Articoli

La formula per la “renaissance” africana? Puntare sul potenziale dei giovani!

Investire sul potenziale dei giovani e nella produzione agricola: ecco dove partire per la “renaissance” africana. Parola di Carlos Lopes, ex segretario esecutivo della Commissione Economica delle Nazioni Unite per l’Africa. Nell’intervista al magazine African Business, Lopes parla chiaro: “Non é meramente un copia-incolla del successo asiatico di Cina e Corea del Sud di tecnologia e industrializzazione, ma la volontà e la forza dell’Africa di distruggere il loro modello industriale corrente, e crearne uno più innovativo, sfruttando il potenziale della gioventù”.

E la gioventù cerca lavoro in Africa. Secondo i dati della Banca di Sviluppo Africana, 6 delle 10 economie maggiori del mondo si trovano proprio in Africa sub-sahariana. Studi delle banca mostrano come la traiettoria del tasso di disoccupazione giovanile sia in lenta ma costante discesa. Discesa iniziata nel 2012, partendo dal 10.9 % e arrivando nel 2017 al 10.8 %.

Un grande problema che affligge da sempre l’Africa (solo?) é la disuguaglianza sociale. Un prodotto derivante dai limiti culturali delle società patriarcali dove le tradizioni, i riti e gli stereotipi di genere sono sempre più accentuati. Le donne, più degli uomini, faticano a trovare lavoro perché relegate in casa come madri e mogli, senza opportunità di raggiungere successi imprenditoriali. Per sostentarsi, molte fra di loro trovano lavoretti nel settore informale, id est in piccole boutique di alimentari o vendendo le proprie creazioni di bigiotteria a basso prezzo.

Un altro problema é l’aumento demografico. Dati delle Nazioni Unite stimano a 1.1 miliardi di abitanti il continente africano e, sempre secondo le previsioni onusiane, la popolazione arriverà a quota 2.4 miliardi nel 2050. La popolazione giovanile, intanto, continuerà a crescere: ad oggi sono 200 milioni i giovani tra i 15 e i 24 anni, quota che aumenterà nel continente di circa 5 milioni di unità per ogni anno da oggi fino al 2035.

Al contrario, nel resto del mondo la popolazione invecchierà sempre di più. L’aumento dei giovani nel continente (al 2050 saranno circa 840 milioni) rischia di comportare, a condizioni economiche invariate, anche l’ascesa di movimenti ribelli e la formazione o reclutamento in gruppi militanti e organizzazioni terroristiche (si veda Al Shabaab, Boko Haram e ISIS). A conferma di questi timori un rapporto delle Nazioni Unite programma di sviluppo afferma che “molti giovani, per disperazione e senza lavoro, si uniscono a queste organizzazioni, per il soldo facile”. Il rapporto continua denunciando “il brainwashing – il lavaggio del cervello” a cui sono sottoposti i neofiti e la persuasione “su chi é buono e chi deve invece essere annientato, e in fretta”.

Secondo il magazine di questioni africane, African Renewal, la crescita demografica può essere una “bomba ad orologeria o una grande opportunità”. Il magazine continua sull’onda dell’opportunità: l’aumento demografico di giovani porta molte nuove idee, spirito di innovazione, collaborazione e creatività. Segue questo indirizzo anche la Bill e Melinda Gates Foundation, che si trova ottimista sulla necessita per i governi e per il settore privato di investire sulle capacità tecniche e professionali dei giovani. A sostegno e per assicurare coesione sociale e rafforzare la stabilità politica dei paesi africani.

Le agenzie delle Nazioni Unite poi, da ONU Donne a UNESCO, potenziano i loro interventi e collaborano con i governi per rompere gli stereotipi di genere (la prima) e per promuovere ricerche e scoperte scientifiche giovani donne scienziate (la seconda). Il secondo programma – chance per la tecnologia, la scienza e l’innovazione – sta prendendo piede nelle vite e nel progresso industriale africano (vedesi il programma – risultato di una partnership pubblico/privata – di L’Oréal e UNESCO For Women in Science).

Tutti questi programmi sono indirizzati a migliorare le condizioni socio-culturali delle popolazioni, puntando sul soft power degli organismi internazionali, tenendo alti e saldi gli ideali di pace, rispettando la dichiarazione universale dei diritti umani e le convenzioni ONU. L’obiettivo che stiamo faticosamente cercando di raggiungere potrebbe costituire (questa è la nostra speranza) il fondamento per un più approfondito dialogo interculturale, maggior rispetto reciproco, spirito di coesione e di apertura al mondo, tutti soft skills necessari per rendere stabili società in continuo cambiamento.

La grande domanda però é un’altra: come sradicare la povertà e incamminarsi verso una strada sostenibile di sviluppo e autonomo progresso economico ed industriale? Un mondo dove l’economia possa finalmente sbocciare e permettere alle popolazioni di crescere e prosperare, non solo sopravvivere? E scappare?

L’ex capo della Banca di Sviluppo Africana, David Kaberuka, economista rwandese, ora a capo della Soutbridge – una banca investimenti per clienti e soluzioni pan-africane – parla di “maggior sinergia ed interazione tra il settore pubblico – i governi – e settore privato dove il settore privato sia indirizzato alla pianificazione e i governi mettano in campo le soluzioni”. Il nostro caro Lopes invece, punta alla “agro-processing” quel processo dell’industria agroindustriale che vede la trasformazione di materie prime e prodotti intermedi derivati dal settore agricolo, dalla silvicoltura e dalla pesca in beni di consumo e di distribuzione a livello locale, nazionale e panafricano.

Questa idea non é poi cosi male: ma per far sì che i giovani si appassionino di agricoltura e amino essere a contatto con la loro terra, dalla semina al raccolto divenendo business women e men, c’è un grande bisogno di incoraggiamento. Come finanziamenti e agevolazioni che li segua nel processo di produzione, logistica e distribuzione di alimenti. Una manna per il benessere economico (fisico e mentale) delle loro comunità. Questo implicherebbe una minore densità di popolazione nelle città (diminuirebbe la corsa alla ricerca di lavoro nelle grandi città africane – Dakar, Nairobi, Johannesburg, Cairo…). Si sfrutterebbe maggiormente il potenziale umano dei milioni giovani in cerca di lavoro. Si esalterebbe un mix di tecniche professionali agricole e manageriali, di strategie business per rendere il lavoro dei campi redditizio – quindi maggiori posti di lavoro creati e occupati.

Ne conseguirebbe una maggiore produzione e produttività agricola. Meno persone senza lavoro, quindi meno povertà. E, in generale, migliori condizioni economiche e sociali per le persone. Per concludere: minor stress in città più vivibili e reddito da lavoro che permettano alle persone di condurre un migliore stile di vita. Mia nonna per farmi mangiare mi diceva sempre che la mente é sana quando ci alimentiamo bene. Il segreto per una buona alimentazione sta nel conoscere la fonte del nostro benessere. E, perché no, lavorarci su.

Parliamo della Cina in Africa, il “secondo continente della Cina”

Al Forum della Cooperazione Cina-Africa del mese scorso a Pechino, il presidente cinese Xi-Jinping ha annunciato 60 miliardi di dollari in nuovi finanziamenti in Africa.

Le otto maggiori iniziative della cooperazione Cina-Africa sono: promozione industriale, connettività delle infrastrutture, facilitazione del commercio, sviluppo verde, capacity building, sanità, scambi culturali, pace e sicurezza.

Dove l’Europa vede rischi come migrazione, terrorismo, instabilità politica, la Cina vede invece opportunità come risorse naturali e preziosi minerali. L’Africa ha infatti petrolio, rame, cobalto e minerali di ferro: per questo rappresenta un grande mercato per produttori cinesi e società di costruzioni, ed è un veicolo promettente per l’influenza geopolitica cinese. Ma il comportamento degli attori cinesi in Africa non è esemplare: vi sono stati reclami legittimi di aziende cinesi che impiegavano africani del posto maltrattandoli, sottopagandoli e ponendo poca attenzione alla cura dell’ambiente.

Tra il 2000 e il 2017, gli investimenti diretti esteri cinesi in Africa – in miliardi di dollari – hanno visto protagonisti l’Egitto (24 miliardi di dollari) seguito dalla Nigeria (6 miliardi di dollari), dall’Algeria, Sud Africa, Mozambico, Etiopia, Angola, Niger, Zambia e Marocco (2.5 miliardi di dollari).

Rinominato il “secondo continente della Cina”, l’Africa è diventata sempre di più un laboratorio di idee e di significato strategico per il commercio internazionale (porto di Gibuti, e risorse naturali della Nigeria). Circa un milione di imprenditori cinesi si sono trasferiti in Africa, imparando la lingua e apprendendo le dinamiche del territorio in maniera strategica.

Vivendo in linea diretta le nuove infrastrutture, le strade, i ponti, le residenze e i mezzi di trasporto costruiti dai manager cinesi in Africa dell’est, poso testimoniare due sono le tendenze di pensiero in merito alla questione cinese in africa sono due: diritti umani e protezione lavorativa da un lato, pensiero e azioni lungimiranti per il progresso industriale dell’Africa dall’altro.

In maniera alquanto bizzara, ma reale, coloro che si schierano per i diritti umani e la protezione dei lavoratori siamo perlopiù noi occidentali (o come siamo chiamati qui, i musungu, i bianchi). Chi si schiera invece per il progresso industriale é la popolazione africana stessa. Un caso eclatante è stato esposto dal giornale americano The New York Times –  Kenyans say Chinese investments brings Racism and Discrimination – in un articolo in cui espone la vicenda cinese sotto una diversa prospettiva e in cui si da voce ai kenioti, i quali avrebbero lamentato episodi di discriminazione e razzismo da parte dei cinesi, che a quanto pare avrebbero soprannominato i kenioti “scimmie”, con accezioni a dir poco negative ed umilianti.

La popolazione cinese in Kenya attualmente conta circa 40.000 persone; molto spesso vivono in grandi edifici con poca interazione con la popolazione locale. Lavorano e non conoscono le dinamiche del territorio. Le condizioni lavorative per entrambe le parti non sono le migliori. La vita sociale é minima per i cinesi, i kenioti vengono sottopagati e trattati al limite della dignità umana. Dobbiamo riflettere su questi punti e sull’influenza di questa Grande Cina, potenza in via di espansione, che gioca alla strategia del controllo dei mari e della win-win cooperation, cooperazione che dovrebbe appunto vedere entrambi vincitori, Cina e Africa, puntando sugli istituti di cultura e sugli scambi tra università e soft diplomacy.

Dalla parte africana, invece, ho avuto modo di confrontarmi con specialisti del commercio internazionale, con storici ed educatori di scienze umane e sociali, accomunati tutti dall’apprezzamento per la lungimiranza cinese. In breve, l’idea comune è questa: è il turno dell’Africa di saper negoziare per l’industrializzazione dei propri paesi. Come scrive anche il Foreign Policy, l’aiuto cinese e gli investimenti sono positivi per l’Africa. Questo perché l’assistenza cinese consiste, per la maggior parte, in crediti all’esportazione e in prestiti per le infrastrutture (molto spesso con poco o zero interesse). E le sue caratteristiche sono: flessibilità, velocità e zero condizioni.

Secondo gli studiosi africani, sono ora i governi africani a dover fare girare la ruota dell’economia e ad utilizzare questi investimenti nei loro paesi per industrializzarli. I Paesi africani devono, quindi, divenire i “proprietari” di questi investimenti, migliorando le competenze, le abilità dei lavoratori ed imparando le tecniche dai cinesi che, in termini di tecnologia ed innovazione, sono molto avanzati.

Not merely receivers, but proactive transformers of the opportunites“. Ossia “non meramente riceventi, ma proattivi trasformatori delle opportunità“. Questo è il pensiero comune con cui mi sono confrontata nell’ultimo periodo di acceso dibattito Cina-Africa.

Viviamo per vedere. Ma si sa, la Cina lavora sul lungo periodo. Impariamo e osserviamo.

 

Una famiglia di navigatori e viaggiatori

Mio padre mi ha insegnato, sin dall’infanzia, a guardare la mappa del mondo e collocarmi geograficamente in essa.
Dove sei ora? Dove ci troviamo? In quale paese, in quale città, in quale parte del continente, in quale pezzo di mondo? Sono sempre stata affascinata dalla grandezza del mondo, e soprattutto dall’immensità (e dall’essere infinito) dell’oceano. Qualcosa di non definito, ma che continua, fino all’infinito, e che tocca il cielo, e che non ha mai fine (o che, per lo meno, il nostro occhio non vede la fine). Questo mi permette di immaginare tanti mondi, tante persone, tante vite, tante nuove situazioni, e, perché no, seguire questo cammino di infinito oceano, infinito abbraccio al mondo.

Durante le elezioni presidenziali del Kenya, 8 agosto, ho osservato la popolazione keniota da Zanzibar, isola
appartenente, dopo varie dominazioni e protettorati, alla Repubblica Unita della Tanzania, nell’Africa dell’Est.
Sorvolando il Kilimanjaro, sono arrivata a Stone Town, la capitale dell’isola di Zanzibar, dopo un’ora di volo da Nairobi, Kenya.

Stone Town, patrimonio mondiale dell’UNESCO dal 2000, è una fusione di culture araba, africana e indiana, cuore del commercio di spezie durante il diciottesimo e il diciannovesimo secolo. Scoperta nel 1503 da Vasco da Gama e dagli esploratori portoghesi, la città è stata un crocevia di commercio marittimo tra mercanti arabi, cinesi, indiani e europei.

Conosciuta anche per la triste storia della tratta degli schiavi, pratica fortunatamente abolita durante il protettorato britannico nel 1842, è ancora possibile visitare l’ex mercato in cui donne, bambini e uomini venivano “trattati” e da dove partivano per essere malamente sfruttati nelle piantagioni di cannella, di chiodi di garofano, di pepe nero e di noce moscata. Un’opera d’arte di sculture rappresentanti gli schiavi del tempo è visibile all’estero della chiesta anglicana, costruita a seguito dell’abolizione della schiavitù.

Altra meravigliosa esperienza è il tour delle spezie, nella piantagioni di frutta e aromi speziati, con degustazioni e esperienza con i locali e la loro conoscenza approfondita delle piante e dei frutti, del loro utilizzo e delle loro proprietà benefiche per il corpo umano.


Da Stone Town si può prendere una barca e visitare l’isola, erroneamente chiamata “isola prigione” poiché veniva utilizzata per allontanare le persone malate, in quarantena. In quest’isola si possono vedere tartarughe giganti, da 1 anno fino a 133 anni, natura sempre attorno a noi.

Zanzibar è anche conosciuta come luogo turistico, di spiagge e acqua turchese, per viaggi in barca, buon cibo di pesce, aperitivi sulla spiaggia, bungalows di turisti italo-spagnoli, oceano cristallino e possibilità di assistere a tramonti mozzafiato, consapevoli che questo mondo, per quanto fantastico e sognante possa essere, cela un lato di povertà.

Fuori da questa ricchezza turistica, in cui le persone sono molto accoglienti e in cui, ci si sente a casa, in una grande
famiglia e avvolti da sentimenti di unità nelle differenze, la diseguaglianza di ricchezza, di qualità di vita e di potere d’acquisto sono evidenti. Usciti dai bungalows, ci si incontra e scontra con le case locali, molto semplici e carenti di decorazioni, piscine e attorniate da piantagioni in cui le persone lavorano per poter nutrire le loro famiglie.

La mia visione del mondo sta cambiando. Un mondo meraviglioso e da scoprire, sì, e di questo sono certa ogni giorno, ma al contempo con tante difficoltà e ingiustizie, specialmente vedendo le enormi disparità sociali, le disuguaglianze e la distribuzione irregolare della ricchezza (a proposito di queste tematiche, tornando a casa ho iniziato a leggere Joseph Stiglitz, economista americano e i suoi studi sul great divide, quello che ci divide é proprio questo, le diseguaglianze economico-sociali e come poter trovare soluzioni per colmare questa grande divergenza).
Vi aggiornerò su quello che scopro e su come agire per raggiungere impatti tangibili e concreti!

Grande rivelazione, viaggiare per credere, incontrare culture, nuovi modi di vivere, per creare nuove idee di sviluppo e di progresso, per cercare soluzioni concrete ai problemi locali. Insieme, continuiamo a viaggiare, a vedere, ad osservare, a studiare, ad approfondire, e a trovare soluzioni per un mondo migliore. Per il benessere collettivo.

Ciao, alla prossima avventura!