Articoli

L’insostenibile leggerezza del tornare a casa. Riflessioni a caldo dopo un anno negli States

L’estate ha da sempre un significato particolare per me: l’imprevedibilità delle giornate, il cessare della routine, il caldo, la cosiddetta procrastination… diciamo che sono tutte immagini che ben rendono l’idea delle mie estati. Il divertimento e l’ozio sono all’ordine del giorno e io, come ogni anno, aspetto con ansia questo momento per lasciarmi andare dopo un lungo inverno di studi e impegni vari.

L’8 giugno di ogni anno segna per me un traguardo importante. Mi sembra quasi di essere in una puntata della serie tv The Vampire Diaries, in cui i personaggi vampiri spengono “il pulsante dei sentimenti” e si lasciano andare ai loro istinti primordiali. Ecco, io spengo e metto temporaneamente in pausa il mio cervello, dimenticandomi del resto del mondo circostante e dedicandomi a tempo pieno al mio carissimo dolce far niente. Questa volta però è diverso. Come tutti bene saprete, ho trascorso un anno negli States e sono tornata esattamente un mese fa.

Inutile dire che lo shock di tornare alla “realtà” è stato notevole. Il 13 giugno a mezzogiorno sono atterrata all’aeroporto di Roma Fiumicino, dopo uno straziante viaggio passato ad immaginare come sarebbe stato rivedere tutti e rimettere piede in Italia, e sono stata accolta dai miei parenti e dalle mie due migliori amiche.

La sensazione è inspiegabilmente bella: sentire la gente parlare la tua stessa lingua, ma soprattutto sentire l’affetto e l’amore di chi davvero ha sentito la tua mancanza è un’emozione unica, all’inizio quasi irrealizzabile, come se da un momento all’altro ti ritrovassi ad avere tutto quello che hai desiderato per mesi lì davanti a te, in carne ed ossa, senza nemmeno rendertene conto.

Poche ore dopo ho varcato la soglia di casa mia e, con le lacrime agli occhi ormai da ore, mi sono buttata sul letto della mia cameretta che aveva ancora lo stesso odore, lo stesso di sempre, la disposizione delle cose era anche lei la stessa di sempre, esattamente come l’avevo lasciata un anno fa. In giardino mi aspettavano parenti e amici, e pure il mio cane che mi ha leccato la faccia per circa quaranta minuti ininterrotti.

Insomma, tornare è sempre bello, casa è sempre casa e quello che ti trasmette è per me insostituibile. Gli odori, i profumi, le strade che finalmente senti tue, i luoghi e il mar Adriatico non mi sono mai sembrato così belli.

Quando si fa un’esperienza del genere succedono due cose al ritorno, o almeno per me è stato così:si riesce a sentire la netta selezione che le persone che si vogliono accanto sono davvero lì, con te, e una nuova percezione di quello che si ha ci fa riflettere su un sacco di cose. Non si riesce a dar più niente per scontato e viene naturale dare un peso diverso alle cose: ecco, questi sono i segni della crescita personale che ho riportato con me a casa, chiusi stretti stretti nella mia valigia tra un sogno e l’altro.

L’unico problema è che mentre tu cambi prospettiva e modo di vedere il mondo, la gente qui è sempre uguale, sempre la stessa, come tutte le cose che ho ritrovato nella mia cameretta, quasi come si fossero messi in pausa, come se avessero dormito per tutto questo tempo. E mentre loro ti guardano con occhi diversi te invece non riesci a fare a meno di guardarli un po’ come le cose della tua cameretta.

Rassicurante, bellissimo, spaventoso. E ora?

Minnesota nice e la scoperta del mondo

Il Minnesota nice: ormai mi circonda da mesi e piano piano sto imparando a capirlo ed apprezzarlo un po’ di più. Non conoscete il fenomeno? Basta fare un rapidissimo e molto-poco-scientifico giro su Wikipedia, che definisce il Minnesota nice come “The stereotypical behavior of people from Minnesota to be courteous, reserved, and mild-mannered, is popularly known as Minnesota nice (also called Midwestern nice when applied to the rest of the Midwestern states). The cultural characteristics of “Minnesota nice” include polite friendliness, an aversion to confrontation, a tendency toward understatement, a disinclination to make a fuss or stand out, emotional restraint, and self-deprecation.

Inizialmente lo percepivo unicamente come una delle tante cose poco autentiche che caratterizzano la cultura americana, una delle tante ipocrisie, un insieme di manierismi e perbenismi che mi hanno sempre indispettito in quanto amante dell’onestà e della veridicità delle cose. Ma con il passare dei mesi ho iniziato ad ampliare le mie vedute ed estendere la mia analisi, se cosi la possiamo chiamare, non solo agli adolescenti minnesotani, ma anche a tutte quelle persone più grandi, gli adulti insomma, che vivono intorno e insieme a me qui, nel Minnesota. In realtà, devo ammetterlo, è proprio grazie a loro che ho scoperto quanto il mio caro Minnesota potesse avere tutta un’altra serie di significati oltre a quella serie di manierismi apparentemente poco sinceri. Significati nuovo e ben più importanti.

Quel che ho capito, infatti, é che qui le persone non intendono il Minnesota come “solo un luogo”: il Minnesota è per loro come un valore da rispettare, uno schema di leggi e consuetudini non scritte ma ben radicate, che puntano a mettere l’ospite a proprio agio, ad integrare il diverso, a far sentire qualsiasi persona benvenuta nelle proprie case, strade e città. Ed é proprio grazie a quel Minnesota nice che all’inizio sembrava un po’ ipocrita, che ho imparato un po’ ad amarlo anche io, questo posto. Come? Beh, partiamo dalle cose semplici… qui c’è un clima bizzarro, un freddo gelido che d’inverno ci costringe tutti a ripararci e passare la maggior parte del tempo al chiuso, a casa, per evitare un vero e proprio congelamento e, in balia di queste condizioni climatiche, le persone si sono ben attrezzate di pazienza e hanno cercato di rendere le loro case confortevoli ed accoglienti, fors’anche più del dovuto – ed eccovi servito un primo piccolo pezzetto di Minnesota nice. Ma non finisce qui! La cosa più bella é che hanno cercato di diffondere una gentilezza che non esiterei a definire cosi accogliente, calda, che potrebbe persino aiutare a sciogliere il ghiaccio circostante, a spezzare l’isolamento forzato del lungo, temibile inverno.

Relazionandomi conperonse più grandi di me ho imparato nuovi modi per organizzare la mia vita, per arrangiarmi e per applicare misure di sopravvivenza che a lungo andare diventano persino piacevoli, chi lo avrebbe mai detto? Ho persino iniziato a godermi quei fine settimana caratterizzati da un fuoco in mezzo alla neve, le lunghe chiacchierate, un buon bicchiere di vino rosso e qualche marshmallows bruciacchiatoc come da copione. Ho imparato che a volte si tende a cercare altrove e negli altri quel che ci è familiare, quel che conosciamo e dal quale – per assurdo – spesso scappiamo, pretendendo poi di trovarlo in persone e luoghi completamente estranei a noi, quando invece basterebbe semplicemente ascoltare, ascoltarsi, ed imparare ad amare il diverso e ciò che è fuori dalla nostra comfort zone, ma senza mai disprezzare quel che pure conosciamo già. Avreste mai pensato che queste parole potessero venir fuori dalla bocca di una piccola marchigiana solita passare i suoi weekend in riva al mare, con qualche oliva ascolana e pasta al fumé? Io di certo non me lo sarei mai aspettata!

Ma torniamo a noi. La cittadina più grande che ho vicino, qui in Minnesota, è proprio Minneapolis, che potrei definire una metropoli vera e propria, fatta su misura e adattata alle rigide condizioni climatiche del posto. Qui invece di spostarsi e camminare e muoversi all’esterno, sono stati costruiti passaggi interni per potere permettere a chiunque di girare per la città e non privarsi di questo piacere (o necessità), restando al caldo. Ci sono tutto un insieme di ponti comunicanti che connettono le varie mete, e tutto sembra proprio esser stato progettato e costruto allo scopo di rendere l’ambiente piacevole e rilassante, che distogla l’attenzione dal problema climatico (ironicamente, un pensiero va sicuramente alla fabbrica di cioccolato di Willie Wonka, con strade e passaggi imprevedibili e lavoratori degni di nota). Insomma, anche la metropoli di Minneapolis, le sue strade, i assaggi, tutto, proprio tutto smebra essere un pezzetto, un tassello di quel puzzle chiamato Minnesota nice.

Il concetto di Minnesota nice, quindi, per quanto possa essere frainteso o mal interpretato da molti, soprattutto se ci si ferma alla prima impressione, è in realtà un proposito vero e proprio e volto al bene dell’altro e che, a mio parere, rende questi gelidi abitanti non solo amabili, ma forse pure un esempio da seguire. Basti pensare che il loro mantra è: quale mezzo migliore di parole gentili e gesti amichevoli per curare la malinconia umana, o semplicemente, per non essere tristi?

Per chi fosse già pronto a pensare che in Minnesota sia tutto perfetto, beh lasciatemelo dire, ovviamente ci sono  effetti collaterali legati a questo modo di essere e comportarsi. Quali? Vi basti pensare questo: se le persone cercano tutte e sempre di rendere ogni cosa confortevole ed indimenticabile, a dream, questo stesso comportamento puo’ tendere – e succede molto spesso – a soffocare e reprimere le emozioni reali, quelle pure negative agari, ma autentiche. Un tratto che io trovo puramente americano: pur di avere una vita senza conflitti e litigi, le persone decidono di soffocare anche l’ultimo briciolo di rancore, con tutte le conseguenze che ne derivano…

Insomma, un universo parallelo per noi italiani, che siamo tutto tranne che gente dedicata a reprime le emozioni, e cosa che ho personalmente sempre amato della nostra cultura. Per le nostre strade si percepiscono distintamente il baccano, addirittra a volte le grida, le espressioni spesso colorate e pittoresche, i gesti tipici della nostra cultura: tutte cose che mi fanno pensare ad un popolo che vive di emozioni forti, che lotta, che ricerca la bellezza e non resta mai in silenzio. Mi piace pensare che noi italiani siamo un’esplosione, un uragano di profumi, luci e rumori che ci permettono di emanare un calore particolare che spesso, mentre guardo la silenziosa e meravigliosa neve che mi circonda, tendo a ricordare malinconicamente, “alla faccia” del Minnesota nice.

 

Imperialismo Televisivo: perché amo gli Stati Uniti?

Se avessero chiesto al Nicola di sedici anni ‘Dove ti vedi tra cinque anni?’, avrei probabilmente masticato qualcosa come ‘Università… Medicina… Forse?’ per poi arrossire e sfoggiare il mio goffo sorriso a bocca chiusa (rigorosamente per nascondere il sottostante e luminoso apparecchio fisso). Non mi sarei mai aspettato di finire a studiare in Inghilterra, così lontano da casa, per poi dovermi ricostruire una vita che fosse (per la prima volta?) completamente mia. O meglio, non avevo mai espresso alcun interesse specifico nei confronti della perfida Albione: è semplicemente successo. Come quando da piccolo pedali in giro per la città, ti distrai e cadi dalla bicicletta senza neanche rendertene conto, semplicemente succede e non resta che alzarsi e accettarlo. Aspettate… E’ un paragone poco poetico e sbagliato: sembra che io sia stato in balia degli eventi e stia cercando di trovare una giustificazione. Infatti, al contrario, ho deciso personalmente di intraprendere questo viaggio, che poi si è rivelato essere una delle scelte più incredibili e soddisfacenti che mi potessero capitare. Mettiamola così: un po’ come Obelix, sono andato verso il calderone della pozione magica, sapendo cosa contenesse, ma è capitato che ci cascassi dentro e ora sono forte oltre ogni misura. E’ semplicemente successo e non lo rimpiango in alcun modo.

Il sogno dell’Inghilterra apparteneva a mia sorella, che fin dalle scuole medie avrebbe voluto trasferirsi a Londra per aprire un negozio di fiori, vivere nel centro nevralgico di una cultura edgy e stilosa, ma al contempo elegante e carismatica. Io invece volevo andare negli Stati Uniti per studiare, per farmi venire il torcicollo a forza di guardare in alto verso i grattacieli di Manhattan o per andare con lo skateboard a Venice Beach per poi fermarmi in spiaggia a prendere il sole. Il cuore di mia sorella batteva al ritmo di David Bowie, e il mio a quello dei The Black Keys ma, ironicamente, nessuno dei due è finito per trasferirsi dove desiderava. Per adesso (?).

Ma come nascono certe idee? Cosa c’è all’origine di certi sogni?

Qualche tempo fa un mio amico mi ha ricordato che nel mio primo giorno di liceo, durante la nostra prima presentazione alla classe dissi ‘Andrò a studiare all’estero dopo le superiori’. Apparentemente il piccolo Nicola era molto intraprendente, a mia insaputa in quanto me ne ero completamente dimenticato. Tuttavia so che ci deve essere stato un motivo per il quale gli Stati Uniti abbiano sempre avuto una forte influenza sui miei gusti e le mie scelte.

La mia teoria è semplice: attraverso la televisione. Lascia un figlio in balia dei programmi televisivi del primo pomeriggio e te lo ritroverai colonizzato dagli USA. A parte, ovviamente, attraverso il fascino giocato dai brand di moda, dalla musica e dallo sport, credo che l’imperialismo americano sia riuscito ad avere una forte presa sul giovane Nicola grazie alla televisione. Non ce ne rendiamo conto, ma la maggior parte dei programmi che abbiamo amato da ragazzini sono americani. Siamo cresciuti con loro e abbiamo assorbito i valori da loro promossi, nel bene e nel male. E così io ho iniziato ad innamorarmi di New York grazie ad How I Met Your Mother e a Friends (per poi scoprire che sono stati entrambi girati a Los Angeles) e della California grazie a O.C. (Summer Roberts, sei stata la mia prima cotta), solo per citare due tra i tanti esempi. Dal modo di vestirsi passando attraverso l’umorismo e al modo di parlare, abbiamo assorbito per osmosi tutto.

Ci sono lati positivi? Credo di sì, perché ancora ad oggi trovo programmi come i Simpson (solo le prime stagioni, sorry) capaci di farmi ridere tramite battute intelligenti. Oppure, semplicemente, quando sono a casa e accendo la televisione, quello che guardo è capace di riportarmi alla mia infanzia, a delle atmosfere familiari che ho abitato per anni.

Cambierei qualcosa? Onestamente sì. Forse il fatto che siamo legati a certe culture e diamo per scontata l’appartenenza ad un sistema di valori esterno al nostro può dimostrare che l’imperialismo ha fatto il suo effetto. Forse siamo davvero tanto assuefatti ad uno stile di vita dominante che se ci togliessero Una Poltrona Per Due la sera della Vigilia di Natale, non avremmo più un’identità. Dopo tutto, cosa faresti la sera del 24 Dicembre senza la televisione? Parleresti con i tuoi nonni o parenti, per scoprire di più riguardo alla loro vita? Neanche per scherzo, per piacere…

Il Nicola di sedici anni, che non sapeva che sarebbe finito in Inghilterra, non vedeva l’ora di tornare a casa dopo scuola per fuggire a New York o a Springfield. Col suo apparecchio e i capelli alla Justin Bieber sognava Central Park e l’Orange County, forse perché erano le sue uniche vie di fuga. Non avrebbe mai immaginato di essere in Inghilterra solo cinque anni dopo, e forse l’aver fantasticato terre lontane l’ha sempre tenuto pronto per la partenza. Non provo rancore, ma sono solamente sorpreso di quanta influenza abbiano avuto certi fattori sulla mia vita, senza che me ne rendessi conto. La soluzione è esserne consapevoli ed evitare di perdere il controllo, usando sempre la propria testa. A volte cadi dalla bici e ti devi rialzare, altre cadi nel pentolone ma ne esci ancora più forte.

Intervista a Luca Amorello, avvocato italiano in Usa. Tra incertezze politiche e prospettive future

L’unico avvocato italiano a Washington. In poche parole ecco chi è Luca Amorello, 29 anni originario di Spilimbergo, un piccolo centro di 10.000 abitanti in provincia di Pordenone famoso per la sua scuola di mosaico. Oggi, dopo aver passato l’esame d’avvocato a NY, Luca lavora nell’ufficio di Washington dello studio legale Cleary Gottlieb Steen Hamilton LLP (uno dei più importanti del mondo). Dove si occupa di diritto, finanza, economia e politica.

Non vogliamo farvi spoiler sull’intervista al nostro Italian del mese, vi diamo solo qualche informazione di base. Dopo dopo essersi laureato a 23 anni in giurisprudenza e dopo un breve periodo alla Luiss a Roma, Luca è entrato in un programma di PhD alla House of Finance di Francoforte in Diritto ed Economia della Finanza. Nel 2013 è risultato vincitore della Borsa di Studio Menichella assegnata dalla Banca d’Italia per il progetto di studio in materia di regolamentazione bancaria e politica macroprudenziale.

Ha lavorato prima con la Banca d’Italia e poi, durante il terzo anno di dottorato, alla Banca Centrale Europea come giurista nel Segretariato del Comitato Europeo per il Rischio Sistemico. A quel punto – dopo aver consegnato la tesi di dottorato – è arrivata l’esperienza in America dove Luca ha studiato regolamentazione finanziaria alla Harvard Law School.

Direi che ora possiamo cominciare. Buona lettura!

Luca, raccontaci qualcosa di te e della tua vita americana: come sei arrivato a lavorare nell’ufficio di Washington per lo studio Cleary Gottlieb Steen & Hamilton? Di cosa ti occupi di preciso, quali sono le tue responsabilità?

La scelta di lavorare a Washington è stata in realtà puramente casuale. A differenza di molti altri ragazzi della mia età, l’Italia mi ha offerto numerose opportunità lavorative (anche ben remunerate). Ma avendo ricevuto controfferte economiche più vantaggiose in UK e altri paesi, tornare in Italia risultava difficile. Poi un bel giorno lo studio legale per cui oggi lavoro – uno dei più importanti del mondo – mi offrì la possibilità di formarmi in uno dei suoi uffici americani, occasione piuttosto rara per un italiano. Accettai immediatamente – non avrei potuto trovare di meglio.

Qui lavoro principalmente con istituzioni finanziarie per quanto riguarda i loro requisiti di capitale e di liquidità. Inoltre mi occupo di resilienza e risoluzione banche globali a rilevanza sistemica. Predisponiamo piani di risoluzione e di risanamento che permettano a queste banche di gestire al meglio eventuali periodi di stress finanziario senza generare rischi sistemici per il sistema finanziario globale. È una materia affascinante e molto complessa – dove si incrociano diritto, finanza, economia e politica. A volte non esistono precedenti, per cui parte del nostro lavoro è pura innovazione strategica e regolamentare.     

Essere un giovane italiano (l’unico avvocato a Washington, se non erro) in un ambiente così settoriale e competitivo, come viene visto? Oltre alle difficoltà, ci sono dei pregiudizi che hai dovuto affrontare?

Ho la fortuna di lavorare e vivere in un ambiente tra i più internazionali e diversificati al mondo. Nel mio studio si parlano 65 lingue diverse e gli avvocati vengono da oltre 50 paesi – insomma si respira la bellezza della diversità e la forza dell’internazionalità. I pregiudizi li lasciamo a coloro che non vedono e non apprezzano il valore di questo straordinario patrimonio. Le differenze sono celebrate e tutte le persone, incluso io, sono trattate in maniera uguale.

Per quanto riguarda più in generale Washington e gli Stati Uniti non posso generalizzare. Gli Stati Uniti sono un paese che vive la propria complessità – politica, sociale, economica –  in modi diversi a seconda dell’area geografica e del sistema culturale di riferimento. Avendo vissuto a Boston e Washington – città liberali proiettate verso il mondo – posso soltanto dire, per mia esperienza personale, che non ho mai subito pregiudizi e le difficoltà incontrate sono state soltanto burocratiche, mai relazionali o umane.

L’America rimane ancora oggi uno dei grandi sogni degli italiani: più o meno tutti, almeno una volta nella vita, sognano di abbandonare la vecchia vita per farne una nuova nella grande mela. Anche te avevi questa spinta personale, oppure quella di partire è stata più una scelta “obbligata”? E più in generale, quali sono le cause e le possibili soluzioni affinché i nostri talenti non sentano più il bisogno di scappare via?

Io sono partito per gli Stati Uniti perché avevo e ho l’ambizione di diventare – nel mio piccolo – un esperto del mio settore. Un giorno a Francoforte, parlando con un professore di Harvard, capii che per poterlo fare avrei avuto la necessità di ‘vedere’ cosa accadeva dall’altra parte dell’Atlantico, e Harvard rappresentava (e rappresenta ancora oggi) il migliore punto di osservazione, sia per la qualità del capitale umano presente che per il bacino di conoscenza che poteva offrirmi. Diciamo che non cercai “un luogo” ovvero gli Stati Uniti, piuttosto cercai le persone giuste che potessero insegnarmi qualcosa su quello che volevo fare. E le trovai a Cambridge, Massachusetts.

Io non sono dovuto scappare dall’Italia – l’Italia mi ha offerto numerose volte la possibilità di tornare anche a condizioni privilegiate. E credo che i cosiddetti ‘talenti’ non debbano necessariamente scappare dall’Italia – ci sono centinaia di talenti in Italia che hanno trovato la propria dimensione lavorativa e umana pur nelle difficoltà che caratterizzano il paese e conosco talenti con sfavillanti carriere all’estero che sono tornati in Italia per cercare di cambiarla o renderla migliore.

Quello che invece bisognerebbe fare, a mio giudizio, è cambiare mentalità. La società contemporanea – società globalizzata che rende qualunque confine geografico, economico e sociale irrilevante – sta cambiando velocemente e sta diventando sempre più complessa. Quello che i cosiddetti talenti dovrebbero fare è cercare un modo per cavalcare questi mutamenti e questa complessità, trovando spazi nuovi ovunque essi si presentino. Parole come competizione, sacrificio, specializzazione, flessibilità, internazionalità dovrebbero entrare nel linguaggio comune. Bisognerebbe capire che una laurea da sola non serve a granché e che “scappare dall’Italia” è a volte l’unico modo per acquisire quelle conoscenze necessarie per poter tornare e costruirsi lì una vita. Il punto è che l’Italia non offre sufficienti incentivi per tornare. E questo è dovuto alla mancanza di valide prospettive di futuro che rendono qualunque scelta incerta e, dunque, rischiosa.  

Com’è realmente vivere negli USA? Rispetto all’Italia, dov’è che possiamo guardare per imparare in positivo? Ma soprattutto: secondo te l’estero offre veramente così tante opportunità da spingere giovani come te a mollare tutto?

Gli Stati Uniti non sono l’Eden. Come in Italia ci sono cose buone e cose meno buone. Però la peculiarità americana si trova nella mentalità proattiva e nello spirito imprenditoriale dei suoi abitanti. L’idea – ancora parecchio diffusa in Italia – che debba essere lo Stato, le istituzioni, la politica o qualche altro salvatore della patria a cambiare la realtà personale dei cittadini non esiste. Qui è chiaro che ognuno è padrone del proprio destino e che l’inventiva, la bravura e lo spirito di iniziativa individuale alla fine paga. Questa proattività all’Italia manca. Inoltre, in USA si respira ad ogni angolo la volontà di innovare, di migliorare, di cambiare e di rendere più semplice la vita delle persone. Io prendo UBER ogni mattina per andare a lavorare e sono due anni che non uso contanti.

L’Italia – ovvero le sue istituzioni, i sindacati, gli ordini professionali, il mondo della scuola e della ricerca, gli imprenditori, e via dicendo – dovrebbero abbandonare quella mentalità conservatrice che sta bloccando il paese da vent’anni ed adeguarsi al futuro. Il mondo è cambiato, la società è cambiata. Gli Italiani se ne devono fare una ragione.

Non si può parlare di America – un po’ come per altri paesi, come il Giappone – senza passare almeno brevemente sulla tecnologia. Credi che l’Italia sia rimasta indietro su questo? Secondo te ci sono dei gap generazionali (e anche tecnologici, perché no) che andrebbero affrontati?

Credo che l’Italia sia stata deindustrializzata negli ultimi 20-30 anni e in un paese deindustrializzato fare innovazione è molto difficile. Inoltre le resistenze corporative di vari settori rendono il tutto ancora più complesso. Il problema è ancora una volta culturale, come ho detto prima. Chi si assume la responsabilità di andare a spiegare ad un tassista romano che la sua autovettura è una carrozza di fine ‘800 e che oggi esisterebbero sistemi più economici ed efficienti per spostarsi nella capitale? Compito della politica dovrebbe essere proprio favorire questa transizione, non fermarla.    

Passando agli studi: la tua senz’altro è stata una formazione cross-continentale, da Trieste a Roma per arrivare a Francoforte e poi a Harvard. Partendo proprio dalla tua esperienza, potresti aiutarci a fare una sorta di sistemi educativi a confronto? Punti di forza e punti negativi, ovviamente.

In Germania ho passato tre anni faticosi – dato l’ammontare di cose che ho dovuto studiare, dalla microeconomia alla politica monetaria passando per la regolamentazione finanziaria – ma estremamente formativi. Il sistema educativo tedesco è tremendamente rigoroso e molto internazionalizzato. Nel mio dottorato ho avuto professori provenienti non soltanto dalla Germania ma anche, ad esempio, dagli Stati Uniti. Mi hanno dato davvero una prospettiva globale sulle materie che studiavo. Inoltre la compenetrazione col diritto di altre scienze sociali è notevole e particolarmente affascinante. La Germania offre un sistema universitario a costo praticamente nullo per gli studenti e mette chiunque nelle condizioni di poter studiare. Ricordo che con la mia carta universitaria a Francoforte non pagavo i trasporti pubblici per tutto l’anno. In termini finanziari potrei dire che gli studenti sono considerati investimenti ad alto rendimento per lo Stato, rendimenti non comparabili con alcun altra attività.

Harvard è il sogno di ogni nerd. Più che un’università si tratta di una fabbrica della conoscenza. Seguire tutte le attività che propone l’università è impossibile e il livello di contaminazione tra le materie universitarie è elevatissimo. Harvard insegna innanzitutto un metodo per risolvere fattispecie e problematiche complesse offrendoti tutti gli strumenti attualmente a disposizione. Quello che l’università ti richiede invece è una forte dedizione e la volontà di lasciare il segno una volta terminati gli studi. L’ambizione di Harvard è quella di formare una classe dirigente globale capace di trasformare la realtà che ci circonda. E sono convinto che spesso ci riescano davvero.     

Per quanto riguarda il sistema universitario italiano, devo dire che – come strutturato attualmente – lo trovo poco utile. Ad esempio, le facoltà di giurisprudenza sono dominate dal nozionismo e dal ‘pandettismo’. Prendi un codice, lo impari a memoria e passi l’esame. Prendi una norma, spieghi la natura giuridica e passi l’esame. Alla fine dei 5 anni accademici sei in grado di scrivere un parere? La risposta è quasi sempre negativa.

Salvo rare eccezioni, il sistema universitario in Italia andrebbe rifondato. Da zero. L’università ha la funzione di formare studenti per il mondo del lavoro del futuro. Questo significa che l’università dovrebbe innanzitutto educare al ragionamento critico e alla capacità di risoluzione di problemi complessi dati gli strumenti a disposizione. Inoltre – potendo fare una comparazione – direi che bisognerebbe permettere ai privati di investire nell’università. L’idea ancora presente nell’università pubblica per la quale “la ricerca è e deve essere libera” è solo una storiella da fine anni ‘70 che sta bloccando, tra le altre cose, lo sviluppo economico del paese. Facciamo un esempio: nel consiglio di amministrazione di una facoltà di ingegneria sarebbe meglio avere Elon Musk o un professore universitario sicuramente libero ma che non ha mai fatto impresa? Io opto per Elon Musk.    

Nel tuo curriculum leggo che parli italiano, inglese e francese. Inoltre vedo che hai studiato cinese per due anni. Quanto è importante oggi conoscere le lingue? Per i giovani, soprattutto: quali credi che siano le altre competenze necessarie per fare carriera, per realizzarsi?

Dei miei studi di cinese ricordo solo come ordinare al ristorante. Tralasciando questo, in una società globalizzata diventa fondamentale la capacità di comunicare con altre culture e altri contesti. Maggiori sono le capacità comunicative, più facile diventa relazionarsi con controparti provenienti da altri paesi e da altri contesti. Per questo dovremmo conoscere l’inglese meglio dell’italiano – essendo ormai lingua universale – e avere la capacità e la curiosità di imparare tutte quelle lingue che potrebbero tornare utili. Non esiste un numero minimo o un numero massimo – tutto dipende dal bacino di persone con cui volersi relazionare. Voglio lavorare in Asia? Impara il cinese. Voglio lavorare in Sud America? Impara lo spagnolo o il portoghese. Africa? Impara il francese.

Aggiungo però che le competenze linguistiche non sono sufficienti. Bisogna anche imparare quei linguaggi che trascendono le parole. Parlare ad un cliente tedesco in tedesco non è di per sé utile se non si conoscono le sue preferenze, quale sia il suo background culturale, quale il suo sistema di valori. Facciamo un esempio: un cliente americano, ad una conversazione con uno straniero di dizione inglese perfetta, preferirà parlare con uno meno bravo dal punto di vista linguistico ma esperto di football americano.

In cosa è diverso fare la carriera da avvocato in America piuttosto che in Italia? Un po’ di tempo fa ero capitata su un articolo che stimava che il numero degli avvocati a Roma fosse uguale a quelli presenti in tutta la Francia. Ecco, rispetto al sovrannumero di richieste e ad una crisi lavorativa che non sembra mai finire, che consiglio ti sentiresti di dare ai tanti giovani che, come te, ambiscono a fare questa professione?

Non sono avvocato in Italia quindi non posso parlare a nome di una categoria che non conosco. Posso dire però che fare l’avvocato in America significa innanzitutto servire in maniera molto umile una comunità di riferimento. I grandi avvocati americani – quelli che si vedono nei film – sono persone semplici, simpatiche e alla mano che capiscono la responsabilità sociale ed economica della propria posizione per l’intero sistema statunitense. Inoltre, negli Stati Uniti gli avvocati junior vengono trattati allo stesso modo dei senior e vi è l’idea – molto chiara – che si deve lavorare tutti insieme per il bene dell’insegna che si rappresenta. Ecco perché c’è un notevole rispetto interpersonale e spirito collaborativo e una propensione alla formazione dei giovani che sono considerati risorse imprescindibili per il futuro dello studio di riferimento.       

Oltre al diritto bancario sappiamo che ti occupi anche di debito sovrano e di politica monetaria. Rispettando sempre i limiti di quello che puoi dire per la privacy del tuo lavoro, potresti farci un commento veloce sulla situazione economica in Italia?

È una domanda complessa e non ci sono risposte univoche. La parola chiave per comprendere lo stato di salute dell’economia italiana, a mio giudizio, dipende dalla parola “sostenibilità’’. Il punto fondamentale credo sia quello di determinare se la posizione finanziaria del sistema Italia sia sostenibile senza interventi esterni.

La mia – personale – opinione è che l’attuale stock di debito pubblico – destinato a crescere ulteriormente nei prossimi anni, anche alla luce delle attuali proposte politiche di tutto l’arco parlamentare – prosciughi qualunque prospettiva di risanamento delle finanze pubbliche, rendendo la situazione del paese critica. Al momento i bassi tassi di interesse dovuti ad una politica monetaria espansiva della BCE permettono all’Italia di ripagare le proprie passività ad un costo più basso rispetto a condizioni di mercato normali. Tuttavia, si tratta di una situazione temporanea che cesserà nel momento in cui la BCE deciderà di normalizzare la propria politica monetaria, comportando costi aggiuntivi per il Paese. Inoltre, lo spread sul debito pubblico potrebbe aumentare alla luce del rischio politico che l’Italia porta con sé. Quest’anno si profila una situazione di incertezza politica che potrebbe avere ripercussioni sulle finanze pubbliche, rendendo ancora più fragili le prospettive di sostenibilità macroeconomica. A questa situazione, già critica di per sé, bisogna poi aggiungere la fragilità del sistema bancario italiano e l’attuale indebitamento privato che continua ad aumentare e ad indebolire i risparmi dei soggetti privati. Il sistema giudiziario, la complessità normativa in materia economica, il regime fiscale, la scarsa propensione alla concorrenza di mercato, la fragilità istituzionale, l’elevato corporativismo e la burocrazia asfissiante poi non rendono l’Italia molto attraente.   

In un tale contesto ci si aspetterebbe da parte degli organi interessati una maggiore attenzione a tale problematiche e una assunzione di responsabilità davanti ai cittadini, con proposte di riforma radicali ed incisive. Al momento non vedo niente di tutto questo – soltanto promesse che potrebbero peggiorare ulteriormente il quadro appena descritto. All’Italia invece servirebbe invece un bagno di umiltà.

In breve, non sono ottimista.

Per concludere, una domanda di rito: quali sono i tuoi prossimi progetti? Cosa si può fare in concreto per aiutare l’Italia anche lavorando da fuori, come stai facendo te, sfruttando le competenze e il talento accresciuto dalle molteplici realtà di vita conosciute?

Questo semestre dovrei pubblicare il mio primo libro in materia di regolamentazione finanziaria. A questo si aggiungono alcuni progetti universitari che vorrei portare avanti, mentre nel secondo semestre di quest’anno dovrei trasferirmi negli uffici di Londra del mio studio, così da poter seguire non soltanto le questioni regolamentari americane ma anche quelle inglesi ed europee (rese particolarmente interessanti dalla Brexit). Da Londra spero di contribuire in qualche modo al mantenimento della resilienza del sistema bancario europeo.  

Nel mio piccolo, cercherò di dare una mano in questa direzione, con la consapevolezza che l’Europa nel suo insieme è la mia nazione, non soltanto l’Italia. Credo che ognuno possa contribuire nei limiti del proprio lavoro e con le proprie competenze al mantenimento di un orizzonte comune europeo. Svolgere il proprio lavoro con passione, competenza e integrità credo sia oggi il modo migliore per porsi al servizio di questa comunità.   

 

Diari dal Minnesota: la storia di come tutto è iniziato

Sono una studentessa di 18 anni che, come tanti altri della sua età, ha deciso di trascorrere il quarto anno di liceo all’estero, negli Stati Uniti precisamente. Ora la domanda in questione è: cosa spinge una ragazza tanto giovane ad abbandonare la sua vita, la sua famiglia, tutti i suoi amici e andare a vivere totalmente sola dall’altra parte del mondo?

La risposta è soggettiva a mio parere. Non sono né la prima né l’ultima a fare questa esperienza, ma nel mio piccolo mondo è quasi un atto rivoluzionario. Ho deciso di partire per diversi motivi: uno dei più ovvi è quello di imparare la lingua, sicuramente, ma ciò che più mi premeva davvero era sperimentare lo stile di vita americano. Desideravo essere parte di quel “sogno americano” di cui tanto si parla e che è così invidiato da noi italiani perché troppo spesso siamo costretti a confrontarci con un sistema disfunzionale, che ci preclude possibilità e ci richiede il doppio degli sforzi per ottenere ciò che vogliamo.

Sono sempre stata una persona intraprendente, sempre aperta ad accogliere il nuovo e il diverso, tante idee e una marea di aspettative che sicuramente sono caratteristiche positive, ma che mi hanno anche portano ad un grande senso di insoddisfazione.Abitando in una piccola città di provincia, i miei slanci e la mia gran voglia di sperimentare non sono mai stati d’aiuto: piccola città, piccole menti, sentivo che alla gente bastava così poco per riempire la propria vita, un fidanzato, una serata in discoteca e magari qualche sigaretta di nascosto e tutti erano felici e contenti.

Non che io disprezzassi tutto ciò, in fondo è una piccola parte di me, però io volevo altro, volevo viaggiare, volevo qualcosa che probabilmente non sapevo neanche cosa fosse, però sapevo che qualcosa mancava.Posso scommettere di non essere la prima ad avere avuto almeno una volta nella vita questi pensieri, motivo per cui sto scrivendo la mia piccola testimonianza.

Se un domani qualche giovane anima si sentisse mancare un pezzo, il mio consiglio è: abbattete i vostri limiti e correte il rischio di cambiare, vi assicuro che ne vale la pena.Quando mi si è presentata davanti l’occasione di partire non ci ho pensato due volte, mi è sembrato il modo perfetto per prendermi una pausa dalla mia realtà quotidiana ed iniziare un nuovo capitolo della mia vita.

Per poter partire e diventare un “exchange student bisogna, oltre alla valanga di documenti da compilare, fare un’intervista con un responsabile della compagnia che deciderà se siete idonei o meno a fare questa esperienza. Ti viene chiesto veramente di tutto, dalla data di nascita a quanti peli il tuo cane lascia giornalmente sul pavimento.Se la risposta è si, il passo successivo è uno dei più importanti, compilare una “application online”, che sarebbe un profilo personale in cui sono contenute tutte le tue informazioni personali e una dettagliata descrizione di sé, sogni, aspettative, passioni, hobby, qualsiasi cosa possa aiutare la famiglia ospitante ad accogliervi in casa loro e scegliere lo studente che più “le piace”.

Poi bisogna solo aspettare che qualcuno decida di ospitarvi e il destino faccia la sua parte.L’imprevedibilità di questa esperienza, il non avere il controllo, è una cosa che può spaventare ma che allo stesso tempo è in grado di emozionarti tantissimo. Per esempio, non so ben dirvi perché, ma a me dava una carica di adrenalina paragonabile a quella sensazione di vuoto allo stomaco che si sente al decollo dell’aereo, cinture allacciate e in pochi secondi non si ha più la terra sotto i piedi.A febbraio mi è stato comunicato che una coppia di signori del Minnesota mi aveva scelto e che avrei avrei trascorso il mio anno all’estero, in un piccolo paesino chiamato Rosemount, con non più di 100,000 abitanti.

Giorni più tardi ho conosciuto la famiglia via Skype e fin da subito mi sono sembrati accoglienti e premurosi, cosa che mi ha levato ogni tipo di timore. A giugno 2017 io e la mia paziente madre siamo andate a Milano dove c’è stato un incontro con gli ex studenti tornati in Italia che raccontavano le loro esperienze, belle e brutte e in cui ci hanno dato una valanga di informazioni, istruzioni e avvertimenti.Per la prima volta ho realizzato a cosa sarei andata incontro, all’importanza di quello che avevo scelto, ho sentito anche un po’ di sana paura, per la lontananza dai miei cari, perché un anno è tanto tempo a 17 anni – ma nonostante ciò, non ho mai abbandonato quella leggerezza con cui sono solita affrontare le cose.

Ho passato un’estate indimenticabile all’insegna del divertimento sfrenato e la spensieratezza, finché non è arrivato il fatidico 23 agosto, tanto aspettato, desiderato e forse inconsciamente temuto, in cui io e il mio bagaglio pieno di speranze, vestiti ed aspettative ci siamo imbarcati all’aeroporto di Roma Fiumicino, e abbiamo preso l’aereo per la più grande sfida della mia vita. Così è iniziato tutto.

Welcome on board! Sofia Paniccia – blogger #theitalians

Nel team di The Italians, Sofia Paniccia è la più giovane dei blogger. Diciassettenne originaria della provincia marchigiana, la sua avventura inizia il 23 agosto scorso quando ha deciso di avventurarsi nel “Nice Minnesota”, e più precisamente a Rosemount.

Quello di Sofia sarà una sorta di manuale di sopravvivenza, il diario di viaggio di una – giovanissima – marchigiana in Minnesota, un viaggio a metà tra racconti personali e analisi delle differenze che un italiano affronta negli Stati Uniti, tra nuovi riferimenti culturali e anche nuovi sistemi educativi.

Con un piede nella neve del Minnesota e la mente al caldo tepore della sua cittadina della costa marchigiana, il 15 febbraio Sofia é divetata maggiorenne e può dire di aver raggiunto la maggior età in America, mito di ogni studente italiano e di ogni cinefilo cresciuto a pane e high school movie.

Intanto, passo dopo passo, condividerà con noi tutte le fasi del suo anno all’estero, dall’adattamento ai cambiamenti, ai piccoli schock culturali alle scoperte più piacevoli, e senza scordare mai la (tanto cara e necessaria) crescita personale.

Un manuale, o forse più un diario, chissà, noi speriamo possa essere non solo una testimonianza ma pure una bella ispirazione.

Sofia, welcome on board!

Intervista a Simone Venturi, ricercatore in ingegneria aerospaziale all’University of Illinois (USA)

Quando il telefono virtuale di Skype inizia a suonare, qui a Terni (in Umbria, IT) sono circa le sette di sabato pomeriggio. A rispondere dall’altra parte dell’Atlantico settentrionale, a Champaign (Illinois, USA), è Simone Venturi, 27enne ternano che da Milano è arrivato in Olanda per un progetto di exchange e quindi in America prima per la tesi e poi per un dottorato in ingegneria aerospaziale all’University of Illinois at Urbana-Champaigh, tra le prime cinque università degli States per questo specifico settore.

Da loro – mi racconta Simone – è quasi mezzogiorno: il suo gruppo di ricerca (con persone che vengono da tutto il mondo) oggi può lavorare da casa. Non è necessario essere tutti i giorni in laboratorio o seguire rigidi orari con tanto di firma delle presenze. D’altronde si tratta di una materia veramente specifica: l’aerotermodinamica, ossia lo studio della temperatura sullo scudo termico delle navicelle spaziali mentre rientrano o nell’atmosfera terrestre oppure entrano nelle atmosfere di altri pianeti (come ad esempio Marte).

Simone la fa sembrare la cosa più facile del mondo. Ma facciamo un passo indietro: la storia del nostro Italian del mese inizia durante gli studi universitari al Politecnico di Milano, più precisamente all’inizio del secondo anno di specialistica in ingegneria aerospaziale.

Cercavo un possibile argomento ed un buon relatore per iniziare la tesi – ricorda Simone – di professori bravi la facoltà ne è davvero piena, tutti costretti però a lavorare su progetti che siano praticamente autofinanziati. Tante pale eoliche, tanta ingegneria del vento: ho provato a farmi piacere entrambi con corsi ed esami, davvero. Lì di fondi statali ed europei ce ne sono fin troppi e andiamo benissimo. Ma niente che sognassi di fare quando alle superiori mi vedevo iscritto ad Aerospaziale”. Così Simone ha iniziato a mandare email in tutto il mondo, in Germania, Svizzera, Olanda, Svezia, Inghilterra, America: “Cercavo sui siti dei dipartimenti contatti di professori che lavorassero su tematiche interessanti e gli chiedevo di poter collaborare sul loro progetto. La fortuna ha voluto che dopo quasi tre settimane, circa 60 mail inviate e quasi rassegnato, parlando con un mio amico, venisse fuori il nome di questo giovane professore toscano che tempo prima aveva tenuto un incontro all’università di Perugia e che a 38 anni non solo è professore all’University of Illinois ma è anche ricercatore NASA ed ESA”.

Ma quanto è stato facile lasciare tutto e partire? “All’inizio ho preso questa decisione pensando di stare in America per 6 mesi e di tornare in Italia per trovare lavoro. Le cose sono andate per il meglio, sono venuti fuori ottimi risultati: il professore mi ha chiesto di tornare negli USA per altri tre mesi ed insieme abbiamo fatto domanda per un bando NASA proponendo un progetto che altro non era che il proseguo naturale di quanto fatto in quei mesi di studi per la tesi”. Da qui è arrivata l’avventura dei sogni: “Sono stato tre mesi in internship alla Nasa a Mountain View, California, per quello che loro chiamano Game Challenge, ossia per testare fattibilità e tempi del progetto che avevamo proposto insieme al professore”. La NASA, ci racconta il giovane, è un centro di ricerca impressionante, gigantesco, come te lo immagini nei film: “Lavorare li è il sogno della mia vita, hai intorno persone davvero in gamba e vivi a stretto contatto con tutto quello che hai studiato nei libri. Ti capita di trovare una navicella nei laboratori, i risultati dei diversi test disponibili, meeting aziendali sulle future missioni, vedi numeri sperimentali di progetti che verranno realizzati nei prossimi cinque anni”. E dopo l’esperienza dei suoi sogni, Simone ha deciso di rimanere in America all’università dell’Illinois per un dottorato di altri 4 anni.

Mettendo a confronto i due sistemi educativi, le differenze con l’Italia sono lampanti: “Il dottorato in Italia ancora non è visto come un ulteriore punto di forza alla laurea specialistica – spiega Simone  – spesso viene considerato un approfondimento inutile che sottrae tempo all’azienda. Probabilmente, se mai tornerò in Italia, non credo che grazie al dottorato americano ci saranno ricadute importanti sulla mia carriera”. Dalla sua esperienza, Simone ha potuto vedere come in Europa molte delle aziende richiedano proprio nel curriculum vitae il dottorato: “Anche in America è fondamentale, però c’è da dire che le cose che ho studiato in Italia non sono paragonabili a quello che faccio qua. Se è vero che negli USA c’è più ricerca, in Italia però c’è più insegnamento”.

In altre parole, quello che penalizza l’università italiana è la mancata connessione con i centri di ricerca e il mondo aziendale. Quello che andrebbe cambiato, secondo il giovane ricercatore, è proprio l’idea alla base del sistema universitario italiano a partire da bandi e assegnazione di cattedre: “Non so se è una questione di tempo o se si risolverà con un cambio intergenerazionale – commenta Simone – nell’università italiana c’è più politica rispetto all’America, ecco perché spesso si parla di favoreggiamenti. Ma il problema della mancata meritocrazia, almeno per la mia esperienza, non l’ho mai vissuto”.

Tornare in Italia non è così semplice come si crede: “Anche se nel campo ingegneristico il lavoro si trova, in America lo stesso ruolo è pagato 4 volte tanto. Forse anche questo è uno dei motivi principali che porta sempre più giovani a lasciare il proprio paese”. Ma non sono solo questi i problemi da risolvere: “Se vuoi fare ricerca in Italia non ci sono abbastanza posti. Nelle aziende c’è pochissimo lavoro. Mancano i finanziamenti veri e seri per centri di ricerca, mancano start up di alto livello tecnologico. Ma non è vero che è tutto immobile: al Politecnico mi sono accorto che si sta andando nella direzione giusta, stanno iniziando a stringere contatti con le industrie. Bisogna rafforzare e creare una rete dove l’università sia presente e abbia poli tecnologici importanti”.

Lontano da casa, Simone ha avuto anche l’occasione di accorgersi di quanto all’estero gli italiani siano ben stimati: “La nostra preparazione accademica, per me, è paragonabile soltanto a quella che hanno gli indiani e forse i francesi. Sappiamo tanto ma lo sappiamo applicare poco”.

L’ottimo si trova in una via di mezzo: “Forse è veramente un bene, dopo l’università italiana, imparare gli strumenti per mettere in pratica tutto quello che abbiamo imparato. Ed ecco perché serve un’esperienza all’estero – conclude Simone – per tornare, però, serve che l’Italia metta nelle giuste condizioni tutti noi giovani con questo bagaglio enorme di esperienza multiculturale che ci portiamo, con tanta fatica e sacrifici, sulle nostre spalle”.