Articoli

Intervista ad Angelica Paolieri, italians a Madrid: «La fuga di cervelli? Vogliamo solo essere riconosciuti come professionisti»

Per l’Italia, la Spagna è quasi una sorella. O una cugina di primo grado, insomma, una di quelle persone con cui cresci per tutta una vita prima di diventarci inesorabilmente amiche. Il clima così simile e accogliente, una lingua che sembra risuonare conosciuta nelle orecchie, i sorrisi aperti e, soprattutto, la vicinanza culturale e fisica verso casa.

Quando dici Erasmus mediamente sei italiani su dieci pensano alla Spagna, e così è stato anche per Angelica Paolieri, 32 anni nata e cresciuta a Città di Castello (in Umbria). Ma nonostante questo, per lei arrivare a Madrid è stata prima di tutto una scelta e una necessità: «Avevo già maturato l’idea di allontanarmi dall’Italia e, poiché avevo già studiato e vissuto in Spagna, ero decisa a tornare qui. All’inizio avevo escluso come possibili mete sia Madrid che Barcellona, non mi attraeva il pensiero di vivere in città molto grandi. Ma nella vita mai dire mai e così, seguendo il corso degli eventi, due anni fa sono finita proprio a Madrid. A parte qualche piccolo aggiustamento di abitudini, come calcolare 30 minuti di tragitto per arrivare puntuale a qualsiasi appuntamento, la vita a Madrid non è molto differente dalla mia cara provincia umbra.».

Lontano dai cliché e dalle consuetudini imposte, la quotidianità in Spagna è stata una vera sorpresa per Angelica. Soprattutto per la burocrazia, invece uno dei tasti dolenti italiani: «Non riuscivo a crederci all’inizio, ma qui è veramente tutto molto più semplice e agevole rispetto che in Italia – racconta – esistono applicazioni per qualsiasi cosa, sia per prendere appuntamenti dal proprio medico di famiglia che per fare ogni tipo di documento. In questo modo eviti che ci siano ritardi o code, almeno nella maggior parte delle volte».

Anche a livello lavorativo la capitale della Spagna è stata una scoperta: «Qui è tutto molto più rapido e snello e, per chi ha voglia di coglierle, ci sono molte opportunità per fare carriera. Quando sono arrivata ho subito trovato lavoro e, anche se non era quello per cui avevo studiato, ho accettato per imparare e conoscere le persone, la cultura, la città. Certo – prosegue Angelica – non in tutta la penisola le condizioni lavorative sono le stesse, ma a Madrid c’è molto ricambio di gente e lavoro». 

Ma facciamo un passo indietro. Per l’intervista di aprile niente domande scritte: con la nostra italian del mese Angelica abbiamo parlato di giovani, opportunità lavorative, formazione e – ovviamente – della cosiddetta fuga di cervelliUna sorta di flusso di coscienza alla James Joyce, per intenderci, condita di suggerimenti e anche un po’ di nostalgia. La sua è una storia di coraggio, una di quelle dove anche solo per muovere un passo e iniziare a camminare verso i propri obiettivi bisogna crederci con tutte le proprie forze.

Attualmente, Angelica lavora nel campo della moda e del design a Madrid, dove si occupa di consulenza di immagine in una gioielleria nel distretto commerciale di lusso, scrive contenuti per marchi e riviste del settore, collabora con un profumiere artigianale e con un’agenzia di comunicazione e disegno. «Ho molti progetti in cantiere, anche se riguardano tutti Madrid per il momento – aggiunge, una nota di rammarico nella voce – a livello formativo ho iniziato un corso organizzato da una famosa rivista di moda per specializzarmi nel personal branding, mentre a livello lavorativo assessoro imprese che vogliono entrare nel mercato spagnolo».

La sua vita in Italia, prima, era molto diversa: dopo aver conseguito la laurea in Giurisprudenza, Angelica ha lavorato in uno studio legale come praticante e poi come avvocato. Ma la passione per la moda le è stata sempre accanto in questo percorso, tanto da farle scrivere una tesi di laurea magistrale incentrata sul contratto di franchising comparato tra Italia, Francia e Spagna.

Per reinventare se stessa e realizzarsi completamente, Angelica ha dovuto cambiare paese: «Sono partita con la voglia di uscire dalla mia zona di comfort e di seguire la mia vocazione personale – spiega la nostra italian del mese – ero abituata ad una professione fatta seduta sulla sedia e china alla scrivania, ma adesso sto imparando a gestire una nuova vita composta da più attività, più moderna, una vita concreta e possibile perché qui la flessibilità oraria e soprattutto quella mentale è considerata fondamentale». 

Il filo rosso di tutte le sue esperienze fuori dall’Italia è sempre stata la Spagna, quasi un porto sicuro dove tornare, riempire di nuove conoscenze il proprio bagaglio e quindi ripartire nuovamente. La prima esperienza lontana da casa è stata a 14 anni in Olanda con uno scambio culturale, poi l’Erasmus a Siviglia, poi Strasburgo per l’Erasmus Placement e quindi di nuovo la Spagna con un master all’università di Salamanca in Diritto spagnolo per giuristi stranieri.

«A livello di competenze noi italiani non abbiamo nulla da invidiare agli altri – commenta ancora – quello che manca al sistema universitario italiano è la pratica, una proiezione verso il futuro fuori dalle aule. Studiamo molta teoria e quando ci laureiamo alla  fine siamo pieni di nozioni, anche se poi magari troviamo difficoltà a fare una fattura o scrivere una lettera».

La soluzione ideale? Una mediazione tra diversi sistemi di formazione, anche se per essere competitivi nel mercato globale non è ancora sufficiente: «Dobbiamo puntare di più sulla conoscenza delle lingue straniere e sulle competenze tecnologiche – suggerisce Angelica – e forse dovrebbe essere obbligatorio fin dal percorso scolastico inserire almeno un’esperienza all’estero. Perché è veramente importante entrare in contatto con una lingua straniera fin da giovani, non come materia da studiare, ma come strumento di comunicazione e di confronto».

Un dialogo a più voci e a più lingue consentirebbe forse all’Italia e ai suoi giovani di sentirsi parte di un mondo che gira intorno a loro e che cambia ad ogni battito di ciglia, e la possibilità di esprimersi frenerebbe forse l’allontanamento (volontario e non) di così tante persone. «La fuga dei giovani italiani dipende dalla nostra voglia di essere riconosciuti come professionisti – conclude Angelica Paolieri – il mercato del lavoro e le istituzioni italiane tendono a vederci come una risorsa da cui attingere e non su cui investire. Passiamo anni a collezionare titoli, passando per lunghi tirocini per arrivare poi, se tutto va bene, alla firma di un contratto di lavoro imbarazzante. Eppure abbiamo ancora voglia di provarci, molto da offrire e voglia di rimanere».
Alle giuste condizioni.