Articoli

Intervista a Laura Ribichini, stagista presso il servizio giuridico del Parlamento europeo: “Vorrei tornare, ma ho paura di non trovare un lavoro simile in Italia”

In Italia è praticante avvocato. In Lussemburgo è tirocinante presso il servizio giuridico del Parlamento europeo. No, non è una doppia vita – e soprattutto: una cosa non esclude l’altra!

Per Laura Ribichini, la nostra Italian del mese, è la normalità. Laura ha 27 anni – a brevissimo 28 –  ed è originaria di Terni, in Umbria. Dopo aver vissuto anche a Perugia per l’università e a Parigi per l’erasmus, da 4 mesi è approdata in Lussemburgo grazie al tirocinio Schuman.

Iniziamo dal principio: come sei arrivata in Lussemburgo?
Dopo due anni di pratica forense in Italia, l’idea di un lavoro che potesse darmi anche solo la parvenza di una mia autonomia si è palesata più forte che mai. Ci sono stati dei momenti di frustrazione (anche di autocommiserazione, perlopiù ingiustificata) durante questo percorso e, proprio in uno di questi, ho deciso di guardarmi un po’ intorno. Non avevo un piano molto definito, ma l’idea di partire e poter fare delle esperienze all’estero non mi ha mai abbandonata da prima di partire per l’Erasmus. Sapevo della possibilità di far domanda per dei tirocini nelle istituzioni europee, quindi mi sono fatta forza e ho presentato la mia candidatura al Parlamento per il tirocinio Schuman.

E come è andata?
Al momento della domanda ho visto che c’era un posto al Legal Service, nell’unità “Staff Unit”. Non sapevo benissimo di cosa si occupasse, immaginavo solo che avrei trattato di diritto del lavoro, con riferimento alle carriere dei funzionari dell’Unione europea. In pratica mi occupo di funzione pubblica (contratti, reclami, ricorsi alla Corte di Giustizia) e di consulenza. Spesso la mia unità è chiamata a dare pareri formali e informali alla DG PERS (Direzione Risorse Umane), relativamente allo Statuto dei funzionari (base normativa su cui lavoriamo) o ad altre tematiche inerenti. Io aiuto i giuristi nella redazione degli atti o dei pareri giuridici, effettuo ricerche di giurisprudenza, scrivo riassunti di sentenze o di ricorsi per la fruizione interna al servizio legale e controllo e valuto (sulla base di documenti che mi vengono forniti) se sia necessario l’intervento del Parlamento in una particolare causa dinanzi alla Corte, nei casi in cui viene sollevata un’eccezione di illegalità relativamente allo Statuto.

Lavorare in Lussemburgo, nel tuo settore, è diverso che in Italia?
Lavorare qui è sicuramente diverso dal punto di vista degli orari. Inizio presto la mattina e finisco alle 18 più o meno del pomeriggio. Non torno a casa per il pranzo, perché è distante, ma anche perché qui si usa mangiare alla mensa. Pranzo spesso insieme agli altri tirocinanti e a volte con alcuni colleghi verso le 12:40/13 e ricomincio alle 14 circa. La cosa che più mi ha sorpreso è lavorare in una grande struttura, che contiene al suo interno un’enorme collettività. Tutti lavorano in differenti ambiti, ma allo stesso tempo per il funzionamento di qualcosa di grande e di comune. Per quanto riguarda i miei colleghi, i giuristi del servizio legale sono persone competenti, mi seguono e mi coinvolgono nel lavoro e l’ambiente è piacevole e molto inclusivo. In più, trovo che sia un ambiente molto stimolante, si parlano moltissime lingue, anche solo durante la pausa caffè del Legal Service. Non penso che riuscirei a trovare un ambiente simile in Italia, o almeno non ne ho conoscenza, ma lavorativamente parlando penso di sì, magari all’interno delle grandi imprese o dei grandi studi.

Com’è la tua vita da italiana in Lussemburgo? C’è una comunità di connazionali lì, ti senti ben accolta?
Ammetto che la situazione in Lussemburgo è molto tranquilla, non c’è moltissimo da fare in città ma i dintorni offrono moltissime possibilità di svago. Per quanto riguarda gli aspetti negativi, il più grande sicuramente è quello del traffico. La situazione è quasi catastrofica, qui tutti usano la macchina anche per brevi percorsi. Pensa che da domani, per incentivare a usare i mezzi pubblici, tram e autobus saranno gratuiti per sempre! E stasera, per festeggiare, hanno organizzato dei concerti in giro per la città.
Sulla comunità di italiani, so che ce n’è una anche bella sostanziosa, ma sinceramente non ho avuto modo di venirne a contatto. Sull’integrazione però posso dire di non aver dovuto superare alcun pregiudizio, uno degli aspetti positivi di questa città è che ci sono persone che provengono un po’ da ogni dove, di tutte o quasi le nazionalità. In più, si parlano tre o quattro lingue fluentemente (francese, inglese, tedesco e – ma solo dagli autoctoni e pochi altri prescelti – il lussemburghese) e non è raro che si senta spesso parlare italiano.

Parlando di esperienze lontano da casa, c’è stata anche la Francia: raccontaci qualcosa
Ho un bellissimo ricordo del mio erasmus a Parigi, ho conosciuto delle persone meravigliose e ho vissuto in una delle più belle città d’Europa. Ero emozionatissima all’idea di partire, io volevo partire. Sono stata via 5 mesi, ho vissuto in residenza e studiato nell’università di giurisprudenza Descartes, Paris V. Sicuramente l’integrazione è stata molto più difficile là che qui in Lussemburgo, la città è molto grande e anche all’università è stato difficile rapportarsi con gli studenti del posto. Di positivo c’è stato il poter conoscere ragazzi/e di quasi tutta Europa e condividere con loro dai più piccoli ai più complessi ostacoli burocratici e non che si sono presentati (ho detto piccoli, ma in realtà la burocrazia è il male di questo mondo, in qualsiasi luogo ci si trovi).

Il sistema educativo francese è diverso da quello italiano? Quali sono le difficoltà più grandi che uno studente italiano si trova ad affrontare in un’università di un altro paese, nel tuo caso la Francia?
Il metodo è un po’ differente, so che ci sono alcune classi particolari in cui lo studio è più intenso (si chiamano travaux dirigés) e viene effettuato in piccoli gruppi, in modo da permettere al professore un maggior controllo. Non ho avuto l’occasione di partecipare, perché gli esami che avevo scelto di frequentare non prevedevano questa tipologia di studio. Inoltre, ho constatato che praticamente non sono consigliati libri dai professori per la preparazione degli esami, la scelta è rimessa agli studenti. Quasi tutti prendono appunti con il computer ed è con quelli maggiormente che ci si presenta all’esame. Per quanto riguarda le difficoltà, una delle prime è stata la lingua, eravamo in classe con altri francesi e quindi ci siamo subito dovuti adattare, anche a scrivere.

Secondo la tua esperienza, in cosa noi italiani potremmo prendere spunto per migliorare – e cosa potremmo invece esportare?
Sicuramente l’approccio all’università è più pratico e un po’ l’ho invidiato, perché a far solo teoria poi si entra nel mondo del lavoro ancora più tardi e meno preparati. Non ho mai scritto nulla in cinque anni di legge (nulla che rimandasse al futuro lavoro di avvocato) e sembra assurdo che appena usciti ci si debba confrontare con pareri e atti, mai visti prima. Ecco, questa mi sembra sia un’incongruenza bella evidente. Chiedendo a ragazzi come me, francesi e non, penso che quello che ci manchi sia uno stampo meno accademico, una formazione più completa. Si potrebbe raggiungere con simulazioni o law clinics (ora so che stanno prendendo piede anche da noi) al fine di rendere consapevole lo studente di cosa si troverà davanti una volta laureato.

Quando si parla di ragazzi che studiano o lavorano fuori casa, subito scatta il bollino “fuga di cervelli”. Ti senti una di loro?
Non mi sento un cervello in fuga, mi sento un cervello frustrato che vorrebbe trovare la sua strada e, soprattutto, trovarla in Italia. So che non avrei potuto fare questa esperienza a “casa” e quindi sono partita. Ora che sono qua mi rendo conto che ci sono tantissime altre occasioni che potrei e vorrei cogliere, tuttavia mi piacerebbe poter tornare. Ho inviato moltissime candidature nel mio Paese, senza ricevere alcuna risposta, forse è questo che spinge le persone a guardare altrove. A volte anche un no sarebbe stimolante per migliorarsi. In più, parlo per i praticanti avvocato come me, questa situazione di limbo orribile, sospesa, impedisce di trovare la giusta posizione e sfocia, nella maggior parte dei casi, in stage sottopagati o in una nuova pratica legale non ben definita. Ho fatto fatica a compilare candidature, non so come definirmi, e spesso è difficile trovare realtà disposte a formare i candidati e a investire su di loro.

Qualche soluzioni affinché i nostri talenti non sentano più il bisogno di scappare via?
Non so, a mio parere, bisognerebbe investire e dare possibilità di crescita a chi entra nel mercato del lavoro dopo gli studi, tutto qua. Formare il nuovo assunto nel migliore dei modi e retribuirlo il giusto. I sacrifici si fanno, ma non in eterno. E dopo aver espresso l’ovvio, anche un po’ utopico, passiamo alla prossima domanda!

Quali sono i tuoi prossimi progetti? Hai in programma di tornare presto in Italia?
Ho un po’ sorriso, non so come rendere questo lieve imbarazzo a parole. Ho dei progetti, mi piacerebbe poter impiegare in Italia quello che ho imparato qui, magari in città un po’ più grandi della mia. Penso di aver individuato qualche ambito in cui vorrei focalizzare la mia attenzione, ma vista l’assenza di risposte alle mille candidature inviate, ne manderò altre anche qui in Lussemburgo e dintorni. Vorrei acquisire più esperienza e se il riscontro positivo verrà dall’estero è qui che dovrò restare, anche per approfittare di opportunità che non potrei ritrovare in Italia. Spero che questa situazione non duri in eterno, sia chiaro, il progetto che ho più a cuore resta quello di tornare in Italia e trovare lì un lavoro che mi soddisfi (su quello dei sogni poi ti farò sapere).

Intervista a Luca Pilati, export manager in Germania: “Potrei tornare e lavorare in Italia, ma l’instabilità politico-economica non mi rassicura”

Hof, Germania, una piccola cittadina a nord della Baviera. Dopo aver viaggiato in lungo e largo per l’Europa, in Russia, ma anche in America Latina e in Canada, è qui che oggi vive il nostro Italians del mese Luca Pilati, 31 anni originario di Marsciano (Perugia).

Luca è ad oggi export manager (area europa) in Germania, e si occupa cioè di vendite seguendo sia il canale tradizionale fisico che l’e-commerce. Un lavoro che lo porta a viaggiare per circa il 30% del suo tempo, a stretto contatto con agenti, distributori e clienti diretti per stabilire prezzi, promozioni, sconti e lancio di nuovi prodotti.

“Il mondo è grande ed ho la costante voglia di vederlo tutto – ci anticipa Luca – in ogni luogo che visito, mi chiedo sempre come sarebbe vivere lì, la routine, le persone, la vita. Più che lasciare l’Italia mi piace vedere il rovescio della medaglia: concentrarmi cioè su quello che questo percorso mi porta a scoprire”.

Ciao Luca! Raccontaci la tua esperienza da Italian: sappiamo che attualmente vivi e lavori in Germania, ma come ci sei arrivato? Faceva tutto parte di un tuo progetto oppure hai seguito il corso degli eventi?
Diciamo che faceva parte del mio progetto e poi il corso degli eventi – che in fondo mi sono creato io – mi ha di certo aiutato. Ho sempre agito in visione di un possibile spostamento all’estero. Sin dal liceo mi sono sempre orientato verso un percorso che potesse aiutarmi in questo senso. E in primis, già dagli anni degli studi superiori, ho capito che lo studio dell’inglese sarebbe stato necessario e questa si è poi rivelata una scelta fondamentale considerando che oggi, per poter essere competitivi ed avere maggiore libertà di movimento, l’inglese rappresenta davvero il minimo indispensapide in termine di lingue straniere da conoscere. Ora con anche lo spagnolo, il tedesco ed un po’ di francese mi sento più tranquillo!
L’obiettivo di trasferirmi all’estero per lavorare me lo ero prefissato per completare le mie pregresse esperienze di periodi trascorsi fuori dall’Italia nei momenti di tempo libero o per studiare. Lavorativamente parlando, mi mancava quindi un’esperienza all’estero ed è cosi che ho colto l’opportunità di trasferirmi in Germania.

Qualcosa sul tuo lavoro: cos’è che fa di preciso un export manager, compiti e responsabilità? Credi che in Italia avresti potuto trovare un’occupazione simile, ci hai provato, oppure lavorare all’estero era quello che volevi?
Come export manager mi occupo di vendite e seguo sia il canale tradizionale (retailers) sia l’e-commerce. Mi relaziono con agenti e distributori esistenti o, dove necessario, cerco io stesso persone in loco per sviluppare i mercati di mio interesse, e mi relaziono anche direttamente con i clienti. Stabilisco promozioni, sconti, lancio di nuovi prodotti in base al mercato di riferimento. Viaggio circa il 30% del mio tempo, principalmente in Olanda, Belgio, Svizzera, Austria, Polonia, Repubblica Ceca, Norvegia, Francia e Germania. Per quanto riguarda l’e-commerce, invece, il discorso è leggermente diverso perché gestisco il flusso di informazioni che poi il cliente (ad esempio Amazon) utilizzerà per vendere il prodotto online (informazioni su prodotti, prezzi, immagini, stock prodotti, testi marketing). È un lavoro con meno interazione tra persone dal momento che la stragrande maggioranza del lavoro può essere svolto tramite “ticket” (sistema informatizzato).
Come dicevo prima, lavorare all’estero è sempre stato un mio chiodo fisso. In Italia, il mio ruolo viene molto apprezzato perché, specialmente in questo momento, le aziende italiane hanno bisogno di esportare i propri prodotti e non sempre sono preparate per poterlo fare. Non ho ancora preso in considerazione questa possibilità, perché pensare un futuro in Italia considerando l’outlook negativo dato dal crescente debito pubblico, la costante incertezza legata alla politica affiancato da una crescita debole o inesistente del Paese, non mi rassicura. Quindi ho optato per paesi con scenari più positivi e livelli salariali più alti.

Il lavoro in Germania è strutturato in maniera diversa rispetto che in Italia? Penso alla flessibilità, alla meritocrazia, alla responsabilità, o anche alla possibilità di emergere e far carriera nonostante la giovane età…sono problemi solo italiani?
Si, qui la differenza è notevole. Dal punto di vista pratico e di organizzazione del proprio lavoro c’è molta più libertà. Gli orari di entrata ed uscita dall’ufficio sono flessibili e si lavora 38 ore settimanali e non 40. Inoltre le ore di straordinario, che capita sovente di fare, vengono accumulate e possono essere utilizzate successivamente come ore di permessi. Il lavoratore è molto più tutelato anche dal punto di vista della salute e del benessere in ufficio. Un esempio carino che voglio citare che non mi è mai capitato di vedere in Italia è la possibilità di richiedere una scrivania con pianale elettrico che si alza e si abbassa per poter permettere alle persone di lavorare in piedi. In pratica: stare seduti per molte ore in ufficio non è salutare, quindi è possibile richiedere una scrivania con pianale elettrico che si alza e si abbassa a tuo piacere per poter lavorare anche stando in piedi.
Si fa molta attenzione a rispettare la pausa pranzo e gli altri intervalli che ti permettono poi di lavorare in maniera più efficace il resto della giornata. Per quanto riguarda le responsabilità ho notato che qui il binomio giovane=inesperienza è quasi inesistente. Al contrario, si valorizza di più il concetto di giovane=risorsa. E questo è un fattore da non sottovalutare. I giovani hanno più spazio, più responsabilità e quindi la capacità di apprendimento e di sviluppo è maggiore. il lavoro è più appagante dal momento che hai maggiore libertà di prendere decisioni e le tue idee vengono prese in considerazione.

Quello della meritocrazia in Italia è un tema delicato dove sfortunatamente il più delle volte si è costretti a constatare che il merito passa in secondo piano, scavalcato da quel clientelismo ormai radicato sia nelle organizzazioni pubbliche che private. Credo sia difficile cambiare in un paese che ha questa impostazione. Riguardo la possibilità di emergere, secondo me, oltre al problema della mancanza di meritocrazia, in Italia c’è anche il problema della stagnazione del lavoro. Qui in Germania, ad esempio, come in molti altri Paesi c’è più offerta di lavoro, pertanto, trovo ci siano più possibilità di emergere in contesti dove si investe, dove si aprono aziende, dove si crea lavoro.
In Italia succede l’opposto: i posti di lavoro non ci sono, le aziende italiane non investono o addirittura delocalizzano ed infine, non abbiamo la capacità di attrarre capitale estero vista la burocrazia e soprattutto la perenne instabilità politico – economica. Alla fine i giovani vivono il risultato di questo insieme di fattori, oscillando tra il minimo sindacale e lo stage non retribuito che, come detto prima viene giustificato anche dalla mancanza di esperienza.

Ho notato anche che c’è ostilità da parte di chi, invece, dovrebbe trasmettere ed insegnare ai giovani come lavorare. L’egoismo secondo me è uno dei fattori più penalizzanti in Italia. Egoismo che porta a pensare sempre a se stessi e non alla comunità. Questo sfocia spesso anche in mancanza di senso civico e di interesse verso quello che succede anche al di fuori della vita personale. Non essendoci coesione sociale, gli individui cercano di “sopravvivere” come meglio possono salvaguardando i propri interessi, ignorando però la situazione complessiva della comunità e più in generale dell’Italia stessa.

Com’è vivere ad Hof? C’è una comunità di italiani lì? Ti senti ben accolto oppure ci sono pregiudizi che hai dovuto superare? Inoltre, quali sono le difficoltà che affronti ogni giorno in questa nuova vita?
Sono sempre stato affascinato più dal nord Europa che dal sud. Non a caso quando la stragrande degli studenti facevano l’erasmus in Spagna io sono andato in Polonia. Sono sempre stato attratto dal freddo e non dal caldo, dalle montagne e non dal mare, dagli sport invernali piuttosto che dal calcio. Diciamo che non sono proprio italianissimo sotto questo punto di vista! Approdare in Germania, quindi, sotto questo punto di vista ha avuto un impatto decisamente positivo. Mi sono quasi sentito a casa, circondato da paesaggi, clima e cultura che mi hanno sempre affascinato. La parte più difficile del trasferimento è stata la barriera linguistica. Vivere in una piccola cittadina, seppur universitaria, significa non poter parlare sempre in inglese, dato che in pochi lo sanno. Devo ringraziare i miei colleghi che si sono presi cura di me e mi hanno aiutato in tutto quello che concerne la vita quotidiana (affittare un appartamento, comprare mobili, pagare le bollette, trasferire la residenza, etc..) Però alla fine, dopo un anno qui in Germania, posso dire che effettivamente queste difficoltà iniziali si sono rivelate utili dal momento che l’apprendimento del tedesco è stato e tutt’ora è molto più rapido. Apprendere una nuova lingua e conoscere da vicino una cultura differente mi affascina ed è per questo che ho costruito una rete di amicizie principalmente con tedeschi e non con italiani. Anche qui, all’inizio non ti senti proprio a tuo agio circondato da persone che parlano una lingua praticamente indecifrabile e spesso anche in dialetto! Però con un po’ di coraggio, molta pazienza e svariate bottiglie di birra riesci man mano ad interagire sempre di più.
Secondo me è fondamentale come uno si pone. Se sei tu privo di pregiudizi, aperto e sorridente, non ci sono problemi di integrazione. Almeno questa è stata la mia esperienza fino ad oggi in tutti i luoghi in cui ho vissuto ed ho visitato sia in Italia che all’estero. Porto con me sempre bellissimi ricordi di persone con cui ho condiviso momenti della mia vita e che mi hanno sempre accolto con entusiasmo ed amicizia.

Questa non è la tua prima esperienza all’estero: c’è stato anche l’Erasmus in Polonia e poi la Spagna per tre mesi e anche la Svizzera, seppur solo un mese. Raccontaci qualcosa di queste esperienze – punti di forza e punti negativi, ovviamente!
Vedendo sempre il bicchiere pieno o, nei momenti peggiori, mezzo pieno, sinceramente non saprei di che punti negativi parlare. Un’esperienza all’estero che sia di lavoro, di studio o di svago, secondo me, è sempre costruttiva e soprattutto ti lascia il segno. L’erasmus è sicuramente un’esperienza indimenticabile soprattutto in un Paese come la Polonia, dinamico con molti giovani e centro di forti investimenti da parte di moltissime aziende. Dopo l’erasmus sono tornato spesso in Polonia sia a visitare gli amici che per lavoro ed ogni anno rimango piacevolmente colpito dalla dinamicità di quel Paese. Per quanto riguarda la Spagna e la Svizzera in entrambi i casi sono stato ospite di una famiglia. è stato davvero bello sentirsi parte di loro, vedere i loro usi e costumi, parlare la loro lingua e vivere il loro quotidiano.
È qui che mi viene in mente la parte negativa di questo stile di vita: lasciare la famiglia, gli amici, la quotidianità che ti ha accompagnato per anni nel posto in cui sei nato e cresciuto. Il prezzo da pagare per chi decide di spostarsi è effettivamente abbastanza alto, specialmente per chi vive in Italia, dove la cultura della famiglia è ancora molto forte. Lasci il luogo dove sei sicuro di trovare sempre il supporto degli amici, l’amore della famiglia, e soprattutto la quantità di cibo che ti prepara la nonna che ti vede sempre deperito. Vivendo lontano e soprattutto viaggiando spesso, mi ritrovo ad essere con me stesso, e devo dire che è  veramente piacevole. Schopenhauer dice: “Un uomo di grandi doti spirituali nella più completa solitudine si intrattiene in modo eccellente con i suoi pensieri e le sue fantasie…”. Essere il punto di riferimento di se stessi è impegnativo. Occorre avere un discreto carattere ed una sufficiente energia interiore per vivere momenti facili e difficili sempre rimanendo sereno e felice.

Tornando al tuo periodo di studi in Polonia e guardando all’Italia, potresti aiutarci a fare un confronto tra questi due sistemi educativi? In cosa possiamo prendere esempio per migliore, e viceversa?
In Italia sicuramente la preparazione è ottima. quello che ho notato però è che spesso si riduce a studiare interi libri e “recitarli” il giorno dell’esame. Parlare di Erasmus significa fare un passo indietro di circa 10 anni. Al tempo rimasi colpito dalla modalità in cui le lezioni venivano svolte, ricche di progetti, esercizi.
Il professore, sempre pronto ad aiutarti, era più al tuo stesso livello. In Italia, secondo me, c’è molto più divario tra studente e professore. In Polonia ad esempio ricordo di aver sostenuto un esame basato su una piattaforma virtuale in cui il team di cui facevo parte, formato da studenti di diversi paesi, doveva virtualmente gestire un’azienda che produceva laptop. Ogni membro del gruppo aveva un compito (Marketing, Finanza, Sales… etc..) e giornalmente dovevamo inserire nel portale virtuale le azioni che volevamo venissero fatte nei giorni successivi. In base al posizionamento dell’azienda dopo 6 mesi rispetto alle aziende degli altri team (formati da altri studenti), si riceveva il voto finale dell’esame. Ci siamo posizionati secondi perché abbiamo perso fatturato a seguito di un’apertura di un negozio in Brasile dove però ci siamo scordati di assumere il personale di vendita. Svolgere esami in questo modo ti permette di interagire con persone del tuo corso, scambiare idee, capire dal punto di vista pratico le azioni e soprattutto le conseguenze di quello che decidi di fare o nel mio caso..ti scordi di fare.
Chiaramente la teoria è fondamentale durante il percorso di apprendimento. Devo essere riconoscente del fatto che sia a Perugia che a Torino ho appreso moltissimo. Ma secondo me se venisse curato di più l’aspetto pratico si avrebbero sicuro risultati maggiori sulla preparazione finale dello studente a fine corso di laurea. Poi, una cosa tutta italiana credo sia la probabilità di essere bocciati in base ai capricci del professore o dell’assistente di turno. Andare a sostenere un’esame sapendo di avere la probabilità di essere bocciato o comunque di ricevere un voto non idoneo alla tua preparazione in base allo stato d’animo del professore non è rassicurante soprattutto considerando che tu sei lì per crearti un futuro ed un giorno in più passato in università è un costo per te o per la famiglia che ti mantiene e soprattutto è un giorno in più necessario per entrare nel mondo del lavoro – dove di per se è già difficile entrare.

Si parla spesso (e a volte a sproposito) della cosiddetta “fuga di cervelli”: te cosa ne pensi? Ti senti uno di loro? Secondo la tua esperienza, quali sono le cause e le possibili soluzioni affinché i nostri talenti non sentano più il bisogno di scappare via?
Per quanto mi riguarda la decisione di andare a lavorare all’estero è stata semplicemente la naturale evoluzione del mio percorso sia di vita che lavorativo. Attualmente la mia fidanzata vive ad Istanbul, io abito in Germania e la mia famiglia in Italia. Questo non mi disturba affatto anzi mi motiva e mi rende felice. Vivere in equilibrio tra 3 nazioni mi piace e mi fa sentire cittadino del mondo. Tutte le volte in cui mi sono spostato non mi sono mai sentito straniero. Mi sono sempre sentito a casa. Le diversità le ho sempre vissute con entusiasmo e mai mi sono sentito isolato. Come già detto, ovviamente i rapporti che lasci con le persone che ti hanno sempre circondato difficilmente sono ricreabili, però questo fa parte del gioco. In Europa si sta lavorando da decenni, anche se con moltissima difficoltà, per creare un mercato unico, una moneta unica e soprattutto libero scambio di capitali, merci, servizi e soprattutto libera circolazione di persone. È su questo che mi piace soffermarmi, la libera circolazione di persone. Purtroppo probabilmente non c’è molta educazione da parte degli stati membri rivolta ai giovani sotto questo aspetto. Ma io la fuga di cervelli, in una visione di globale di interscambio tra paesi, non la vedo. È uno spostamento e dal mio punto di vista è positivo. La domanda che secondo me dovremmo farci è: quanti cervelli in fuga da altri paesi vengono nel nostro paese? Perché alla fine un po’ come la bilancia commerciale ci sono 2 fattori l’import e l’export. Non ho mai sentito parlare di un bilancio finale. Non ho mai avuto modo di leggere notizie relative alla capacità dell’Italia di attrarre giovani.
Non sempre la fuga di cervelli deve essere vista come scelta disperata che deriva da una situazione di disagio nel proprio paese. L’interscambio di persone è fisiologico in un mondo con sempre meno barriere. Nel caso dell’Italia secondo me occorre soffermarsi non solo sulla fuga di cervelli perché alla fine i “cervelli” non esistono solo in Italia. Quindi secondo me bisognerebbe discutere anche sul perché i “cervelli” più preparati e competitivi di altri paesi non scelgono l´Italia. L’Italia purtroppo viene vista come il “Bel Paese” dove poter andare a mangiar bene, a bere vino e stare al caldo. Questo sotto un certo punto di vista gioca a favore di noi italiani, dato che il turismo rappresenta uno spicchio molto importante dell’economia italiana. Sotto un altro punto di vista gioca nettamente a sfavore dato che il “Bel Paese” non viene considerato come meta interessante per investimenti o come luogo dove intraprendere una carriera lavorativa.

Se potessi, cosa cambieresti in Italia e in noi giovani italiani? Parlo di mentalità ma anche di competenze, mi viene da pensare che nel mercato globale ci sia bisogno di giovani che sappiano le lingue e siano tecnologici: secondo te noi italiani possiamo essere competitivi in questo?
Viaggiando mi sono reso conto che il livello di vita in Italia è mediamente alto e di questo me ne sono reso conto solamente dopo aver vissuto in Polonia ed aver visto paesi come la Romania Estonia, Lettonia, Lituania, Ucraina, Serbia, Argentina, Turchia dove in alcune zone vivono in condizioni veramente critiche o quantomeno basiche. Da lì ho iniziato ad aver bisogno di molto meno per essere felice. Ed ho iniziato a riflettere di più si dove indirizzare le risorse disponibili. Anche in Germania, dove gli stipendi medi sono nettamente più alti rispetto all’Italia si fa moltissima attenzione a quanto si spende e come si spende.
In Italia molte cose si danno per scontate. vestiti, cellulare, macchina, vacanze, cene, aperitivi, moto. Ma non e´ poi scontato che in Paesi anche a solo 2 ore di volo queste cose siano possibili. Considerando uno stile di vita del genere come la normalità, effettivamente poi lo stipendio non basta.
Inoltre personalmente non so neanche quanto valga la pena poi dover lavorare per cercare di mantenere uno stile di vita caratterizzato per lo più da beni futili, necessari solo per il “riconoscimento sociale” che viene messo troppo spesso al primo posto. Quindi a volte trovo eccessivo puntare il dito verso l’estero e dire che le cose in Italia non vanno bene e che altrove i giovani riescono a trovare felicità successo e lavoro. Non sono d’accordo nella visione di un estero come una sorta di paese dei balocchi. È sbagliato. Riconoscere ciò che si ha la fortuna di avere, secondo me è doveroso. Da lì dovremmo poi ripartire per capire come poter migliorare senza accanirsi troppo sul problema Italia. Solo che si parla sempre al condizionale o al futuro ma mai al presente. Ed ho la sensazione che questo sia possibile perché in un certo senso ancora in Italia c’è una situazione di agio tale per cui nessuno vuole veramente cambiare le cose o sente il bisogno di farlo. In fondo l’Italia è fatta di italiani quindi se le cose non vanno come vorremmo che andassero, allora un esame di coscienza andrebbe fatto.
Per quanto riguarda l’inglese la situazione sta migliorando, soprattutto tra i giovani dove con l’uso di piattaforme come Youtube o Netflix, la lingua inglese sta diventando più diffusa e soprattutto accettata.
Ovviamente siamo ancora in ritardo rispetto alla media Europea insieme a Francia e Spagna ma spero che vengano prese misure per sensibilizzare gli studenti sull’importanza della lingua inglese. L’Erasmus ad esempio rappresenta uno strumento ideale per poter permettere alle persone di studiare l’inglese e vivere periodi all’estero. In merito alla tecnologia, secondo me, in Italia pur essendo un Paese periferico la situazione è più che soddisfacente. Il costo della telefonia – internet compreso – è basso, i servizi ci sono, l’alta velocità è praticamente presente ovunque. In Germania un contratto per telefonia mobile con 6 giga per navigare lo paghi 40€. Con una compagnia lowcost, 10 GB li paghi 30€.
In Italia oggi “navighiamo” con la fibra ottica. I tedeschi che prendo come riferimento dato che sono una delle economie più forti al mondo, invece, utilizzano ancora cavi in rame. Durante lo scorso decennio, a differenza di altri Paesi, Italia compresa, la Germania non ha installato la fibra visti gli enormi costi che avrebbe dovuto sostenere data la vastità del territorio ed una popolazione equamente distribuita. Questo ha portato alla scelta di aggiornare la rete già esistente in rame invece che investire in cavi in fibra ottica. Il prezzo lo pagano oggi dal momento che le velocità ridotte stanno ostacolando la digitalizzazione delle aree industriali che impattano di conseguenza sulla fornitura di prodotti e servizi al consumatore finale. In Italia, come al solito, rispetto alla media europea non siamo messi bene. Però sono ottimista perché, come appena detto, almeno le infrastrutture ci sono.

Una domanda più personale – lasciare l’Italia, partire e andare lontano, conoscere popolazioni, culture estranee: cosa ti spinge ogni giorno ad affrontare le tue paure e ad alzare sempre di più l’asticella? Sei alla ricerca di una posizione lavorativa sempre più di rilievo oppure è una “vocazione” personale?
Entrambe le cose. Ho avuto la fortuna di intraprendere un percorso che mi motiva sia a livello personale che lavorativo. Ho deciso di viaggiare perché secondo me è il miglior modo per investire tempo e denaro, in più sono riuscito a trasformare questa mia “vocazione” in lavoro. Sono in costante competizione con me stesso. Una competizione sana che mi porta ad alzare costantemente l’asticella per evitare di rimanere impantanato in una zona di comfort che sinceramente mi spaventa. Si ha paura principalmente di ciò che non si conosce, io le mie paure le ho trasformate in curiosità. D’Annunzio scrive: “Non è mai tardi per tentar l’ignoto, non è mai tardi per andar più oltre”. Questa è la frase che mi motiva e che mi piace ricordare perché che cosa c’è di più bello che vivere con l’adrenalina e la volontà smodata di scrivere nuovi capitoli della propria vita per poi guardarsi indietro ed essere consapevoli ed appagati della strada percorsa, delle difficoltà superate e degli obiettivi raggiunti?

Per concludere: quali sono i tuoi prossimi progetti? Hai in programma di tornare presto in Italia, sfruttando magari le tue competenze e il tuo talento accresciuto dalle molteplici realtà di vita conosciute, per migliorarla e aiutarla nella crescita?
Al momento non ho preso in considerazione di tornare in Italia. Vivere in Germania mi permette di apprendere una lingua abbastanza complicata ma molto utile a livello lavorativo pensando anche ad eventuali futuri spostamenti all’interno dell’area DACH. Quindi per ora mi interessa rimanere qui per continuare ad accumulare esperienza utile per avanzamenti di carriera futuri. Sicuramente sarebbe interessante poter contribuire alla crescita delle aziende italiane soprattutto all’estero e non nascondo che mi capita spesso di pensarci. Il potenziale delle aziende italiane è enorme e mi piacerebbe essere tra coloro i quali hanno contribuito al loro sviluppo. La realtà italiana è composta però per la stragrande maggioranza da aziende medio/piccole e non so quanto queste aziende siano preparate o quantomeno orientate al cambiamento. Da sempre il made in Italy, sinonimo di qualità e di unicità, è stato uno dei fattori chiave del nostro paese. Sfortunatamente però le piccole e medio imprese che caratterizzano la rete di aziende italiane non riescono ad essere competitive in un contesto globale. Il mercato mondiale è una risorsa preziosa che dovrebbe essere sfruttata in pieno dalle aziende del nostro territorio.
Per le aziende esportare significa avere la possibilità di crescere. Il problema è che le piccole aziende italiane, viste le dimensioni, non hanno gli strumenti per potersi ritagliare fette di mercato in altri paesi. Negli ultimi anni l’errore più grosso è stato quello della mancanza di investimenti sia da parte delle aziende sia da parte del governo. In particolare bassa spesa in ricerca e sviluppo e continui tagli all’istruzione…senza parlare dei gravi problemi legati alle infrastrutture, fattore chiave per la competitività delle aziende e la crescita economica di un Paese.

 

Intervista a Clarica Antonacci, insegnante di Inglese a Krasnodar (Russia)

Questo mese, prima della pausa estiva, abbiamo deciso di spostarci un po’ più in là e volare in un Paese forse non poi così lontano, ma che in pochi conoscono davvero, o “dall’interno”, oseremmo dire. Siamo infatti volati in Russia, e più precisamente in una delle sue città più a ovest, Krasnodar. Lì, virtualmente, s’intende, abbiamo avuto il piacere di conoscere Clarica, ventisettenne originariaa della provincia di Roma (Artena), e oggi insegnante di inglese in Russia. Di lei ci colpisce subito l’esuberanza, la voglia di fare e d’imparare sempre cose nuove, e un grande spirito di squadra che, ci dice, è la sua preziosa eredità dopo più di un decennio passato tra studi e pallannuoto. 

Curiosi? Beh, cominciamo!

 

Ciao Clarica! Sappiamo che sei un insegnante di lingua inglese in Russia, ma partiamo dall’inizio: come e quando sei arrivata a Krasnodar? Faceva tutto parte di un tuo piano ben progettato oppure quella di partire è stata più una necessità? O magari ci ha messo lo zampino il caso?

Dopo una laurea triennale in mediazione linguistica, non sapevo veramente cosa fare. Sapevo solo di avere tanta voglia di andar via dall’Italia non per una questione di repulsione verso il mio bel paese, ma più per uno spirito di avventura che non mi ha mai abbandonato fin da quando per la prima volta ho messo piede fuori dai confini italiani. La sensazione provata anni prima, durante il mio primo viaggio “away” mi ha fatto innamorare di quell’ansia che ti viene quando vai verso un qualcosa di ignoto. 

Ora mi trovo a Krasnodar, una città che si trova al sud-ovest della grande Russia, dove sono un’insegnante di inglese (principalmente inglese ma poi anche italiano e spagnolo) e vivo qui da già più o meno 2 anni.

A Krasnodar sono arrivata per così dire, per caso. Come ho già anticipato, dopo la laurea triennale ho deciso di viaggiare all’estero ma sono andata verso un porto sicuro, che era Buenos Aires, dove ho vissuto un anno della mia vita durante uno scambio culturale il quarto anno del liceo. Qualcuno potrebbe chiedersi come mai chiami Buenos Aires un “porto sicuro”?! Perchè lì i ho una famiglia nella quale ho vissuto per un anno, che mi ha adottata come figlia, che mi ha appoggiato nella ricerca dell’ipotetico lavoro che stavo cercando li. Purtroppo la fortuna non è stata dalla mia parte in quell’occasione oppure le tempistiche erano sbagliate, oppure più semplicemente la mia preparazione non era davvero all’altezza. Fatto sta che dopo un bel fiasco nella ricerca del lavoro, sono tornata a casa, come si è suol dire “con la coda tra le gambe” avendo però arricchito il mio bagaglio personale con una serie di NO che nella vita fanno sempre bene. Così, tornata in madre patria, ho cercato di dare un senso agli studi fatti e, avendo studiato la lingua russa all’università, mi sono prefissa di cercare una maniera costruttiva per mettere in atto quel poco di russo che avevo effettivamente imparato (il russo è una delle lingue più complicate al mondo, dopo 3 anni di studio sapevo solo dire pochissime cose in russo).  E così, sotto consiglio della mia mia migliore amica, sono andata a consultare il Centro Informazione Giovani presso l’ufficio di Roma che si trova a Testaccio, dove mi hanno informato sulla possibilità di effettuare un’esperienza SVE, il servizio di volontariato europeo e parte di Erasmus+ (EVS in inglese, European Volounteering Service).

Dopo poco, circa 4 mesi, ho fatto richiesta per partecipare a uno di questi programmi che si teneva a Krasnodar, per la durata di sei mesi. In tutta onestà, direi che questi sei mesi SVE non sono proprio stati un’esperienza produttiva: l’ONG ospitante, infatti, dovrebbe organizzare bene tutte le tue attività, ma la mia è stata gestita, come si suol dire, un po’ “alla bell’e meglio” e dopo sei mesi ancora non mi sentivo realizzata a pieno. Sicuramente le mie conoscenze della lingua russa sono notevolmente incrementate, ma ancora non erano soddisfacenti. Quindi, la suddetta ONG mi ha aiutato a cercare un lavoro qui, e ho trovato una scuola di lingue che fosse in grado di fornirmi di un visto lavorativo e, dopo una lunga attesa per la preparazione dei documenti sono ripartita di nuovo per la stessa città, pronta ad iniziare questa nuova esperienza.                                               

In tanti mi hanno chiesto perché proprio la Russia, perché non potessi fare questo lavoro in Italia. Beh la verità è che per poter insegnare in Italia si ha bisogno di una specializzazione che non ho mai preso, e inoltre, avevo ben in mente il mio obiettivo: imparare il russo. In più, non avevo ancora ben chiaro cosa volessi fare del mio futuro. Non ho voluto continuare con gli studi universitari perché non ho riscontrato in nessuna specialistica qualcosa che davvero mi interessasse, quindi mi sono detta, perché non partire?!

Parliamo allora del tuo lavoro: di cosa ti occupi precisamente, nell’area dell’insegnamento? In confronto all’Italia, a Krasnodar il lavoro è strutturato diversamente? Penso ad orari di lavori flessibilità, alla meritocrazia, alla responsabilità, o anche alla possibilità di emergere e far carriera nonostante la giovane età… dicci di più.

Il lavoro qui è pesante, e all’inizio non mi aspettavo tutto ciò. Poco dopo aver iniziato, mi sono subito resa conto delle difficoltà che avrei potuto riscontrare, non potendo quasi mai usare l’aiuto della mia lingua, e usando due lingue che non sono le “mie”. Alla fine delle giornate sono sempre molto stanca, ma realizzata perché si, è molto bello vedere nei volti degli studenti il crescere delle loro conoscenze linguistiche e della loro autostima nel comunicare con me.

Qui gli stranieri sono considerati i migliori insegnanti che uno studente possa avere ed anche la scuola acquista molta più credibilità. Diciamo che sono considerata da tutti l’insegnante madrelingua di questa scuola, nonostante non lo sia. Con il tempo il mio orario di lavoro è andato aumentando sempre più fino ad avere giornate lavorative che vanno dalle 10 alle 12 ore lavorative. Lo so, è assurdo e disumano, ma cosa potevo fare?! Dire di no a nuovi studenti? Sono sempre stata una gran lavoratrice quindi sono sempre riuscita a portare a termine le mie giornate lavorative senza far notare agli studenti la mia stanchezza, emanando positività ed energia.

Nel tuo caso: quali sono le reali opportunità che hai potuto cogliere fuori dall’Italia? A tuo parere l’estero offre veramente così tante opportunità da spingere i giovani a mollare tutto, oppure quella di partire è più una vocazione personale? 

Il lavoro d’insegnante è il primo vero lavoro che ho. Ho sempre lavoricchiato durante gli studi, ho fatto la cameriera qui e lì, ma la verità è che l’opportunità che ho trovato qui, in italia non avrei potuto averla. Non solo per il lavoro, che in ogni caso non avrei potuto fare in Italia per via della specializzazione che non ho, ma anche per un bagaglio linguistico e culturale che nessun altro posto avrebbe potuto darmi. Inoltre, qui “lo straniero” insegnante è molto apprezzato. Ho tanti studenti e sono tutti lieti di poter studiare con me, mi fanno regali nelle ricorrenze, sono molto, molto affettuosi.

Personalmente io sono sempre pronta e ben lieta di fare le valigie, lasciare tutto e partire, ma ciò non significa che tutto sia sempre rose e fiori all’estero. Spesso ti trovi ad affrontare diverse difficoltà che, stando soli, sembrano immense da affrontare e risolvere. Vivere da soli all’estero significa lasciare ogni sicurezza a casa propria, ed andare verso l’ignoto che potrebbe anche non essere così piacevole. Si deve essere pronti a smussare gli angoli del proprio carattere, il paese dove ti trovi non è il tuo, gli la cultura in cui ti trovi e con cui ti relazioni, non è uguale alla tua. E sei tu a doverti adattare, non loro. Quindi, prima di partire bisogna chiedersi se davvero si è disposti a scendere a compromessi anche con, a volte, sani principi personali.

E sempre parlando di lavoro, sappiamo che dopo un anno di studi in Argentina hai provato a cercare fortuna anche lì. Raccontaci meglio com’è andata. L’Italia, la Russia, l’Argentina… potresti aiutarci a fare un confronto tra queste esperienze così lontane tra loro – almeno geograficamente – che hai avuto?

L’argentina è stata la mia prima esperienza lunga fuori dall’Italia. Lì ho una famiglia che considero la mia e delle amiche con le quali sono in contatto costantemente. L’argentina nei miei ricordi ha due facce. Sicuramente il gran bel paese, simile culturalmente al nostro, che mi ha dato tantissimo a livello umano. Li sono stata un anno durante gli studi secondari e quella credo sia stato il viaggio che davvero mi ha sempre stimolato ad andare a cercar fortuna fuori dall’Italia. Quando ho finito l’università avevo fretta di partire e sono quindi tornata li, nella stessa famiglia, nella stessa città (Buenos Aires), e dopo sette anni che non vedevo tutti i miei cari, l’emozione provata è stata immensa. 

Le esperienze che ho avuto all’estero sono completamente diverse tra loro per diverse ragioni. Prima di tutto l’Argentina è molto simile alla cultura e alle abitudini italiane, tra l’altro sapevo che avrei avuto intorno visi amici che mi avrebbero aiutato (anche se invano) a cercare un lavoro. Purtroppo l’Argentina è molto simile all’Italia anche sotto il punto di vista lavorativo. Pensavo che una volta laureata sarebbe stato facile trovare un lavoro come insegnante all’estero ma tutti erano li a chiedere più esperienza sul campo, che non avrei mai potuto fare se non lavorando. 

La Russia, invece, è stata un’esperienza completamente differente. Lo straniero che vuole insegnare è visto come la miglior possibilità per imparare l’inglese. Il mio capo e le colleghe sono sempre la prime che mi chiedono consigli e la squadra che si è creata è del tutto armonica. Mi sono però trovata ad affrontare differenze culturali molto grandi. C’è una forte intolleranza verso l’omosessualità o verso la forza che la donna può avere, una forte ignoranza sull’educazione ambientale. Questi tre temi per me sono le basi della mia educazione personale. E proprio su questi tre temi ho basato la mia scelta di non rimanere in Russia tutta la vita, solo quanto basta per poter imparare la lingua e prendere il positivo da questa esperienza, senza curarmi dei pensieri (a volte a mio parere parecchio arretrati) della maggior parte dei russi.

Sulla base di quello che ci stai raccontando, qualcosa sulla tua vita in Russia: com’è realmente vivere a Krasnodar, quali sono le difficoltà che affronti ogni giorno in questa nuova vita così lontana da casa? Come expat italiana ti senti ben accolta, oppure ci sono dei pregiudizi che hai dovuto superare?

La vita in Russia ha i suoi pro e contro, ovviamente. Come gia detto, mi sono trovata a scontrarmi molto contro persone che non vogliono accettare diversi punti di vista, secondo molti l’omosessualità è un’epidemia che va stroncata semplicemente mettendola fuori legge. In linea di massima ho sempre cercato di mantenere un basso profilo sull’esprimere la mia opinione ma quando mi si chiede io non riesco a trattenermi, dico la mia e discuto con la gente. L’obbiettivo primario di molte ragazze è quello di cercare un buon marito che possa mantenerle e con il quale creare una famiglia. Molte persone mi chiedono come mai alla mia età non sono ancora sposata. Questa anche è una parte della mentalità russa conservatrice che non riesco a comprendere, e quindi spesso mi limito soltanto a non parlare del tema a meno che non venga interpellata specificatamente. Non posso però fare di tutta l’erba un fascio. Ho conosciuto anche persone aperte ad essere indipendenti, ben consapevoli che l’omosessualità non è una malattia e che la donna ha la stessa forza di ogni altro uomo in circolazione.

Essere stranieri qui stimola sempre tante domande, i Russi sono molto curiosi di sapere perché la Russia, perché proprio Krasnodar. Direi che non è un valore aggiunto essere italiana ma lo è essere europea. Non solo a livello lavorativo ma anche a livello umano. Tutti vedono l’Europa come il punto di maggiore crescita mondiale culturale, vorrebbero avere la possibilità di emigrare in Europa, molti pensano che ovunque sia meglio di qui.

In merito alla fuga dei cervelli, ti senti anche tu un cervello in fuga? Secondo te perché oggi i giovani italiani preferiscono spendere le proprie competenze e professionalità altrove? Dov’è che l’Italia sta sbagliando, e cosa si potrebbe fare per invertire questo processo?

o credo che molti italiani vadano a cercare fortuna all’estero perché spesso l’Italia non fornisce le giuste prospettive di futuro a giovani laureati ben qualificati che, se rimanessero in Italia verrebbero sottopagati e quindi sfruttati da un sistema che sotto certi aspetti è marcio alla radice. Purtroppo in Italia si sceglie troppo spesso di investire sulle cose sbagliate e questo porta molti giovani a decidere di prendere in considerazione opportunità all’estero alle quali è difficile dir di no, viste le prospettive di un futuro quasi sempre instabile in Italia. Tuttavia, io non mi classifico come un cervello in fuga: io ho sempre avuto ben chiaro di voler affrontare una forte esperienza all’estero per acquisire quei “più” che poi mi avrebbero aiutato nella ricerca di un roseo futuro in Italia. Sicuramente i primi da ringraziare sono i miei genitori che per primi hanno visto nelle mie esperinze all’estero una buona possibilità di ampliare i confini della mia mente e di imparare vivendo.

Hai già piani per il futuro e, magari, tornare un giorno in Italia?

Il mio piano fin dall’inizio era di imparare il russo qui e allo stesso tempo lavorare per poter pagarmi da sola la vita qui, ma poi tornare e cercare qualcosa che davvero mi stimoli. Mi piace insegnare, ma fin da quando ho iniziato sapevo di non volerlo fare per tutta la vita. È per questo che con piacere posso affermare di aver ricevuto un’ottima offerta di lavoro in Italia, in un campo del tutto nuovo e che mi ha fatto tornare la voglia di fare le valigie e andare ancora una volta verso l’ignoto. 

Per concludere: puoi anticiparci qualcosa sul tuo prossimo lavoro? 

Come dicevo, il lavoro che andrò a fare sarà del tutto nuovo, dovrò prima di tutto imparare a farlo e c’è sempre la possibilità che non mi stia addosso. È l’ennesima prova che voglio sottoporre a me stessa, per vedere chi veramente sono, quanto davvero io possa essere malleabile e quanto riesca ad adattarmi ad una nuova avventura che sicuramente sarà diversa e quindi difficile come tutte le altre che ho avuto. Per non portarmi sfortuna da sola non aggiungo altro… E grazie per l’opportunità che mi avete dato di raccontarmi!

Intervista a Laura Palazzetti, studentessa a Londra in Immigration Law: “Il problema italiano non è il movimento di cervelli, ma il fatto che non riusciamo ad attrarne degli altri”

Londra, terra di giovani expat per eccellenza. Questo mese noi di The Italians siamo tornati – telefonicamente parlando – nell’amata Inghilterra, dove abbiamo conosciuto e scambiato opinioni con Laura Palazzetti, perugina classe 1991 attualmente iscritta al corso post laurea in Diritto dell’immigrazione alla Queen Mary University.

Dopo una laurea in giurisprudenza e un anno e mezzo di pratica in uno studio legale della sua città, Laura ha trovato la sua strada:

“Sono sempre stata attratta dai diritti umani – ci racconta – da qui la decisione di un master così specifico. Ma sono iniziate subito le difficoltà: in Italia ci sono veramente pochi corsi dedicati al diritto dell’immigrazione, il che è paradossale visto il momento storico che stiamo vivendo…”

E quindi, cos’è successo?
Ho iniziato a fare una ricerca in internet, mi segnavo tutte le università che prevedessero un LLM in Immigration law. In Olanda, in Belgio e in Inghilterra ovviamente. Ho scelto quest’ultima, sono arrivata a Londra lo scorso maggio perché il master sarebbe iniziato a fine settembre e prima bisognava affrontare la fase di selezione e ammissione. Per fortuna è andato tutto bene, sono molto soddisfatta della mia scelta. Ci tengo a sottolineare che non sono scappata dalla mia città o dal mio paese, semplicemente in quel momento non c’era quello che cercavo.

Raccontaci qualcosa del mondo universitario inglese: com’è strutturato il master? Che clima si respira?
Premetto che nel mio corso sono l’unica italiana, ci sono studenti che veramente vengono da tutte le parti del mondo. Sono principalmente francesi, canadesi, cinesi e anche indiani. L’università ti permette di scegliere le materia da seguire, che sono comunque sei per tutto l’anno. Anche le ore di lezione sono pochissime, massimo otto a settimana perché il resto del tempo è dedicato ad eventi attinenti le materie scelte ed organizzate dall’università stessa. Il resto del tempo lo impieghiamo in micro-progetti, come presentazioni e ricerche. È un sistema molto dinamico, partecipativo ed inclusivo, soprattutto.

Avendo studiato sia in Italia che in UK, potresti aiutarci a fare un confronto tra i sistemi educativi e scolastici di questi due paesi?
Il modello inglese è completamente diverso da quello italiano. È una differenza fondamentale, di livello concettuale: in Italia si va a lezione per imparare un argomento, qui è l’esatto opposto. Una settimana prima delle lezioni i docenti ci mandando per mail il materiale da studiare, e a lezione loro si limitano a riassumere i punti salienti della materia che abbiamo già studiato autonomamente a casa, e poi c’è il dibattito tra studenti. Siamo chiamati ad interagire costantemente, cosa che non mi era mai successa finora. A Londra ho avuto fin da subito l’impressione che la mia opinione contasse.

Quali sono le difficoltà più grandi che uno studente italiano si trova ad affrontare in un’università di un altro paese, nel tuo caso l’Inghilterra?
Oltre ad una lingua nuova da imparare, ci sono tutta una serie di difficoltà che in Italia non siamo stati abituati nemmeno a considerare. Nel mio caso – così come nella maggior parte delle università umanistiche – bisogna considerare la questione “esami”: qui sono quasi tutti scritti, sono lavori di ricerca e di approfondimento anche “sperimentale”, mentre in Italia sono quasi tutti orali e per lo più nozionistici. Sto facendo molta fatica perché in cinque anni di università italiana non ci hanno mai fatto scrivere mezza parola, e farlo adesso per la prima volta e per di più in inglese è abbastanza difficile. Ma da una parte credo sia meglio, perché si tratta di una valutazione molto più oggettiva.

Questa è la tua prima esperienza da studente all’estero, ma non la prima da lavoratrice. E nemmeno la prima a Londra!
Esatto, già nel luglio del 2016 mi ero trasferita qua per fare dei corsi di lingua e lavorare contemporaneamente. Questo perché, subito dopo la laurea, mi ero accorta di non saper parlare adeguatamente l’inglese, una carenza che riscontro in tanti altri coetanei italiani. Così ho deciso di approfittare del momento di “crisi” post laurea e di trasferirmi a Londra: ci sono rimasta fino al febbraio dell’anno successivo, tra un lavoro e l’altro. Il primissimo colloquio l’ho fatto otto giorni dopo essere atterrata, come commessa e cassiera in un negozio di souvenir. È stata una bella esperienza, utile soprattutto: ho scoperto che l’inglese che studiamo a scuola non è quello che parlano in Inghilterra, e per me è stato abbastanza uno shock.

A proposito di lavoro, è vero quindi che a Londra ci sono tante più occasioni che in Italia? Quali sono i vantaggi e gli svantaggi di questa situazione?
Assolutamente si, a Londra si trova lavoro immediatamente e con molta facilità. Questo perché c’è dietro tutto un mondo che funziona bene: ci sono tantissime app per il cellulare dedicate al lavoro e qui i centri per l’impiego funzionano davvero. Idem con le società di recruitment, basta iscriversi e sono loro poi a gestire la tua ricerca lavorativa. Ovviamente è un bene per chi, come è stato nel mio caso, cerca un lavoro “qualunque”; non so come sia la situazione per delle professioni specifiche.
Però ti posso dire una cosa: adesso che sono nel mondo universitario, vedo che anche in questo ambiente c’è grande attenzione alla ricerca del lavoro alla fine del corso. L’università stessa seleziona gli incontri, ti aiuta a creare contatti e a scrivere la cover letter, che qui è molto più importante del curriculum vitae. Ed è un lavoro che fanno di gruppo ma anche individualmente, studente per studente. Per esempio adesso, grazie all’università, sto facendo un internship con Edal (European Database of Asylum Law): mi occupo di database in merito alle sentenze del diritto di asilo. Sinceramente, mi aspetto tante altre esperienze del genere da qui fino alla fine del master.

Una domanda che ti riguarda in più ambiti. Senza scadere troppo nel dibattito politico, cosa ne pensi della situazione attuale dei migranti in Italia?
Dirò solo che mi ritengo fortunata a leggere le notizie dell’Italia da lontano. Sono molto passionale e appassionata al tema, quindi una certa lontananza geografica mi aiuta.
Quello che noto, leggendo i quotidiani italiani e monitorando i social network, è che vengono riportate notizie senza dati, che è la cosa più grave che si possa fare per capire quello di cui si sta veramente parlando. Penso che non sia un problema solo italiano quello di accumunare il tema della migrazione a quello della criminalità, tanto che in Inghilterra esiste addirittura il termine che unisce le due parole, “crimmigration”. Ma da noi la questione è ingigantita a livello preoccupante.

Da italiana residente in Gran Bretagna, uno dei temi più importanti di questi giorni è il Brexit. Cosa cambia per voi italians?
Ah la Brexit, se ne parla davvero moltissimo qua, tutte le prime pagine dei quotidiani sono su questo, è all’ordine del giorno. Ovviamente ognuno da la propria opinione personale e la propria interpretazione, ma alla fine dei conti se ne sa poco. Siamo in attesa anche noi di notizie, ma in generale nella vita di tutti i giorni non si percepisce questo cambiamento imminente. Quello che è veramente interessante è la quantità di incontri e convegni che vengono organizzati sul tema: si tratta comunque di un cambiamento epocale, e se si considera la questione da un lato puramente intellettuale diventa una vicenda molto stimolante. C’è questo fermento culturale, un grande movimento di studiosi, ricercatori, attivisti e professionisti di ogni genere che si vedono per parlarne e studiarne cause e conseguenze. A prescindere da questo, personalmente la vedo un po’ come una sconfitta, sia se sarà una soft Brexit che un hard Brexit. Significa che tanto la Gran Bretagna quanto l’Europa non hanno avuto la forza negli anni passati di gestire questa situazione, e ora si cerca di rimediare in qualche modo.

Concludendo: in merito alla fuga dei cervelli, secondo te perché oggi i giovani italiani preferiscono spendere le proprie competenze e professionalità altrove? Dov’è che l’Italia sta sbagliando, e cosa si potrebbe fare per invertire questo processo?
Partiamo dal termine “cervelli in fuga”: innanzitutto non mi considero in fuga, perché non sto scappando da niente e andarmene è stata una mia libera scelta. Semmai sono un “cervello in ricerca”, sono un’emigrata fortuna che cerca di crearsi un background di conoscenza in materia di immigrazione. A Londra ho trovato quello che stavo cercando e a Londra mi sono fermata. Proprio non capisco il significato di questa espressione, la gente si sposta da sempre. Il problema italiano non è il movimento di cervelli, quanto piuttosto il fatto che lasciamo andare via tutti ma non siamo in grado di attrarre nessuno. Ben venga che le persone si spostino, ma bisognerebbe compensare in qualche modo. L’Italia dovrebbe essere in grado di offrire quello che offrono gli altri paesi: più tipi di formazione e specializzazione, un nuovo regolamento per il mondo lavorativo, più opportunità e più competitività anche a livello economico, perché per lo stesso lavoro veniamo pagati di meno in Italia rispetto che a Londra, tanto per dire. Dobbiamo puntare ad essere un paese meritocratico, dove le persone competenti fanno il proprio lavoro e dove ci sono possibilità di crescita sia personale che professionale. Una volta raggiunto questo obiettivo non abbiamo più nulla da invidiare agli altri, anzi!

Intervista ad Angelica Paolieri, italians a Madrid: «La fuga di cervelli? Vogliamo solo essere riconosciuti come professionisti»

Per l’Italia, la Spagna è quasi una sorella. O una cugina di primo grado, insomma, una di quelle persone con cui cresci per tutta una vita prima di diventarci inesorabilmente amiche. Il clima così simile e accogliente, una lingua che sembra risuonare conosciuta nelle orecchie, i sorrisi aperti e, soprattutto, la vicinanza culturale e fisica verso casa.

Quando dici Erasmus mediamente sei italiani su dieci pensano alla Spagna, e così è stato anche per Angelica Paolieri, 32 anni nata e cresciuta a Città di Castello (in Umbria). Ma nonostante questo, per lei arrivare a Madrid è stata prima di tutto una scelta e una necessità: «Avevo già maturato l’idea di allontanarmi dall’Italia e, poiché avevo già studiato e vissuto in Spagna, ero decisa a tornare qui. All’inizio avevo escluso come possibili mete sia Madrid che Barcellona, non mi attraeva il pensiero di vivere in città molto grandi. Ma nella vita mai dire mai e così, seguendo il corso degli eventi, due anni fa sono finita proprio a Madrid. A parte qualche piccolo aggiustamento di abitudini, come calcolare 30 minuti di tragitto per arrivare puntuale a qualsiasi appuntamento, la vita a Madrid non è molto differente dalla mia cara provincia umbra.».

Lontano dai cliché e dalle consuetudini imposte, la quotidianità in Spagna è stata una vera sorpresa per Angelica. Soprattutto per la burocrazia, invece uno dei tasti dolenti italiani: «Non riuscivo a crederci all’inizio, ma qui è veramente tutto molto più semplice e agevole rispetto che in Italia – racconta – esistono applicazioni per qualsiasi cosa, sia per prendere appuntamenti dal proprio medico di famiglia che per fare ogni tipo di documento. In questo modo eviti che ci siano ritardi o code, almeno nella maggior parte delle volte».

Anche a livello lavorativo la capitale della Spagna è stata una scoperta: «Qui è tutto molto più rapido e snello e, per chi ha voglia di coglierle, ci sono molte opportunità per fare carriera. Quando sono arrivata ho subito trovato lavoro e, anche se non era quello per cui avevo studiato, ho accettato per imparare e conoscere le persone, la cultura, la città. Certo – prosegue Angelica – non in tutta la penisola le condizioni lavorative sono le stesse, ma a Madrid c’è molto ricambio di gente e lavoro». 

Ma facciamo un passo indietro. Per l’intervista di aprile niente domande scritte: con la nostra italian del mese Angelica abbiamo parlato di giovani, opportunità lavorative, formazione e – ovviamente – della cosiddetta fuga di cervelliUna sorta di flusso di coscienza alla James Joyce, per intenderci, condita di suggerimenti e anche un po’ di nostalgia. La sua è una storia di coraggio, una di quelle dove anche solo per muovere un passo e iniziare a camminare verso i propri obiettivi bisogna crederci con tutte le proprie forze.

Attualmente, Angelica lavora nel campo della moda e del design a Madrid, dove si occupa di consulenza di immagine in una gioielleria nel distretto commerciale di lusso, scrive contenuti per marchi e riviste del settore, collabora con un profumiere artigianale e con un’agenzia di comunicazione e disegno. «Ho molti progetti in cantiere, anche se riguardano tutti Madrid per il momento – aggiunge, una nota di rammarico nella voce – a livello formativo ho iniziato un corso organizzato da una famosa rivista di moda per specializzarmi nel personal branding, mentre a livello lavorativo assessoro imprese che vogliono entrare nel mercato spagnolo».

La sua vita in Italia, prima, era molto diversa: dopo aver conseguito la laurea in Giurisprudenza, Angelica ha lavorato in uno studio legale come praticante e poi come avvocato. Ma la passione per la moda le è stata sempre accanto in questo percorso, tanto da farle scrivere una tesi di laurea magistrale incentrata sul contratto di franchising comparato tra Italia, Francia e Spagna.

Per reinventare se stessa e realizzarsi completamente, Angelica ha dovuto cambiare paese: «Sono partita con la voglia di uscire dalla mia zona di comfort e di seguire la mia vocazione personale – spiega la nostra italian del mese – ero abituata ad una professione fatta seduta sulla sedia e china alla scrivania, ma adesso sto imparando a gestire una nuova vita composta da più attività, più moderna, una vita concreta e possibile perché qui la flessibilità oraria e soprattutto quella mentale è considerata fondamentale». 

Il filo rosso di tutte le sue esperienze fuori dall’Italia è sempre stata la Spagna, quasi un porto sicuro dove tornare, riempire di nuove conoscenze il proprio bagaglio e quindi ripartire nuovamente. La prima esperienza lontana da casa è stata a 14 anni in Olanda con uno scambio culturale, poi l’Erasmus a Siviglia, poi Strasburgo per l’Erasmus Placement e quindi di nuovo la Spagna con un master all’università di Salamanca in Diritto spagnolo per giuristi stranieri.

«A livello di competenze noi italiani non abbiamo nulla da invidiare agli altri – commenta ancora – quello che manca al sistema universitario italiano è la pratica, una proiezione verso il futuro fuori dalle aule. Studiamo molta teoria e quando ci laureiamo alla  fine siamo pieni di nozioni, anche se poi magari troviamo difficoltà a fare una fattura o scrivere una lettera».

La soluzione ideale? Una mediazione tra diversi sistemi di formazione, anche se per essere competitivi nel mercato globale non è ancora sufficiente: «Dobbiamo puntare di più sulla conoscenza delle lingue straniere e sulle competenze tecnologiche – suggerisce Angelica – e forse dovrebbe essere obbligatorio fin dal percorso scolastico inserire almeno un’esperienza all’estero. Perché è veramente importante entrare in contatto con una lingua straniera fin da giovani, non come materia da studiare, ma come strumento di comunicazione e di confronto».

Un dialogo a più voci e a più lingue consentirebbe forse all’Italia e ai suoi giovani di sentirsi parte di un mondo che gira intorno a loro e che cambia ad ogni battito di ciglia, e la possibilità di esprimersi frenerebbe forse l’allontanamento (volontario e non) di così tante persone. «La fuga dei giovani italiani dipende dalla nostra voglia di essere riconosciuti come professionisti – conclude Angelica Paolieri – il mercato del lavoro e le istituzioni italiane tendono a vederci come una risorsa da cui attingere e non su cui investire. Passiamo anni a collezionare titoli, passando per lunghi tirocini per arrivare poi, se tutto va bene, alla firma di un contratto di lavoro imbarazzante. Eppure abbiamo ancora voglia di provarci, molto da offrire e voglia di rimanere».
Alle giuste condizioni.

Fratellastri d’Italia

Da qualche anno non si fa che parlare di questi italiani all’estero: c’è chi parla di fuga di cervelli, chi dice che l’Italia sta meglio di loro; c’è chi racconta che vivere all’estero è bellissimo e chi dice che non ne vale la pena. Intelligenti, volenterosi, bamboccioni, coraggiosi, traditori della patria: quante etichette ci hanno forzato addosso il giornalista o il politico di turno. A me però le etichette non piacciono, quindi scrivo questo post nella speranza di darvi un’opinione sull’argomento che sia la più onesta possibile.

Allora chi sono questi italiani all’estero? Sono davvero il meglio o il peggio dell’Italia?

Per esperienza personale, posso dirvi che sono entrambi. Ci sono neolaureati in ricerca di un lavoro dove possono applicare le loro conoscenze e appagare le loro ambizioni e ci sono poi coloro che vengono pensando di trovare quel sogno americano in Europa che molti giornali sono così intenti a propagandare. Anche io, come molti, prima di trasferirmi in questa grande isola, la vedevo esattamente così. Me la immaginavo pulita e ordinata, con persone rispettose delle regole e con i servizi pubblici funzionanti alla perfezione.

La realtà che ho trovato, al mio arrivo, è stata un po’ diversa. La Londra di cui ho sentito così tanto parlare è come un sogno che sta svanendo, un ricordo che ha lasciato il posto a una città sovrappopolata e carissima, dove gli autoctoni vengono spinti in periferia all’aumentare dei prezzi delle proprietà, mentre noi immigrati lavoriamo spesso più di 45 ore a settimana per poterci permettere appartamenti condivisi con sconosciuti e infestati da topi. Un incubo più che un sogno, direte voi. Allora perché sempre più giovani abbandonano l’Italia per trasferirsi nel Regno Unito?

Vivendo in questo paese ho imparato, tra le tante cose, che la realtà è sempre più complicata di quello che ci vogliono far credere. La verità è che se vai all’estero solo per una questione lavorativa, spesso non ne vale la pena, come raccontano tanti expat rientrati in patria. Si, perchè la qualità della vita che l’Italia può offrirti (la dieta mediterranea e il clima mite), la trovi raramente altrove. Perchè pochi lavori valgono il freddo, il cibo scadente, le distanze e la solitudine che viviamo.

Personalmente, ci sono tantissimi motivi dietro la mia scelta di lasciare l’Italia. La paura del diverso, le discriminazioni, l’apatia sociale e l’eccessiva importanza che si da all’apparenza. Insomma, tutti quegli argomenti di cui ho gia parlato (o di cui parlerò presto) e che mi impediscono di immaginare di vivere nella mia terra natia.

Spesso non si capisce che l’esodo dei giovani italiani ha più a che fare con i demeriti dell’Italia piuttosto che i meriti dei paesi stranieri. Il nostro sistema scolastico, per quanto valido sotto molti aspetti, non ci prepara affatto al mondo del lavoro. La realtà che un giovane laureato si trova davanti è fatta di tirocini non pagati, contratti “part-time” che ti richiedono più di 40 ore alla settimana, stipendi da fame che devi accettare, visto che “stai imparando”. E se rifiuti, allora ti chiamano bamboccione, sfaticato e perfino presuntuoso.

Si dice che ammettere l’esistenza di un problema è il primo passo verso la risoluzione del problema stesso. Eppure della “fuga dei cervelli” se ne parla da diversi anni, ma senza fare nulla. Quando ancora non era presidente, Emmanuel Macron fece un appello a tutti gli emigrati francesi chiedendogli di tornare in patria, suggerendo loro quanto la Francia avesse bisogno di superare quella mentalità della “paura del fallimento” che blocca la crescita del paese.

E noi expat italiani? Beh, noi abbiamo avuto un ministro del lavoro, Giuliano Poletti, che ha detto che “alcuni italiani è meglio non averli tra i piedi”. Quindi non solo siamo stati spinti a lasciare il nostro paese perché non ci viene data la possibiltá di vivere in modo dignitoso in Italia, ma ci dobbiamo anche sentire insultati per questo. “Andate a Londra con le vostre belle lauree e poi finite a lavare i piatti o a lavorare nei bar e nei ristoranti”. Ho letto piú volte sui social media commenti simili. Questo è uno dei problemi di noi italiani: ci atteggiamo spesso a esperti di cose di cui non abbiamo nessuna conoscenza.

Lavorando come barista per cinque anni sono stata in grado di pagarmi l’università, almeno due viaggi in Italia e altre due vacanze all’estero ogni anno. In poco più di cinque anni di residenza qui, ho cambiato diversi lavori e non sono mai stata disoccupata per più di un mese. Quanti ventenni italiani possono dire lo stesso?

Il lavoro nella ristorazione è uno dei più facili per trovare a Londra, grazie ai migliaia di bar e ristoranti sparsi nella capitale. È per molti un punto di partenza, un modo per pagare le spese e nel frattempo ricostruirsi una vita. Molti expat riescono a fare altro nel corso degli anni e quelli che decidono di rimanere in questo settore hanno possibilitá di far carriera e guadagnare un bel salario, se vogliono.

L’esodo degli italiani, che non si limita soltanto ai giovani, è stato ignorato per molto tempo e poi, improvvisamente, è diventato uno degli argomenti piú discussi. Il problema è che, anche in questo caso, non si tratta di un dialogo. Ci sono tantissimi expats che hanno raccontato la loro storia, in centinaia di blog come questo, oppure intervistati da quotidiani regionali e nazionali. Quando l’ultima battuta è stata scritta, cosa ne rimane?

Soltanto un’altra storia di successo o fallimento, un’altra voce a questo infinita discussione se vale la pena o no vivere all’estero. E allora mi chiedo: perché invece di focalizzarci sul perché gli altri paesi attirano cosí tanti giovani, non iniziamo a interrogarci sui motivi per cui l’Italia non riesce a tenersi i suoi figli? Quante idee, quanti consigli, potremmo dare noi che conosciamo altri paesi, altri sistemi politici ed altre realtà. Eppure, quanti politici ci hanno mai chiesto cosa potremmo fare per cambiare il paese? Quanti politici ci hanno chiesto perché non torniamo? Cosa è stato fatto per spingerci a rientrare oppure per far si che altri giovani non seguano il nostro esempio?

Nella mia comicità spesso penso che ai nostri politici stia bene cosí. In fondo siamo dei numeri in meno sulla disoccupazione giovanile, delle pensioni in meno che lo Stato dovrà erogare e poco importa se altri paesi sfrutteranno al meglio l’istruzione che lo stato italiano ci ha pagato. Le nuove generazioni partono, lasciando indietro quelle vecchie (più facilmente manipolabili attraverso i social media e notizie false) e coloro che si “accontentano” di vivere in questa situazione.

Se qualcuno dice “io non ci sto” allora deve per forza essere migliore o peggiore dell’altro. Quante volte mi sono sentita dire “ma tu sei più coraggiosa di me”, oppure “io sono così legata alla mia famiglia, non potrei mai fare quello che hai fatto tu”, come se chi decide di partire debba essere per forza più indipendente o meno legato alla famiglia.

Italiani contro italiani. Sono passati più di 150 anni dall’unità italiana eppure degli italiani, a mio avviso, ancora non c’è traccia. Forse il motivo è che ci vediamo diversi, e lo siamo: ogni regione nel nostro paese ha le sue tradizioni, la sua lingua, una sua realtà che è totalmente diversa da quella delle regioni confinanti.

Ed esattamente come accade con le culture e tradizioni straniere, anche questa diversità ci disturba e ci divide.

Intervista ai fondatori di CONSELF srl

Oggi vi raccontiamo la storia di quattro ragazzi italiani che – udite! udite! – decidono di aprire la propria attività proprio nel nostro bel Paese, dopo diverse esperinze all’estero. “Cervelli di ritorno”, direbbero alcuni.
Tra studi ed esperienze in Italia, tra la provincia di Varese e Cagliari, tra il Canada e Glasgow, eccovi l’esperienza di Ruggero Poletto, Alessandro Palmas, Alberto Palazzin e Andrea dal Monte.

I nostri Italians, appena 30enni, si raccontano così…

 

Ciao Ruggero, sappiamo che con alcuni tuoi amici, oggi soci, hai fondato CONSELF, e sappiamo anche che il frutto del vostro lavoro ha potuto prendere vita grazie anche a ciò che avete appreso in Italia prima e all’estero poi: raccontaci pure la tua esperienza.

[​Ruggero​] Ciao a tutti. Come potete vedere, la mia vita è stata abbastanza frenetica fino ad oggi. Quello che, probabilmente, si nota subito è l’esperienza di 3 anni che ho fatto in Inghilterra. Dopo la laurea infatti, spinto dalla voglia di conoscere e di vedere il mondo, mi sono spostato a Manchester a svolgere un dottorato di ricerca, PhD in inglese. Quella è stata la svolta della mia vita: ho conosciuto moltissime persone da ogni parte del mondo, ho ampliato i miei orizzonti e soprattutto ho visto una logica di vita differente. Poi, dopo 3 anni fuori casa, ho deciso che, come dice Renzo Piano in una famosa intervista di Fabio Fazio, fosse giunto il momento di riportare in Italia quanto appreso, e così ho trovato lavoro presso un’azienda informatica di Cagliari prima, ed un’azienda di ventilazione di Brescia poi. In entrambi i lavori mi sono scontrato con quello che può chiamarsi il difetto “italia” più grosso e che riassumo nella frase: “​sono 40 anni che faccio così e va bene, perchè cambiare …​”.Ed eccomi quindi a fondare un’azienda come socio di 3 colleghi dove sperimentare ed evolvere sono le basi e l’essenza dell’attività.

[​Alessandro​] Cosa vuoi fare nella vita professionale? Che piano hai per raggiungere i tuoi obbiettivi? Queste sono due domande che tutti gli studenti frequentanti gli ultimi anni di università dovrebbero cominciare a porsi. Meglio presto, piuttosto che iniziare a ragionarci quando inizi a fare i primi colloqui, le prime proposte di lavoro. Senza una risposta a quelle due domande, anche valutare una proposta di lavoro non è semplice: è una occasione che ti porta più vicino ai tuoi obbiettivi? Come fai a saperlo senza averli definiti? Avrei voluto pormi prima queste domande, che si sono concretizzate piano piano, tra la fine del corso di laurea a Torino e il master a Glasgow. Essere sottoposto a tanto stress e stimoli ti obbliga a guardarti dal di fuori e a trovare la tua bussola personale. In questi contesti, dove trovi gente da Cina, USA, India, Australia, capisci che se vuoi ottenere quello che desideri devi lottare nel senso migliore del termine. E così anche se mi sarei potuto “accontentare” di un contratto a tempo indeterminato in una realtà delle più sicure in ITALIA, multinazionale che offriva diverse possibilità di carriera, ho scelto, a passi di importanza crescente, una strada diversa. La strada dell’avventura nel mondo professionale.

Cos’è che all’estero hai trovato e che in Italia invece non c’era, a livello formativo e professionale?

[​Ruggero​] L’esperienza all’estero è stata importantissima dal mio punto di vista. Vivere e non fare una semplice vacanza all’estero fa veramente vedere delle differenze tra il mio paese, l’Italia, e quello che ti ospita, l’Inghilterra nel mio caso. Non sono qui a decantare un paese o l’altro, ma una differenza degna di nota bisogna citarla. Avete presente il proverbio “​sbagliando si impara​”? In Inghilterra questo proverbio trova piena applicazione: mentre in Italia noto spesso che le persone, le aziende e i governi ripetano continuamente gli stessi errori e non vi sia mai un momento in cui ci si ferma e ci si chieda “​ma come posso migliorarmi rispetto a quanto fatto ieri​”, in Inghilterra questo proverbio è applicato nella sua forma più pura e positiva, attraverso un cambiamento continuo e progressivo delle persone e dei sistemi.

[​Alessandro​] Si sente dire spesso, ma a livello di conoscenze in Italia non abbiamo nulla da invidiare all’estero. E tantomeno dal punto di vista della scintilla, dell’intuizione scientifico/culturale. Ma sono convinto di una cosa: io vedo l’Italia spaccata in due, vedo da un lato l’Italia ingiusta, quella dei falsi invalidi, l’Italia degli appalti truccati e dei concorsi con raccomandati. Dall’altro vedo un’Italia brillante, con persone che hanno molta più voglia di impegnarsi di quanto non ne abbiano negli altri paesi. Gli italiani brillanti, sono quelli che lavorano con maggior impegno anche in contesti internazionali, sono quelli che sanno trascinare, sanno far sognare, sanno illuminare. Credo che il problema italiano sia che per logiche speculative purtroppo la prima italia, quella negativa, non permetta a quella positiva di spiccare il volo. Cosa servirebbe? Meritocrazia spietata. Quando dico spietata intendo che in tutto, dal lavoro alla vita quotidiana, debba essere premiato l’impegno come unico driver di progresso personale nella società.

Quand’è che avete deciso di tornare e riportare le skills apprese nel tuo/vostro Paese natio?

[​Ruggero​] E’ difficile dare una data esatta. Ma direi che due avvenimenti sono stati importanti: un’intervista di ​Renzo Piano ​che ho citato poco fa, ma anche la presa coscienza che lì in Inghilterra stavo ricreando la mia Italia attraverso una rete di amici con una situazione simile alla mia. E come si avvicina la fine del percorso di studi e si fanno scelte lavorative, quindi in qualche modo rivoluzionarie per le proprie vite, ho deciso che la mia volontà fosse di tornare in Italia e non di creare l’Italia da qualche altra parte.

[​Alessandro​] Nel mio caso tornare è qualcosa dovuto principalmente a fattori esterni al campo professionale. In Italia abbiamo delle “condizioni al contorno” perfette: dal clima alla cultura, tantissimi elementi costituirebbero l’ambiente perfetto per sviluppare la propria attività o portare avanti la propria carriera. E anche il modo di lavorare degli italiani brillanti di cui alla precedente domanda è un elemento di forza.

La mancata corrispondenza tra capacità acquisite durante il percorso di studi e il mondo del lavoro credi sia uno dei fattori fondamentali della fuga dei talenti italiani? O quali sono secondo te le motivazioni di quella che possiamo chiamare una vera e propria migrazione di massa?

[​Aberto​] Generalizzare credo sia riduttivo, sono molteplici i fattori che causano questa migrazione di massa. L’innovazione e la conoscenza stanno vivendo una globalità senza precedenti. Mi piace pensare che i talenti italiani non siano in fuga, siano invece alla ricerca di nuove esperienze, opportunità e idee. In questa visione, ogni paese deve essere sia un produttore che un consumatore di “cervelli”. L’Italia è un ottimo esportatore di talenti, ma non è abbastanza attraente nell’importarli.

Credi che in Italia la meritocrazia sia un concetto ormai perduto? Quando eri/eravate all’estero quali sono le differenze che hai/avete notato in maniera più marcata?

[​Andrea​] In Italia purtroppo vedo in generale poca meritocrazia e molte persone fare strada grazie alle loro conoscenze ed ai loro contatti. E molte altre persone mantenere il proprio posto, di rilievo o no, anche se non hanno piu le motivazioni, anche se ci sono un sacco di giovani magari con poca esperienza ma pieni di entusiasmo e di voglia di mettersi in gioco. Questo avviene sia perchè magari una certa posizione è vista quasi come un diritto acquisito sia perche semplicemente c’è una certa immoblità al cambiamento e alla valorizzazione delle persone. Però la meritocrazia non è un concetto perduto, se una persona è scaltra prima o poi fa strada, anche cambiando lavoro/azienda se non si sente valorizzata.
Personalmente in ambito professionale ho conosciuto anche persone che puntano a valorizzare chi lo merita e le loro ditte saranno quelle che sicuramente usciranno a testa alta dal crisi. Anche in ambiente accademico è difficile non notare questa differenza quando si vede un sistema universitario immobile in Italia con sempre le stesse persone che insegnano da anni senza portare più un contributo alla ricerca mentre all’estero i giovani ricercatori italiani emigrati fanno carriera e ottengono riconoscimenti. Però anche qui in alcuni casi vedo dei cambiamenti, molti giovani professori che ho conosciuto sono molto preparati e competente e questo mi fa ben sperare per il futuro.

Se fossi restato in Italia senza mai spostarti, credi che il tuo attuale stile di vita sarebbe arrivato lo stesso?

[​Ruggero​] Sicuramente un’esperienza all’estero è fondamentale al mondo d’oggi. Ovviamente la risposta è no: non sarei lo stesso Ruggero, avrei oltre che meno conoscenze di aerodinamica, anche un modo di vedere il mondo assolutamente differente.

Cosa pensi che manchi all’Italia per riportare le proprie eccellenze a servizio del Paese ecosa dovrebbe fare, secondo te, per incentivare questo ritorno (o far sì che non si scappi più)? Come mai sei tornato?

[​Alessandro​] Mi viene difficile pensare i mezzi per attuare il cambiamento, ma credo che la base debba essere questa: scelgo di stare in un posto quando sento che c’è un filo diretto tra il mio impegno e quello che raccolgo. E’ avere la certezza che, se mi impegno al massimo, avrò dei risultati in linea con quanto fatto. Sapere questo ti porta ad esporti maggiormente, a scommettere, perchè sai che, in un gioco pulito, vince chi è più bravo. E’ un termine che ripeto, meritocrazia.
Meritocrazia nei concorsi, meritocrazia nei finanziamenti, meritocrazia nei riconoscimenti.

Quanto pensi sia grave il fenomeno della fuga dei talenti italiani? Cosa pensi, personalmente, di questa continua fuoriuscita di talenti?

[​Alberto​] I cervelli e i talenti devono potersi muoversi senza restrizioni e confini, non mi spaventa il fatto che gli italiani possano andare all’estero. Ogni paese esercita una forza d’attrazione sui “cervelli” ed è connessa a conoscenza, innovazione e capacità di offrire opportunità per realizzare le proprie idee. Il problema dell’Italia sta nell’essere un paese poco attraente; produce ed esporta ottimi talenti ma poi non riesce ad essere altrettanto efficace nell’attirare e importatore persone sia italiane che estere.

Siete contento/i della vostra attività, qui in Italia? Credi/credete che se foste rimasti all’estero le cose sarebbero andate diversamente? Come?

[​Andrea​] Sono molto contento dell’attività qui in italia. Ho l’impressione che la stessa attività all’estero avrebbe avuto una spinta molto piu forte, magari avrebbe attirato maggiore interesse, investimenti di maggiore entità ecc. Però forse non l’avrei vissuta con lo stesso entusiasmo, farcela in Italia lo vedo come un plusvalore ed un soddisfazione personale.
Potremmo riassumere tutto con poche parole: partire, imparare e – con una buona dose di coraggio – tornare! E tornare per costruire, migliorare, creare.

Ringraziamo i ragazzi di Conself per aver condiviso con noi la loro storia e ci auguriamo che i loro sogni e progetti crescano e possano dare fiducia e un po’ del loro coraggio a tanti altri giovani talenti italiani.
In bocca al lupo ragazzi e… a presto!