Articoli

L’importanza di essere ed avere mentor al femminile

Nel mondo del lavoro, all’estero come in Italia, c’è sempre più bisogno di donne.

Maggiore empatia, ascolto, compassione e capacità di dialogare e comunicare con un’intelligenza emotiva elevata. Guardando alle attività e ai risultati, certo, ma ascoltando anche i bisogni familiari e il desiderio di mettere in circolo l’amore verso il partner, gli altri, e i propri figli.

Sono stata educata alla stessa maniera di mio fratello e, in due, siamo cresciuti insieme nell’uguaglianza e nel rispetto reciproco, senza fare troppe distinzioni di vestiti, giocattoli e cibo. Tutto era uguale, per entrambi (ed entrambi avevamo i capelli corti). Sono stata educata al lavoro e a raggiungere risultati tangibili, alla meritocrazia e allo studio arduo per poter guardare in alto e sognare di raggiungere le stelle e cambiare il mondo attraverso la solidarietà e l’unione delle persone. Il consenso attraverso il dialogo e la negoziazione, la pazienza e l’umiltà, il sorriso e parole di speranza, coraggio e conforto per le nostre squadre di lavoro. L’Unione fa la forza, se vogliamo possiamo, il lavoro di squadra fa sì che il Sogno diventi Realtà. Ci ho creduto crescendo e ci credo ancora oggi.

Per questo, avvicinandoci alla giornata internazionale delle giovani ragazze e donne nella Scienza, il messaggio che le Nazioni Unite da è: più ragazze scienziate, ingegnere, appassionate di macchinari, matematica, tecnologia, app, innovazione.

Le statistiche parlano chiaro: secondo uno studio condotto in 14 paesi, la probabilità che studentesse  conseguano una laurea breve, un master o un dottorato in campo scientifico è solo del 18 %, 8 % e 2% rispettivamente, con una percentuale di studenti di sesso maschile di 37 %, 18 % e 6 %.

Secondo il rapporto di UNESCO nella Scienza verso il 2030, il programma STEM – Scienza, Tecnologia, Ingegneria e Matematica per le giovani, mira a ispirare e coinvolgere le ragazze e le giovani donne ad intraprendere carriere in campo scientifico. A livello mondiale, la parità di genere e la scienza sono due elementi vitali per poter raggiungere gli obiettivi dell’ambiziosa Agenda dello Sviluppo Sostenibile 2030, che include- tra i suo 17 obiettivi- quello delle parità di genere e di uguali opportunità tra donne e uomini.

A livello regionale in Africa, la rappresentazione femminile nelle scienze si trova, per la maggior parte,  in Mozambico e Sud Africa, con il 34 % e 28 % rispettivamente di diplomate in ingegneria. Le difficoltà di una formazione scientifica sono però legate ad una combinazione di fattori che riduce la proporzione delle donne ad ogni gradino della carriera scientifica: l’ambiente scolastico; il cosiddetto “glass ceiling” – il soffitto di cristallo della maternità; i criteri di valutazione della perfomance scolastica; gli scarsi riconoscimenti; la mancanza di supporto, di mentorship e di leadership; e fattori culturali di diseguaglianza di genere.

Tutto questo scoraggia fortemente le donne ad “ambire in alto”, soprattutto a livello africano, dove le donne, in molte comunità rurali, fuori dalle città, sono ancora considerate come creatrici di figli e dedite alla casa, con l’uomo “breadwinner”- colui che porta il pane a casa attraverso il lavoro fuori di casa.

L’istruzione è una via per sfuggire alla povertà, per imparare e per avere maggiori opportunità future di lavoro, non dovendo cosi dipendere economicamente dall’uomo. Le professioni scientifiche danno poi maggior respiro e possibilità di scelta di una professione, spaziando da ricercatrici, professoresse di chimica, fisica, astrofisica, astronaute, chimiche, fisiche, e maggiori libertà per poter esplorare il mondo.

Il lavoro di UNESCO in ambito di ragazze e donne nella Scienza è quello di organizzare e guidare giovani a rompere gli stereotipi della “matematica non cool per le ragazze”, ma anzi, un appassionante viaggio alla scoperte di scienze e di misteri non ancora svelati.

Rompere gli stereotipi di genere e culturali, ed avventurarsi nelle carriere scientifiche: non lasciarsi scoraggiare e non credere che questo sia un ambito solo per uomini.

Per questo, per ispirare e incoraggiare a non mollare, altre donne – oggi scienziate – possono essere il loro esempio, il loro modello per proseguire e non arrendersi. In una società in cui l’uomo viene premiato e la donna non sufficientemente apprezzata per i suoi risultati, il mentoring è necessario per avere figure di riferimento, che possono apprezzare, incoraggiare e guidare altre giovani al raggiamento dei loro sogni.

Chi dice che non possiamo diventare scienziate e aprire le porte verso nuovi orizzonti scintifici?

REF: JSC 247-37-003 ONBOARD PHOTO STS-47 ONBOARD PHOTO VIEW. ASTRONAUT MAE JEMISON, MISSION SPECIALIST WORKING IN SL-J MODULE.

Personalmente ho sempre ammirato la prima donna afro-americana a viaggiare nello spazio, con il programma spaziale americano della NASA, Mae Carol Jeminson, nel settembre del 1992.

Lavorare nello spazio e arrivare fino alle stelle, non è meraviglioso?

Celebriamo insieme la giornata internazionale delle giovani ragazze e donne nella Scienza, e, innamoriamoci delle materie scientifiche! Questo è il sito con maggiori informazioni: United Nations International Day of Women and Girls in Science