Articoli

Di sogni e traslochi. Un nuovo mondo: Madagascar

Mi sono ritrovata a vivere su un’isola. Il sogno di una vita, un posto dove poter essere tranquilla e aiutare chi ha veramente bisogno, soprattutto e specialmente in termini di bisogni alimentari.

Il Madagascar é la quarta isola più grande del mondo. Qui l’80% della popolazione vive in condizione di povertà. E il basso reddito unito alla scarsa attività agricola contribuiscono all’insicurezza alimentare e nutrizionale. Situazione che si è ulteriormente aggravata dal declino delle risorse naturali, dai sempre più frequenti e gravi shock legati al clima (come ad esempio cicloni e lunghi periodi di siccità) e dalla capacità limitata di governance del paese. Per non dimenticare poi il problema delle infrastrutture, della disuguaglianza di genere e di tutta una serie di pratiche tradizionali che sostengono la malnutrizione.

Rimaniamo su numeri e dati, perché anche questi servono per capire il Madagascar. Sono in un posto in cui il 47% dei bambini al di sotto dei 5 anni soffre di problemi legati allo sviluppo e alla crescita a causa di malnutrizione. Il 44% della mortalità infantile è associata alla denutrizione.

Le cause della fame sono tante e sono dovute principalmente a dei gap esistenti nel design e nell’implementazione delle politiche nazionali, nei bassi investimenti nelle capacità istituzionali e nello scarso valore nutrizionale delle diete nazionali. Ma anche nelle scarse infrastrutture igienico-sanitarie, nella bassa produttività dei sistemi agricoli, nell’insicurezza locale e negli investimenti limitati in infrastrutture rurali. Ed influiscono anche problemi e situazioni in cui si verificano discriminazioni basate sul genere e norme socio-culturali che contribuiscono a sostenere il basso status sociale delle donne, dei bambini e dei gruppi emarginati.

Accanto a questi dati c’è un altro Madasgar. Il Madagascar è anche un’isola paradisiaca, meta turistica di spiagge, parchi nazionali e ricca di biodiversità. Sull’aereo per arrivare qui, la settimana scorsa, i miei vicini di volo erano una felice coppia tedesca, ora in pensione, e volenterosi di viaggiare verso una grande isola, con l’Oceano Indiano tutto attorno.

Le prime impressioni sono di una città tutta in salita, con tante scalinate e tanti diversi colori di palazzi. Stile francese per la lingua e per la storia di colonizzazione, i Malgaches (gli abitanti di Madagascar) sono affabili e gentili, molto pacifici e pazienti. Nella capitale ci sono moltissimi bambini in strada e una quantità enorme di mercati – a tutte le ore del giorno – della frutta, della verdura, di elettronica, di vestiti, di libri.

Mi sembra di essermi tuffata nel passato per aiutare le popolazioni presenti. Con l’espressione Mens sana in corpore sano impressa a caldo nella mia testa, sono convinta che qui possiamo fare tanto per fare in modo che bambini delle scuole elementari abbiano il cibo a sufficienza per crescere sani e forti, per studiare e per avere future grandi opportunità di lavoro e vivere bene.

Un’altra cosa che sto imparando a conoscere è che ai Malgaches piace molto la frutta (in questo momento è la stagione dei cachi e dell’ananas) e cantare! Mi trovo già in sintonia con loro. La prima canzone cantata insieme è quella di Richard Anderson- Reality, colonna sonora del tempo delle mele – durante un embouteillage – il trafffico della città!

 

Un’esperienza a cinque e più stelle: il racconto dal London Film Festival

Polvere di stelle e glamour: i red carpet sono conosciuti come un’esperienza da incanto. Oltre ai privilegiati ospiti, gli accecanti flash a mitraglietta sono le spie della presenza di un altro gruppo presente: i media costeggiano il tappeto di premiere e gala per raccogliere un po’ di quella polvere di stelle ed illuminarci qualche pagina del loro giornale o studio radiotelevisivo.

Trascinata dall’entusiasmo e dal mio perenne desiderio di imparare, per la prima volta quest’anno sono stata coinvolta nel reportage del London Film Festival. Ho abbracciato l’esperienza a dir la verità con molto poco glamour, in scarpe da ginnastica e capelli raccolti a coda di cavallo last minute. Ma ripensando a quei miei due giorni di corse e trepidazione, non è difficile notare il salto nella formazione acquisita in campo.

Il Festival del cinema – anche conosciuto semplicemente come il BFI dal maggiore ente patrocinante, il British Film Institute – sbarca sul territorio inglese un mese e mezzo circa dopo che il fratello maggiore di Venezia ha fatto mostra della pregiata mercanzia. I quattordici giorni prevedono molteplici proiezioni delle pellicole in prossima uscita e premiere giornaliere. Presso i giardini dell’Embankment, vicino all’omonima stazione della metro che dà sul camminamento lungo il Tamigi, viene eretto un enorme tendone. L’altro principale posto che si fa bello per l’occasione è la piazza di Leicester Square, incubo della security per gli innumerevoli punti di entrata e la facile aggregazione di turisti e fan. In aggiunta ai cinema, pochi altri spazi sparsi che vengono occupati per particolari eventi.

Uno degli aspetti che mi attrae sempre molto in una calca simile della stampa è osservare gli esperti in azione: quali macchine fotografiche hanno, se c’è pronto il computer al loro fianco per un montaggio rapido, quanta aggressività mettono nella presentazione del microfono. Diverse agenzie, diversa preparazione.

Sebbene distante dall’area fotografi, i click sfrenati degli scatti erano i primi campanelli di allarme per l’arrivo di “qualcuno d’importante”. Da quel momento in poi, in tempistiche più o meno allungate, questo signor, signora o signorina avrebbe approcciato la media line. Oppure, si dedicava in parte o del tutto allo stuolo di ammiratori urlanti posizionati lungo l’altra sponda del red carpet.

All’interno del team per il magazine con il quale collaboro, ho rivestito sia il ruolo di cameraman che di intervistatrice. Sebbene mi fossi trovata già in precedenza a lavorare in entrambe le vesti, la frenesia e il concentrato qual è un evento del genere, hanno alzato non poco il livello di difficoltà.

Rapidità e veloci riflessi, oltre ad una bella dose di confidenza, erano i fondamentali ingredienti. Se non si scende in campo già attrezzati, ci si deve preparare presto ad acquistarli a colpi di domande.

Dai registi che rivelano esperienze personali molto forti dietro ai loro progetti, ad attori iper-entusiasti di chiacchierare con la stampa, dai pr con la manina già tesa per interrompere l’intervista dopo neanche cinque secondi dal suo inizio, ai selfie delle star. I giornalisti e reporters in erba che si trovavano alla nostra destra e sinistra diventavano quasi i colleghi di una vita, almeno fino a quando il proprio turno di avviare la registrazione si avvicinava, e la tensione saliva. L’obiettivo era di intrattenere l’intervistato quanto più a lungo possibile di fronte alla propria videocamera. Ed è qui che entrava in gioco la velocità unita a buone razioni di determinazione.

Per quanto riguarda maneggiare la videocamera, non potrò mai incolpare abbastanza le mie mani tremanti. Aggiustare l’altezza del monopiede, assicurarsi che luci ed ombre siano accettabili sul soggetto e che l’inquadratura sia non troppo ravvicinata, richiede movimenti fluidi (per evitare strattoni nel filmato) ed una certa rapidità. La regola da ricordare è semplice: un lieve spostamento del corpo macchina equivale ad un effetto terremoto nella registrazione. Date le premesse, avendo giusto una manciata di secondi prima che la star iniziasse a rispondere, ho dovuto addestrare le mie esitanti dita a diventare leggere come una libellula e rapide come una gazzella.

Passando invece al ruolo di intervistatrice, credo sia uno dei momenti più unici. Sebbene alcuni degli ospiti possano assumere atteggiamenti snob, l’interazione che si instaura con il giornalista è molto umana. Il dialogo diventa presto una conversazione rilassata. E stupisce quanto spesso le domande più ovvie si rivelano le più efficaci.

Ci sarebbero molte parole per descrivere l’emozione di trovarsi a meno di un braccio di distanza da giganti quali Steve Carell o Patricia Clarkson – un caso eccezionale è stato Timothée Chalamet, il quale ha completamente ignorato la stampa per dedicarsi ad abbracci e foto con i fan. Ma sarebbe una bugia dire che la magia dell’esperienza sia dovuta solo a loro. L’impaziente attesa, la sudata preparazione, le risposte dei vari talenti presenti, l’ascolto delle domande dalle altre testate, l’empatia con gli il resto del team: i livelli della persona coinvolti sono svariati.

Sebbene non un’ammiratrice dell’espressione in questione, ‘crash test’ forse è la formula idonea per descrivere il mio stato a quel tempo. L’adrenalina in corpo fa sparire ogni sensazione di spossatezza, ma poi rilascia la stanchezza in un carico unico alla fine. Come il crash test, l’ondata di informazioni e impressioni arriva tutta insieme. Ma da quei pochi secondi, feedback alla mano, insegnamenti vari e convinzioni diventano molto chiari.

Welcome on board! Enrico Pugliese – blogger #theitalians

Eccoci di nuovo qui, la ciurma si fa grande! Vi presentiamo oggi un nostro nuovo blogger, Enrico. Ci scrive dalla magica Parigi e noi già non vediamo l’ora di addentrarci nella sua nuova sezione blog che chiameremo “On vaut mieux que ça”, ovvero “Meritiamo di più”.

E allora eccovi una piccola prima presentazione del nostro nuovo autore ufficiale per The Italians Blog…

 

Studioso e consulente di politica, ricercatore votato all’insegnamento, Enrico si laurea nel 2008 in storia contemporanea. Cultore della materia all'Università di Roma Tre si trasferisce presto in Inghilterra dove nel 2013 riceve un Phd in European Studies grazie ad una ricerca sul rapporto tra cultura politica socialista e EC/EU. Negli stessi anni frequenta il dipartimento di European studies dell’Università di Amsterdam e svolge attività di ricerca presso l’Istituto di storia sociale della capitale olandese. Poi nel 2012, il ritorno in Italia, alla Fondazione Basso, dove approfondisce i temi della sovranità politica negli stati nazione europei, le forme delle solidarietà transnazionali nell’epoca della globalizzazione, la trasformazione degli spazi politici contemporanei. Nel 2013 partecipa in qualità di autore e di relatore al progetto del Ministero di Giustizia del Brasile “Democrazia, verità e giustizia” ricostruendo la memoria degli esiliati latinoamericani in Europa durante le dittature militari. Convinto sostenitore della formazione continua si diploma al master in management politico del sole24ore. A Parigi da due anni si prende cura delle sue più grandi passioni, la politica, il suo studio e la sua organizzazione, e l’insegnamento.

 

Enrico, welcome on Board !

 

Welcome on board! Gaia Paradiso – blogger #theitalians

Ci pensavate assopiti e in vacanza dopo la pausa di fine marzo? Ebbene, abbiamo ricche news e stiamo lavorando su più fronti per voi e per il lavoro di The Italians, ma andiamo per ordine… Cominciamo la settimana presentandovi Gaia Paradiso, new entry del team internazionale dei nostri blogger ufficiali !
 
Classe 1987, Gaia ha studiato Relazioni Internazionali presso l’università degli studi di Firenze e si trova ora a Dakar, dove lavora per UNESCO per il quale si occupa di comunicazione e informazione.
I suoi racconti, tra le pagine virtuali del nostro blog, saranno una finestra aperta sull’Africa, vista e vissuta in tutti i suoi aspetti dagli occhi della nostra Italians: occhi che si erano già fermati in Spagna, Belgio, Francia, Brasile e Stati Uniti.
 
Conosciamo dunque Gaia, una ragazza con un’attitudine decisamente positiva e piena di passioni, dalla fotografia al nuoto fino anche al canto, passando per tutto ciò che è arte, musica, cinema e Tv. Una Italians curiosa e piena di domande, con un futuro da reporter.
 
Gaia, welcome on board!

Welcome on board! Ambra Savoldi – blogger #theitalians

Buone nuove per The Italians! Oggi vi presentiamo Ambra, nuova blogger del team internazionale The Italians! Entusiasta, piena di energia e sì, diciamolo, anche divertente! Siamo sicuri che il suo blog The Italians vi appassionerà!
 
Ve la presentiamo così… Ambra, classe 1991 (Brescia), scrive da Londra, dove si è stabilita dopo quattro anni intensi di studio tra Italia ed estero. Si è laureata con lode alla Triennale di Mediazione Linguistica in Cattolica nel 2013 e alla Magistrale in Scienze Internazionali a Torino, nel 2015 studiando – nell’ordine – anche in Cina, Stati Uniti, Inghilterra e Belgio. Praticamente, con una valigia ai piedi del letto dal primo anno di università, fino ad oggi, dove quella valigia è appena finita in soffitta a tempo (per ora) indeterminato.
 
‘Italian’ irrequieta e ambiziosa, durante gli studi ha maturato esperienza di lavoro in università, charity e think tank curiosamente, sempre in terra straniera. Attualmente lavora come Analyst in una società di consulenza globale nella capitale inglese, ancora indecisa sulla carriera da intraprendere, chiedendosi molti ‘come’, pochi ‘dove’ e spesso persino qualche ‘cosa’. Certamente energia ed entusiasmo non le mancano: è appassionata di politica internazionale, arte e letteratura, e una lunga lista di altre cose grandi e piccole che descrive bene come sia una persona in ricerca di nuove fonti di ispirazione.
 
Welcome on Board!!

Estero better. Casa best.

Dalla finestra della mia camera, in una casa nel nord di Dublino, fisso con sguardo assente ma consapevole la gente passare, odo l’indistinguibile vociferare, vuoi per il sovrapporsi delle voci, vuoi per quell’accento tipico degli irlandesi nel parlare una lingua, resa così ancora più straniera. Lo strillo dei gabbiani mi avvicina al mare del mio Paese, mentre una macchina che va contromano mi riporta lontano migliaia di chilometri dal suo odore. Ah, testardi anglosassoni con le loro manie e la loro guida a destra.

Continua a leggere

Welcome on board! Giancarlo Chiarucci – blogger #theitalians

La ciurma si fa grande! Un nuovo blogger entra a far parte del team The Italians, Giancarlo.

Ve lo presentiamo oggi, in poche parole. Ve lo lasciamo scoprire passo passo, con i suoi post, presto online, ma nel frattempo…
Continua a leggere

Welcome on board! Alessandro Boni – blogger #theitalians

Alessandro Boni, classe 1982, è docente di Lingua e Letteratura Italiana presso l’Università Misurata. In Libia. Dal Novembre 2013 vive e lavora in una città controllata da una delle più potenti milizie del Paese in un caos, spesso calmo, che confonde. La vita di un professore universitario dedito e appassionato, e quella dei suoi studenti, che si mischiano con la realtà cruda di una guerra civile. Appassionato di letteratura da sempre, Alessandro non si è mai fermato. Dopo la laurea con lode in Italianistica, ha insegnato un pò ovunque, persino in Cina, all’Università degli Studi Internazionali di Sichuan (SISU). 

Continua a leggere

The Italians – Updates #2

Vi avevamo promesso delle novità, ed eccole qui.

A partire da oggi apriamo la caccia ai nuovi membri dei nostri team IMPRESA – FORMAZIONE – ENERGIA e non solo. Come vi avevamo preannunciato alle porte dell’estate, abbiamo deciso di aprire un nuovo panel di ricerca: CULTURA. Apriamo quindi il recruiting anche per questo nuovo team!

Vorresti partecipare o anche solo proporci la tua idea? Non devi far altro che mandarci una mail a info@theitaliansthinktank.com, o compilare il form nel nostro sito (oppure, ancora, scriverci un messaggio privato sulla nostra pagina Facebook) raccontandoci brevemente chi sei, spiegandoci perché vorresti partecipare (indicando quale panel è di tup interesse) e non scordare di allegare il tuo cv.

Vorremo darvi una data certa di chiusura del recruiting, ma come ormai ben sapete siamo tutti parecchio impegnati. Chiuderemo quindi il recruiting una volta raggiunto un certo numero di candidature interessanti, ma non temete, vi terremo aggiornati e quando avremmo deciso di chiudere le candidature, ve lo annunceremo con qualche giorno di anticipo, di modo che i ritardatari abbiano comunque il tempo di contattarci ed inviarci il materiale richiesto.

Spargete quindi la voce, ma soprattutto… FATEVI AVANTI! Non aspettiamo che trovare nuovi e volenterosi collaboratori!

 

Altra news della quale vi avevamo solamente accennato qualcosina tempo fa… A breve annunceremo anche i nomi dei primi blogger scelti. Siamo ancora nella fase dei “lavori in corso”, ma presto saremo pronti, le candidature sono già parecchie e, inutile dirvelo, siamo contentissimi! Se volete partecipare in quanto blogger (il profilo è quello del giovane italiano residente all’estero e che possa raccontarci qualcosa del suo campo d’expertise), non vi resta che contattarci il prima possibile specificando anche qui la vostra area di expertise e tutto quello che chiediamo anche ai nuovi ricercatori, con l’aggiunta magari di proporci qualche idea per il blog che avete in mente. La selezione per i blogger è sì leggermente diversa, ma vi basterà inviarci una mail coni dati richiesti e saremo felici di discuterne.

 

#THEITALIANS #UNCONVENTIONALTHINKING