere dei periodi di formazione in università estere. In Italia, nella maggior parte delle università (anche se non tutte), le possibilità di accogliere studenti e ricercatori stranieri sono spesso limitate: non sempre esistono corsi in inglese, e la burocrazia costituisce in molti casi un ostacolo insormontabile per chi non parla italiano.

Non so cosa sarebbe accaduto – per quanto riguarda la mia carriera accademica – se fossi rimasta in Italia. Nel caso mi trovassi attualmente a lavorare come post-doc in Italia, sicuramente guadagnerei di meno e non avrei accesso alle strumentazioni e ai dispositivi che utilizzo ora nella mia ricerca. Probabilmente dovrei dedicare ancora più energie alla ricerca di fondi e alla stesura di progetti per ottenere finanziamenti (cosa che comunque già faccio), e questo sicuramente toglierebbe tempo alla sperimentazione e alla ricerca vera e propria.

 

Passiamo adesso al tema “giovani e lavoro”, passando per il sistema universitario italiano. Personalmente, quanto è stato importante il tuo percorso universitario per il lavoro che oggi porti avanti? Che differenze ci sono, secondo te che hai studiato in Italia e all’estero? Noi spesso abbiamo parlato di un mancato link tra università italiane e mondo del lavoro, cosa ne pensi?

Sicuramente aver intrapreso un corso di laurea specialistica improntato alla ricerca (psicologia sperimentale) mi ha favorito nel lavoro. Contrariamente a quel che spesso si dice, io trovo la formazione in Italia molto buona dal punto di vista teorico. Trovo anche che in Italia si studi di più sui libri rispetto ad altri paesi come la Germania o il Belgio (dove spesso gli esami vengono preparati solo sugli appunti e i manuali sono facoltativi). Ciò che però purtroppo manca nell’istruzione italiana è l’applicazione pratica delle nozioni che vengono apprese. Per esempio, in molti paesi, fare esperienze di laboratorio fin dai primi anni di università (indipendentemente dalla scelta di proseguire poi nella ricerca) è la norma per le discipline scientifiche. Mi sembra che in Italia ciò rappresenti più l’eccezione che la norma.

 

Rimanendo sempre in tema “Italia”, credi il sistema meritocratico in Italia funzioni?

Il sistema meritocratico in Italia funziona limitatamente. Il principale problema è la mancanza di trasparenza, come nel caso dei concorsi universitari farlocchi in cui “ufficiosamente” si conosce già il vincitore. Si tratta di un meccanismo molto ipocrita. Sarebbe più onesto a questo punto affidarsi alla cosiddetta “chiamata diretta”, per cui si può assumere chi si desidera, salvo poi rendere conto del proprio operato (una procedura abbastanza comune all’estero). Senza trasparenza e senza criteri oggettivi di valutazione è purtroppo difficile capire se a vincere sia il merito.

Detto ciò, esistono in Italia ricercatori eccellenti, riconosciuti come tali a livello internazionale. L’impressione è che le persone brave comunque emergano, ma facendo più fatica, sia perché i fondi per la ricerca sono limitati e la competizione è più spietata, sia perché effettivamente in alcuni dipartimenti vengono favorite qualità diverse dalla bravura, quali il servilismo al professorone di turno.

 

Si parla spesso di eccellenze italiane all’estero e di fuga di cervelli con una retorica spesso noiosa e superficiale, secondo te come andrebbe approcciato il problema, sempre che per te si tratti davvero di un problema?

Non ho mai sopportato la retorica dei cervelli in fuga. Spostarsi di laboratorio in laboratorio, quando si fa ricerca, non è una fuga, ma un processo di formazione necessario. Andare all’estero dovrebbe essere incoraggiato e non visto come il segnale che nel proprio paese si è fallito. Il vero problema è che una volta all’estero, spesso ci si accorge che le condizioni sono migliori e non si ha più il desiderio di tornare.

Si dà poi spesso per scontato che quelli che partono siano quelli “bravi”, quelli che “ce la fanno”. Eppure, non è che tutti quelli che scelgono di lavorare all’estero siano geni. Come già detto, si stratta di una questione di opportunità. Se si hanno legami sentimentali / figli / genitori a carico, decidere di trasferirsi a lungo termine in un altro paese diventa quasi impossibile. Ci sono ottimi ricercatori che continuano a svolgere bene il proprio lavoro in Italia, così come esistono ricercatori mediocri che riescono a cogliere delle opportunità all’estero.

Sento anche spesso dire che i ricercatori italiani all’estero dovrebbero, a un certo punto, decidere di rientrare nel proprio paese, per favorirne lo sviluppo. Non sono d’accordo neanche su questo. Il ricercatore non è necessariamente un martire votato al sacrificio. Può capitare che, dopo tanti anni all’estero, una carriera avviata e spesso la costruzione di una famiglia, si preferisca continuare a vivere fuori dall’Italia. Penso che il vero problema non siano i ricercatori italiani che scelgono di lavorare all’estero: nella maggior parte dei laboratori internazionali lavorano ricercatori di nazionalità diverse. Non sono solo i ricercatori italiani a trasferirsi all’estero! Il vero problema è che, salvo alcune eccezioni, l’università italiana non è in grado di attirare ricercatori stranieri – per lo meno non in numero uguale ai ricercatori italiani che si spostano all’estero.

 

Perché, secondo te, sempre più giovani preferiscono partire e portare altrove le proprie competenze? È un problema della mancata meritocrazia e un ricambio generazionale quasi nullo, o credi sia più che altro una scelta?

In linea di massima, oggi i giovani sono più aperti a fare nuove esperienze rispetto al passato, viaggiare costa meno e trasferirsi è meno drammatico. Nella ricerca, lavorare in diversi laboratori costituisce un vantaggio perché si instaurano nuove collaborazioni e si apprendono tecniche diverse. Sono davvero pochi i giovani ricercatori che non hanno mai trascorso un periodo all’estero, anche se breve (e questo non è un fenomeno solo italiano, ma esteso a tutto il mondo).

Sinceramente, io non conosco nessuno che partendo dall’Italia abbia pensato “mi trasferisco per sempre”. In genere si parte pensando di star fuori per un periodo più o meno breve, soprattutto per fare nuove esperienze. Ciò che poi spesso accade è che all’estero ci si trova bene, le opportunità di carriera sono migliori, si creano nuovi legami, e alla fine non si ritorna più.

 

Supponendo che questa fuga sia davvero dovuta a delle mancanze del nostro sistema, personalmente credi esista una soluzione, cosa consiglieresti al “sistema” e ai decision makers italiani per impedire questa fuga di competenze?

Finché non si investirà sulla ricerca, finché i ricercatori non saranno pagati decentemente, finché non saranno messi a disposizione gli strumenti e gli spazi per svolgere la ricerca, e finché i criteri di selezione non saranno del tutto trasparenti, difficilmente chi ha una carriera avviata all’estero sceglierà di tornare in Italia.

 

Più nello specifico, domanda facile forse per un’italiana in Belgio dove la comunità italiana é tra le più grandi, cosa pensi della questione della migrazione qualificata? É davvero un problema o pensi possa trasformarsi in una spinta motrice alla professionalizzazione dei giovani italiani (ed europei)?

Sicuramente per i giovani italiani, e in particolare per i ricercatori, può essere una spinta motrice alla professionalizzazione. Come già sottolineato, l’ideale sarebbe però avere altrettanti ricercatori stranieri che accettino di portare le loro competenze in laboratori italiani, cosa che ad oggi accade molto limitatamente.

 

E per finire, domanda di rito. Torneresti in Italia, adesso? Essere lontani é davvero cosi difficile o é diventata quasi una normalità?

Ora come ora no! In effetti, sto progettando di comprare casa a Bruxelles, dove mi piacerebbe stabilizzarmi. Amo molto l’Italia, dove comunque vivono i miei familiari e i miei amici più stretti, e torno sempre molto volentieri quando posso, anche perché per fortuna è possibile volare da Bruxelles a Roma spendendo relativamente poco.